Seguici sui Social

News

Diaconale sullo scontro Lotito Inzaghi: “Nessun contrasto, vicende gonfiate”

Pubblicato

in

Il responsabile della comunicazione Lazio Arturo Diaconale


Intervenuto sulle frequenze di RMC Sport, queste le parole del portavoce biancoceleste Arturo Diaconale sullo scontro Lotito Inzaghi.

Diaconale sullo scontro Lotito Inzaghi: “In quest’inizio di campionato ci sono particolari ‘caldi’ nei confronti della Lazio. Tutte vicende gonfiate e vuote di particolari significati. Il primo aspetto è indicato dal comunicato: una conversazione privata non può essere filmata e diffusa in questo modo, bisogna difendere la privacy e il diritto ad avere una particolare attenzione per i propri comportamenti. L’altro punto è relativo al contenuto: fa parte di una normale dialettica tra presidente e allenatore. Qualsiasi tecnico spera di avere 11 Ronaldo e staff medici all’altezza dei massimi liminari. Allo stesso tempo un presidente ha il diritto di poter rispondere che ciò non è possibile. Non c’è alcun contrasto tra Lotito e Inzaghi, c’è stata una discussione ma questo non intacca il loro rapporto e spero non turbi la squadra alla vigilia di una partita delicata”.

SCONTRO LOTITO-INZAGHI?

“Claudio Lotito è un personaggio sanguigno, lo conosciamo. Il rapporto è del tutto normale, sarebbe assurdo se questa dialettica non ci fosse. C’è bisogno di un interlocutore a cui fare una richiesta. Ci vuole buonsenso, possiamo considerare la vicenda come uno scontro familiare in un ambiente consolidato. Normali discussioni non possono essere trasformate in una terza guerra mondiale. Tra l’altro non so esattamente il giorno, ma è ad inizio agosto in piena sede mercato. Un mercato concluso con piena soddisfazione dal tecnico stesso dopo aver resistito alle sirene per Milinkovic. Anche la faccenda dei fisioterapisti è marginale e risolta anche quella. Inzaghi è una delle persone più equilibrate che conosca. Venerdì gli verranno fatte delle domande in conferenza, ma non vogliamo alimentare ulteriormente questa vicenda”.

CLIMA DI TENSIONE CONTRO LA LAZIO

“In questi giorni si sono scatenate due tempeste. C’è un clima di tensione creato esternamente. La vicenda dei volantini è una sciocchezza trasformata in un atto di razzismo. Ogni pregiudizio va condannato, ma bisogna avere sempre del buonsenso. Capita tutto soltanto alla Lazio, all’inizio della stagione e dopo ripetute vicende che lo scorso anno hanno cercato di condizionare l’andamento del nostro campionato. Sono contro i sospetti anche se ‘a pensar male si fa peccato ma delle volte ci si azzecca’. Sentiamo una pressione mediatica. Capisco i colleghi giornalisti, ma vorrei che quest’attenzione sia priva di pregiudizi. Ci sono una serie di fattori che si intrecciano e danno adito a iniziative che danneggiano la Lazio. Sul volantino sono stati chiesti provvedimenti drastici da parte del direttore generale della Lega. Chi ha responsabilità istituzionale di questo tipo dovrebbe avere un maggiore equilibrio. Non riesco a capire la sua interpretazione, la ritengo molto avventurosa. Ci troviamo in una condizione particolare, vengono addirittura già ipotizzate sentenze. Chiedo a tutti equilibrio e buonsenso. Tutte le opinioni sono legittime, ma le vicende vanno riportate alle giuste dimensioni”.

IL COMUNICATO DELLA LAZIO SUL VIDEO LOTITO-INZAGHI>>>LEGGI QUI

LASCIA UN ‘LIKE’ ALLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK

Continua a leggere
Pubblicità