News

INZAGHI Spunta la tesi di Coverciano: ecco la ricetta per allenare al top

Simone Inzaghi mister della Lazio

INZAGHI Spunta la tesi di Coverciano. Dove il tecnico biancoceleste spiega la sua ricetta per allenare al top.

INZAGHI Spunta la tesi di Coverciano. Un elaborato in cui già si intravedevano le sue doti di gestore nelle difficoltà. Il tecnico la scrisse nel 2014, ai tempi della Primavera biancoceleste, per prendere il patentino di prima categoria. Il primo passo verso la conquista del mondo, della Lazio e del calcio. In essa, il piacentino descrive il suo modo di intendere il gruppo, il ruolo dell’allenatore, leader e mediatore nella squadra. “Conta solo il gruppo”: una frase che sarà risuonata anche prima del delicato match con la Fiorentina. Ecco alcuni passaggi chiave della tesi.

– “Il noi viene prima dell’io: se il conflitto produce confronto diventa risorsa

– “Nessuna tattica può essere efficace se all’interno non c’è interazione

– “Le dinamiche di gruppo cambiano esito e successo di una stagione

– “L’analisi del 90’ va condivisa sul campo. Vedi i tuoi giocatori come si posizionano

– “Responsabilità e meriti, contano tutte le opinioni. Il mister è giudice

Passaggi che a molti ricorderanno quelli pronunciati da Al Pacino in “Ogni maledetta domenica”. Il famoso discorso dell’attore americano, nel ruolo del tecnico di una squadra di football: “O noi risorgiamo adesso come collettivo, o saremo annientati individualmente”. Se la Lazio è riuscita a rialzarsi dopo le sconfitte pesanti con Roma ed Eintracht, lo ha fatto grazie alla forza del collettivo. E’ stato questo a battere alla Fiorentina e dovrà essere sempre lui ora a trascinare la Lazio verso i successi che le competono. E che merita.

LEGGI ANCHE L’UFFICIALITA’ DI VENTURA AL CHIEVO

SEGUICI ANCHE SU LA CRONACA DI ROMA

CONTENUTI SPONSORIZZATI