Seguici sui Social

News

LAZIO JUVENTUS Inzaghi: “Non ricordo una Juve così in difficoltà…”

Pubblicato

in

Inzaghi, allenatore della Lazio a formello


LAZIO JUVENTUS Inzaghi al termine del match perso all’ultimo minuto su calcio di rigore trasformato da Ronaldo

Pubblicità

Lazio Juventus Inzaghi a Sky Sport: “Penso che quest’anno non ricordo in Italia e in Europa la Juve così in difficoltà, abbiamo fatto 9 tiri a tre, 8 calci d’angolo, ma il calcio è crudele. Dispiace per i ragazzi che non meritavano la sconfitta. Giovando così rimarremo in lotta fino alla fine. Stasera li ho bracciato uno a uno perché hanno fatto una grande partita. Partita negativa per il risultato perché i ragazzi sono stati bravissimi. L’unica pecca è stata il non fare il 2-0, nel primo tempo abbiamo fatto tantissimo, parate del portiere, rimpalli, dispiace ancora per il mancato raddoppio. Sono stati bravi al di là dei moduli, si sono sacrificati correndo, siamo sempre stati compatti. In alcuni momenti eravamo più aggressivi mentre in alti la Juve ci ha abbassati ma sempre senza far fare una parata a Strakosha. Dove c’era Douglas Costa tenevo i 5 più stretti”.

“Mi dispiace per i ragazzi perché non meritavano di perdere una partita del genere. Non abbiamo sofferto, non ricordo parate di Strakosha, è normale che quando subisci qualche gol l’errore è sempre di qualcuno. Strakosha ha respinto su Cancelo e la palla è passata in mezzo alle gambe di Radu. Sul rigore Lulic non ha notato che Cancelo fosse in fuorigioco di 3 metri e l’avrebbero bloccato. I difensori hanno stretto benissimo Ronaldo e Dybala. Dispiace non aver vinto una partita importantissima che ci avrebbe dato una grande autostima, c’è stato anche il gol fallito da Immobile con il portiere loro che era già a terra. Avevo chiesto grandissima personalità perché bisognava metterla e tecnicamente abbiamo giocatori di spessore. Hanno fatto quello che avevamo preparati, aggressivi, corti e compatti e avremmo merito almeno il pareggio se non la vittoria. Non ricordo una Juve così in difficoltà in tutto l’anno”.

“Il calcio di solito è crudele e con noi lo è stato quest’oggi. Non avevamo paura di vincere e non abbiamo tirato indietro la gamba altrimenti l’avremmo avuto dall’inizio. Anche perché hanno segnato su respinta di Strakosha e su rigore. Mi dispiace per Pippo, sono stra convinto che si rialzerà nel migliore dei modi perché è un campione nella vita e come fratello”.

SEGUICI SU FACEBOOK

LE PAGELLE DI LAZIO JUVE

Continua a leggere
Pubblicità