Seguici sui Social

Primo Piano

Lazio Immobile si racconta: “Cambiare per la Champions? La posso…”

Avatar

Pubblicato

il

PUBBLICITA

Lazio Immobile si racconta in una lunga intervista

L’attaccante di torre annunziata si è lasciato intervistare dall’emittente Lazio Style Channel parlando della sua famiglia, della Lazio e di lui come calciatore. Ecco le sue parole:

L’approdo alla Lazio: “Quando ero al Siviglia si parlavamo molto della mia cessione al termine dal campionato, la trattativa con la Lazio è stata veloce. Appena hanno fatto l’offerta io e la società abbiamo deciso immediatamente di accettare la proposta dei biancocelesti. Poi in casa Lazio c’era stato l’addio di Klose ed è stato tutto più facile perché c’era un posto vacante. Ovviamente sostituirlo non è stato facile. Diciamo che è stata una bella sfida. La mia alla Lazio fino ad adesso è stata più che positiva. Abbiamo vissuto momenti belli e brutti e ci siamo tolti molte soddisfazioni”.

Alcuni record: “Mi fa piacere entrare nei record di una società come la Lazio. Adesso sono a 80 gol, che in due anni e mezzo non sono pochi, ma voglio puntare a raggiungere nomi importanti della storia della Lazio. Piola è stato un grande, sia per la Lazio che per il calcio . Sarebbe bello raggiungerlo. Alla Lazio ci sono stati tanti altri bomber, entrare a far parte di questo gruppo per me è solo un onore”.

“Vedo le foto di Rocchi, che credo stia davanti a me nella dei marcatori biancocelesti, e sono contento che sia uno dei miei primi tifosi. Poi ci sono stati Giordano, Chinaglia e tanti altri. Fa sempre piacere arrivare più in alto di tutti in una classifica marcatori e sono contento per quello che sono riuscito a fare lo scorso anno grazie all’aiuto dei miei compagni. L’ho sempre detto che nessuno riesce a fare questo tipo di cose da solo”.

Alcuni gol da incorniciare: “Ho tanti ricordi legati al gol del derby in semifinale di Coppa Italia e a quello contro la Juventus in campionato. Quello che mi piace di più è quello che ho fatto di tacco contro il Cagliari. Era l’ultima spiaggia e solo al 90esimo puoi fare un gol così. La parabola è riuscita bene ed è venuto fuori un gran gol. Devo essere sincero, a me piacciono tutti i gol, anche quello contro il Novara a porta vuota. L’importante è buttarla dentro”.

Il gol nel derby e i tifosi: “È stata una scena particolare, il mister mi ha accompagnato verso la porta e forse come lui lo hanno fatto tutti i tifosi in quel momento. I gol contro i derby sono sempre speciali, io ne ho fatti quattro finora e mi dispiace che solo due siano stati importanti. I gol che ho fatto in Coppa Italia, però, sono stati delle soddisfazioni importanti. Stavamo ad agosto, il derby si giocava a dicembre, e la gente già mi parlava di quella partita. Capisco l’entusiasmo dei tifosi, è una partita speciale, ti dà adrenalina e ti mette pressione. Nel mio primo anno ne abbiamo fatti 4, quindi non è stato proprio semplice”.

La supercoppa: “Le sensazioni erano positive sin dal ritiro. La partita è stata interpretata al massimo, come se stessimo giocando già da due mesi. Il risultato, quello del , sembrava assolutamente bugiardo. Con Murgia ci siamo presi quello che ci spettava di diritto. Se fossimo finiti ai supplementari sarebbe stata difficile. È stata una delle partite più belle che abbiamo fatto”.

La vittoria contro la Juventus: “Alla parata di Thomas c’è stata l’apoteosi. Quando perdi in casa della Juve 1-0 il 99% delle volte ne esci fuori sconfitto. Noi invece siamo stati bravissimi. Riuscire a segnare due gol è stato proprio il massimo. Il pareggio sarebbe stato un furto”.

“Mi piacerebbe arrivarci, perché potrei viverla da protagonista e potrei fare qualcosa di importante. Per questo sono doppiamente dispiaciuto per quello che è successo nella scorsa stagione, ma mi ha raddoppiato la carica per questo anno. Il nostro errore non è stato tanto perdere contro l’Inter, ma non vincere contro il Crotone. Lo stesso discorso vale per l’Europa League, saremmo potuti arrivare facilmente in finale”.

Salisburgo e modulo: “Credo che quello sia stato l’unico gol che non avrei mai voluto fare. Inconsciamente abbiamo pensato di aver già passato il turno dopo l’1-0. Prendere quattro gol così è stata solo una questione mentale. Eravamo sicuramente superiori al Salisburgo, ma negli ultimi dieci minuti è arrivato il disastro. Devo dirti la verità, non mi ricordo nemmeno più come si gioca a tre in attacco. Quando gioco in Nazionale, però, mi trovo bene lo stesso. L’importante, come dico sempre, è dare tutto”.

La rosa: “Tutti vorremmo giocare, a volte però bisogna accettare le decisioni del mister. Io quest’anno sto riposando un po’ di più, ma va bene così. Sono un attaccante che ha bisogno di giocare, di tenere il ritmo. Mi piace essere sempre al top, dare il massimo, correre. Al contrario di ciò che dice il mio cognome, non mi piace stare fermo. “Qua alla Lazio sto segnando un po’ meno da fuori area, ma succede perché ho dei compagni bravi che mi permettono di arrivare vicino alla porta”.

Rigori: Sono un po’ particolari. Se non avessi sbagliato quello contro il Novara avrei raggiunto un nuovo record. Ne ho calciati tanti, ma cambio sempre il modo in cui calcio. Studio i portieri, vedo come si muovono. Quello contro la Sampdoria, per esempio, era piuttosto complicato. In ogni caso i rigori sono sempre una questione di cuore”.

Su Chiellini e gli amici: “Per me è il difensore più ostico. È forte e dà tutto in campo. Vado d’accordo con tutti. Da quando sto qui alla Lazio non ho mai avuto scontri con nessuno. Ho stretto molto con Parolo e con Acerbi, il leone”.

Tifosi e Inzaghi: “E’ stato amore a prima vista. Mi sento amato e sono orgoglioso di questo. Penso di aver fatto qualcosa di positivo per meritarmi questo amore. Il mio obiettivo è quello di continuare a dargli sempre di più. Loro credono tanto nella storia della società e quando andrò via di qua spero di lasciare un bel ricordo. Con il mister abbiamo un rapporto bellissimo, è qualcosa che non si vede tutti i giorni. Ho avuto da subito la sua fiducia e credo di averla conquistata sia fuori che dentro al campo. Credo che il mister abbia bisogno di quattro o cinque giocatori che nello spogliatoio riescano ad aiutarlo a gestire diverse situazioni”.

La famiglia: “Mi piace cucinare, mi diverto. La play station è un argomento spinoso, mi piace molto giocare. Non scelgo quasi mai Fifa, non mi diverte. Gioco online con Pellegrini, Belotti e Zappacosta. Giochiamo a Call of Duty o Battlefield. Le mie due figlie sono tifosissime, se qualcuno a scuola dice che è della Roma si azzuffano. Bomber? Non è il nostro cane, è di mia suocera. Ogni tanto lo porta perché alle bambine piace stare con lui”.

Per il futuro: “Quello della Lazio è un progetto che mi piace e mi appassiona. Non mi piace cambiare, quand’ero al Torino l’ho fatto per arrivare alla Champions. Ora non ho motivo per pensare di andare altrove, la Champions la posso raggiungere con la Lazio”.

SEGUICI SU FACEBOOK

VERSO SIVIGLIA LAZIO


Pubblicità

Primo Piano

LAZIO Auronzo 2021, i biancocelesti anticipano il ritiro

Lazio Auronzo 2021, possibili novità nelle date…

Avatar

Pubblicato

il


LAZIO – Prime (e ) sulle date del precampionato biancoceleste.

LAZIO Auronzo 2021 si avvicina. Manca sempre meno al primo soggiorno nel Cadore della nuova era Sarri E le novità, c’è da starne certi, non mancheranno. A partire dalle sedute cui verranno sottoposti i giocatori, decisamente all’insegna della tecnologia. Il tecnico toscano è infatti noto per fare un largo uso di droni, soprattutto per monitorare le prestazioni. D’altronde, dall’alto si ha più visione d’insieme, per cui si può capire meglio cosa va e cosa può essere invece migliorato.

Tanto studio ‘indoor’ insomma, oltre che lavoro in . Ma le sorprese non si fermeranno qui. Una dovrebbe riguardare la tempistica: Sarri sembra infatti orientato a cambiare il giorno della partenza. Che verrebbe anticipato dall’iniziale 11 al 10 luglio. Confermato invece quello della chiusura del sipario, fissata per il 28. Un modo, a quanto pare, per il tecnico per avere un giorno in più a disposizione per dare alla squadra la conformazione che ha in mente. Il primo atto, con il raduno generale, dovrebbe invece avere luogo a Roma l’8 luglio.

Le date, lo precisiamo, non sono ancora ufficiali: lo diventeranno nei prossimi giorni, quando saranno illustrate in una stampa, insieme a tutti gli altri particolari dell’estate biancoceleste. Che è pronta a scatenarsi, al pari dell’attesa dei tifosi. Dopo gli anni di Inzaghi, una nuova Lazio sta per prendere vita e nessuno vuole perdersene neanche un minuto.

CESSIONE IN VISTA PER PATRIC?

Continua a leggere

Primo Piano

21 Giugno 1987, nel ricordo di Lazio Vicenza

21 Giugno 1987, nel ricordo di Lazio Vicenza, un gol, un boato e la retrocessione evitata

Avatar

Pubblicato

il


21 Giugno 1987, nel ricordo di Lazio Vicenza, un gol, un boato e la retrocessione evitata

E’ il 21 Giugno del 1987 allo Stadio di Roma davanti a 2000 spettatori si disputa una delle partite più importanti della storia biancoceleste, Lazio Vicenza. Tornando indietro del tempo il 5 Agosto del 1986 la CAF ribalta la sentenza di retrocessione in 1 per lo scandalo calcio scommesse e concede alla Lazio il campionato di Serie B con ben 9 punti di penalizzazione. Tra la gente e tra i giocatori c’è malumore e si prospetta un futuro già scritto, ma l’allenatore Fascetti non è dello stesso pensiero e ad inizio ritiro parla forte e chiaro : “Chi vuole resti. Chi non se la sente può andar via subito. Ma chi resta combatte fino alla fine“. E’ l’inizio di una delle favole più belle de calcio . Il campionato della Lazio è a fasi alterne con un finale di stagione da incubo e all’ultima giornata si ritrova costretta a vincere per evitare la retrocessione matematica in C1. Lazio Vicenza è la partita della vita, a i veneti basta un punto per salvarsi e si chiudono per tutta la partita in difesa difendendo la porta che a tratti sembrava stregata. Dalla Nord viene esibito uno striscione : “Noi con la voce, voi con il cuore !“. Il cuore ce lo misero tutti e al minuto 82 la gioia biancoceleste porta il nome di Giuliano Fiorini che insacca e salva la Lazio. Il Vicenza va in C1 e la Lazio si giocherà lo spareggio per la B al San Paolo di Napoli contro Taranto e Campobasso. Lazio Vicenza per molti è la partita delle partite, quando la forza degli spalti aiuta il cuore di chi è in campo. Quello stesso cuore che permise alla Lazio di vincere anche gli spareggi e di rimanere in Serie B contro ogni pronostico.

LAZIO VICENZA

LA CONQUISTA DEL PRIMO SCUDETTO

Continua a leggere

Primo Piano

Pippo Inzaghi approva Simone: “Ha fatto bene a scegliere l’Inter”

Una scelta che ha fatto discutere ma che è stata approvata dal fratello Pippo Inzaghi: Simone ha fatto bene a scegliere l’Inter

Avatar

Pubblicato

il


approva Simone: arriva il placet del nuovo del Brescia al fratello ex Lazio. L’Inter è la scelta giusta per Simone.

Queste le parole di Pippo Inzaghi a a proposito della scelta del fratello Simone: “Dopo cinque anni arriva il momento in cui bisogna cambiare dieci giocatori o cambiare la guida tecnica. Simone ha fatto la scelta giusta, ha fatto qualcosa di incredibile a Roma. È contento anche per me, torneremo al Nord a darci battaglia”.

LUIS ALBERTO POTEVA ESSERE UN’ARMA IN PIU’ PER LA SPAGNA 

Continua a leggere

Articoli più letti