Pedro Neto: “Felice per l’esordio. Voglio essere il migliore”

Il calciatore biancoceleste, Pedro Neto, ha parlato ai microfoni di LSR del suo esordio con la maglia della Lazio. Di seguito riportiamo le sue parole.

Pedro Neto: “Per me questa è stata una settimana speciale. È stato un esordio bellissimo, la prima sensazione è stata incredibile. Aspettavo questa occasione dall’inizio perché ho sempre lavorato per questa opportunità. La dedica del mio esordio? A mia madre e mio padre che mi sono sempre vicini. Per me questa è stata una settimana speciale con un esordio bellissimo e una prima sensazione incredbile. Ho sempre lavorato per questa opportunità, la cercavo dall’inizio. Dedico questo esordio a mia madre. Io conosco il mio valore e da quando sono arrivato ho sempre cercato di fare bene. La Serie A è difficile soprattutto dal punto di vista tattico. Anche contro la Juve è stato bello entrare contro giocatori come Ronaldo. Al momento del boato con l’Empoli ho pensato di aver fatto qualcosa di buono ed è stato fantastico”.

Devo migliorare senza palla e in fase difensiva, è stato complicato quando sono arrivato alla Lazio ma i miei compagni mi hanno aiutato. Leiva, Bastos e Luiz Felipe sono quelli che mi sono stati più vicini, ma mi trovo bene con tutti. Devo migliorare e imparare da loro. Inzaghi? Capisce molto di calcio, un grande allenatore che non molla mai, è bravo a gestire i giocatori. Roma? Molto bella, il clima è buono e mi trovo bene. Sono libero qui e mi piace stare in giro con i miei genitori. Il Campionato italiano è difficile, ci sono tante squadre che lottano per un posto in Champions. Ma domani la roma penso che perderà col Porto (ride, ndr). Il Siviglia? Squadra di grande qualità, ma anche noi siamo molto forti. Preferisco l’esterno ma faccio quello che mi dice di fare il mister, sto imparando anche a fare la seconda punta. Il mister decide dove mi devo muovere. Il gol? La prossima volta lo faccio, promesso”.

SEGUI LA NOSTRA PAGINA FACEBOOK

ULTIMELAZIO BUONE NOTIZIE DA FORMELLO PER IMMOVILE >>> LEGGI QUI