Seguici sui Social

Articolo copertina

Tare a 360°: mercato, avversarie, obiettivi

Pubblicato

il

Igli Tare direttore sportivo della Lazio
PUBBLICITA

A Camaiore in occasione del premio Colantuoni-De Rosa è intervenuto telefonicamente Igli Tare. Il ds della Lazio ha toccato vari argomenti soffermandosi principalmente sulla questione Milinkovic. Le parole di Tare su squadra e società: “Con il nostro metodo di lavoro dovremo essere bravi per mantenerci competitivi. Ogni anno si complica di più, basta vedere il mercato delle altre grandi squadre. Anche il nostro sarà un mercato importante. Proveremo ad allestire una rosa molto competitiva per puntare ai vertici del campionato. Il nostro mercato non è basato sull’autofinanziamento, abbiamo sempre agito in base a una logica di un progetto tecnico ben definito.
Chi ci ha seguito negli anni sa bene che la Lazio ha raggiunto risultati importanti in Italia e qualche volta in Europa. Il nostro bilancio è sano, non vedo perché dobbiamo cambiare questa gestione. Siamo come un diesel, all’inizio nessuno ci calcola, poi siamo bravi a raggiungere i nostri obiettivi. Non bisogna nascondersi: la Lazio è una realtà importante del calcio italiano. Vogliamo lottare per la Champions League, niente ci è vietato”. Sulle avversarie: “Non trascurerei il Milan. La Roma ha scelto di puntare su un allenatore interessante. L’Inter sta tentando di ridurre il gap dalla Juve, come il Napoli. Noi siamo in un gruppo di 5-6 squadre che possono darsi fastidio a vicenda. Sentiamo più vicina la vetta del campionato”. Su Inzaghi: “Simone fa parte della storia della Lazio. Non sono stato io a scoprirlo. Ho avuto la fortuna di giocarci insieme e di sceglierlo come allenatore con il presidente. In lui Abbiamo visto qualcosa di interessante in lui. È stato bravo a dimostrare che ci avevamo preso”. Su Milinkovic: “Non è difficile rispondere se resta o meno. Sergey ha prolungato il contratto solo pochi mesi fa. Poi se dovessero arrivare delle proposte indecenti si possono prendere in considerazione. Ma giocatore e società sono contenti di proseguire insieme”. Sul rifiuto al Milan: “Non credo che questo condizionerà la mia carriera. Non c’erano le condizioni. Da 15 anni sono alla Lazio, restare è stata una scelta d’amore. Sono onorato di aver ricevuto l’interessamento di Boban e Maldini. Ci stimavamo in campo da avversari e ora da dirigenti. Ho parlato con entrambi e ho capito che il Milan è la loro vita. Me ne sono reso conto da come parlavano. Hanno accettato il mio no con rispetto. Sapevano che per me sarebbe stato difficile fare quel passo“. Infine un parere su due prospetti italiani: “Mi piace vedere lo sviluppo di un ragazzo come Zaniolo. Può diventare un profilo interessante per il calcio italiano. Così come Tonali, che può essere il nuovo Pirlo. Sono contento di vederlo giocare in Serie A“.

SEGUICI SU TWITTER

SEDE SUPERCOPPA LAZIO-JUVENTUS: ANCORA UNA FUMATA NERA


Pubblicità

Articolo copertina

Immobile contro Cairo – “Non posso tollerare ingiurie e infamie” (1 Foto)

Pubblicato

il

Immobile contro Cairo

Immobile contro Cairo per via delle dichiarazioni che il presidente del Torino si è lasciato andare dopo il triplice fischio del

Lazio Torino è da poco terminata ma le polemiche non tendono a placarsi. Immobile contro Cairo per le dichiarazioni che il Presidente del Torino ha lanciato al bomber della Lazio. L’attaccante però non ci sta e spara a zero contro il Proprietario della Gazzetta dello Sport. Ecco il post dove Ciro spiega le sue ragioni. “Tutti sanno chi è Ciro Immobile. Dentro il campo, e soprattutto fuori. Posso accettare le critiche al calciatore, non gravi offese diffamatorie all’uomo che sono. Soprattutto se quest’ultime arrivano da dirigenti del mondo del calcio.

Poi Ciro continua il post e accusa direttamente Urbano Cairo “Al termine della partita di questa sera il Presidente del Torino Urbano Cairo mi ha raggiunto all’ingresso dello spogliatoio della Lazio iniziando ad offendermi, a scagliarsi verbalmente nei miei confronti rivolgendomi gravi accuse infamatorie, accusandomi di aver giocato la partita con “il sangue agli occhi”, e altre cose riguardanti anche la gara d’andata di questo campionato disputata contro il Torino, arrivando perfino a dirmi che ho giocato quella gara positivo al COVID.”

La signorilità di Ciro è fuori discussione e nella parte finale del post ringrazia il Presidente del Torino per avergli dato fiducia ma poi, senza usare mezzi termini, risponde per le rime alle accuse del Presidente dei granata. “Non smetterò mai di ringraziare il Presidente Cairo per avermi dato la possibilità di consacrarmi nel Torino come calciatore, ma non posso sorvolare su un episodio che oltrepassa la dimensione calcistica. Tutti sanno chi è Ciro Immobile; un calciatore, sì, ma soprattutto un uomo rispettoso delle regole e dei principi della lealtà. Non posso tollerare ingiurie ed infamie che diffamino, senza alcun valido motivo, la mia persona. Ciro Immobile”

Tare su Inzaghi

Immobile contro Cairo

Continua a leggere

Articoli più letti