Seguici sui Social

News

Pippo Inzaghi elogia Simone: “Ormai è romano, ero sicuro che sarebbe rimasto”

Pubblicato

il

PUBBLICITA

Pippo Inzaghi elogia Simone: le parole del fratello del tecnico biancoceleste in una lunga intervista a ‘Sportweek’.

Pippo Inzaghi elogia Simone. Dopo l’esperienza negativa al Bologna, il fratello del tecnico biancoceleste è tornato in sella sulla panchina del Benevento. Sta lavorando duro per permettersi alle spalle le difficoltà e guardare ad un futuro roseo e ricco di soddisfazioni. Su tutte, il raggiungimento della Serie A, un sogno che ce la metterà tutta per realizzare. Ad aiutarlo, oltre allo studio, i consigli dei colleghi, tra cui appunto anche Simone: “Dopo 4 mesi fermo, avevo bisogno di una nuova sfida. Durante questo periodo ho studiato diversi colleghi. Gasperini, Giampaolo, Prandelli, Di Carlo, Mancini. E ovviamente mio fratello Simone. Sono stato con lui nella settimana di preparazione al derby vinto (Lazio-Roma 3-0 dello scorso 2 marzo n.d.r.)”. 

Poi sulla permanenza del fratello in biancoceceleste: Non sono rimasto sorpreso dal fatto che sia rimasto alla Lazio. Ho sempre pensato che non sarebbe andato via, Simone ormai è romano e a Formello c’è il fulcro di tutto. Ha un rapporto straordinario con Lotito e Tare”.

Idee chiare. Come quelle sul prossimo campionato: “La nuova Serie A sarà molto interessante. La Juve è favorita, ma Inter e Napoli si sono avvicinate. Queste tre andranno in Champions League. Per il quarto posto sarà lotta aperta: il Milan può crescere con Giampaolo, l’Atalanta è una realtà consolidata, la Lazio è sempre competitiva e la Roma vorrà cancellare l’ultima annata negativa”.

Infine, una battuta sul suo ‘lavoro’ da zio“Mi piacerebbe avere un figlio. Ho un rapporto molto forte con i figli di Simone. Lui dice che li vizio? Non è vero (ride n.d.r.), ma ci potrebbe stare. Sono lo zio”.

SEGUICI ANCHE SU TWITTER


Pubblicità

Conferenza stampa

Inzaghi parla in conferenza prima del derby. Un mister serio e ambizioso. Ave Lazio!

Pubblicato

il

inzaghi

Il tecnico della Lazio Simone Inzaghi ha parlato in conferenza stampa alla vigilia del derby della capitale.

E’ una gara importante. E’ la gara più importante di ogni stagione, quella più sentita in città, quella che finché non si rigiocherà un altro derby segnerà il destino di una o dell’altra tifoseria. Il derby è alle porte e il nostro mister ha parlato in conferenza stampa sicuro come sempre
sapendo che “Domani non sarà una partita come le altre”. La Lazio ha sicuramente un posto in Europa League ma vorrebbe fare l’impresa di arrivare in Champions sperando in qualche passo falso delle altre pretendenti. “Chiederò ai ragazzi tanta umiltà, quella che poi ci ha permesso di recuperare posizioni nel girone di ritorno”. Il rinnovo contrattuale adesso non è importante e il tecnico lo sa bene perché ora vuole concentrarsi solo sulla gara di domani.

Le fatiche di coppa e Immobile

Inzaghi poi si sofferma sulle parole del suo bomber “Certo abbiamo pagato le fatiche di coppa e il girone di andata non è stato dei migliori però dai abbiamo sempre fatto oltre 70 punti e anche quest’anno vogliamo ripeterci”. Poi riguardo la formazione di domani Inzaghi non si sbilancia ma elogia il suo attaccante Ciro Immobile: “Ciro è un leader e dopo la gara contro il Parma ha detto cose giuste. Sono orgoglioso di allenare un giocatore come lui da cinque anni. Poi in conclusione una breve parentesi sul derby che ricorda con più affetto: “Il derby che ricordo con affetto è quello terminato 2 a 1 nel 2000. In classifica eravamo dietro la Juventus e nel derby perdevamo uno a zero ma poi, grazie alle reti di Nedved e Veron ribaltammo il risultato”. Forza mister, siamo tutti con lei. ! Forza Lazio!
Davide Sperati

Continua a leggere

Articoli più letti