Seguici sui Social

Focus

LA NOSTRA STORIA L’ex centrocampista Giuseppe Ferruccio Viani

Pubblicato

il

Rubrica la nostra storia di Laziochannel
PUBBLICITA

LA NOSTRA STORIA Giuseppe Viani, detto Gipo, è nato a Treviso il 13 settembre 1909. Ha iniziato la carriera nella stagione 1924/25 nell’Olimpia Treviso dove cresce nelle squadre giovanili. Nel 1926/27 passa al Treviso in serie C e vi resta due stagioni.

L’anno dopo Viani viene acquistato dall’Ambrosiana Inter, nata proprio quell’anno dalla fusione dell’U.S. Milanese e l’Internazionale. Con i nerazzurri disputa sei stagioni conquistando lo scudetto nel 1930. Nel 1934/35 arriva alla Lazio e vi resta quattro stagioni. Nella stagione 1938/39 gioca nel Livorno, poi passa alla Juventus. L’anno successivo si trasferisce a Siracusa in serie C. Conclude la carriera nella Lucchese, in serie B.

Nella carriera di calciatore giocò una partita in Nazionale B. Mentre stava per terminare la carriera di calciatore il Segretario Generale della Federazione Calcio Barassi gli consigliò di diventare allenatore e fu lui stesso a concedergli la tessera e a scrivere una lettera a tutte le società. Rispose il Siracusa e Viani andò in Sicilia. Dopo un altro anno nel Benevento, guida Lucchese, Palermo, Roma, che riportò subito in serie A dopo la retrocessione, Bologna, Milan.

Nel 1960 allena la Nazionale Olimpica. Al Milan vinse due campionati, 1956/57 e 1958/59, e una Coppa dei Campioni a Wembley nel 1963. In seguito entrò in contrasto con il presidente Riva e si trasferì al Genoa. Nel 1966 fu vittima di un gravissimo incidente automobilistico che lo ridusse in fin di vita. Una volta ripresosi, guidò il Bologna e poi l’Udinese in serie C.

Conclusa la carriera di allenatore divenne direttore sportivo del Milan. Astuto e competente, in cambio di un declinante Benitez ebbe dalla Roma i fortissimi Sormani e Schnellinger. Al momento della morte, avvenuta per infarto, era in trattativa con il presidente Umberto Lenzini per venire alla Lazio in qualità di ds. È morto a Ferrara il 6 gennaio 1969.

SEGUICI ANCHE SU TWITTER


Pubblicità

Focus

LA NOSTRA STORIA Domenico ‘Mimmo’ Caso

Pubblicato

il


LA NOSTRA STORIA Domenico MimmoCaso nasce a Eboli (SA) il 9 maggio 1954. Centrocampista, fa il suo debutto nel calcio professionistico con la Fiorentina. Nella stagione 1974-1975 vince il suo primo trofeo: la Coppa Italia. Nella stagione 1978-1979 Caso lascia la Fiorentina e si trasferisce al Napoli. Nell’estate 1979 passa all’Inter. Nel 1980 si laurea Campione d’Italia. Dopo l’esperienza in nerazzurro passa per due anni in Serie B al Perugia. Nell’estate del 1983 torna in Serie A con il Torino. Quindi passa alla Lazio, in quel periodo nella serie cadetta. Con la maglia biancoceleste disputa tre stagioni. Nel 1988, dopo la promozione in A, viene ceduto al Latina. Chiude la carriera nell’Orceana.  Dal 1992/93 al 1996/97 è l’allenatore della Lazio Primavera. Il primo anno sfiora lo Scudetto perdendo la finale contro l’Atalanta. Nella stagione 1994/95 vince il titolo. Tra i tanti giovani lancia Alessandro Nesta, Marco Di Vaio, Alessandro Iannuzzi, Flavio Roma e Daniele Franceschini. Dopo aver guidato Foggia, Chievo e Pistoiese, nel 2003/04 torna ad allenare la Primavera laziale. Nel 2004/05 viene chiamato dal nuovo presidente biancoceleste Claudio Lotito ad allenare la prima squadra. Viene esonerato e sostituito da Papadopulo. Successivamente allena la Ternana. A giugno del 2009 viene nominato supervisore del settore giovanile della Cisco Roma. Nel 2011 assume la guida degli Allievi Regionali A1 della Voluntas (Spoleto). A luglio del 2012 viene nominato allenatore della squadra Primavera della Virtus Lanciano. Nel 2013 viene ingaggiato come tecnico della squadra Primavera della Reggina, ma dopo pochi giorni decide di lasciare l’incarico per motivi familiari.

LASCIA UN ‘LIKE’ ALLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK

DIVENTA UN NOSTRO FOLLOWER ANCHE SU TWITTER

 

Continua a leggere

Articoli più letti