Seguici sui Social

News

Scherzo de Le Iene a Beppe Signori

PUBBLICITA

Pubblicato

il

PUBBLICITA

Scherzo de Le Iene a Beppe Signori: l’ex bomber biancoceleste è stato protagonista di un divertente siparietto all’interno del programma di Italia1.

Scherzo de Le Iene a Beppe Signori. L’ex attaccante della Lazio, insieme con la moglie Tina, gestisce infatti un Bed and breakfast all’interno della sua casa, nel centro storico di Bologna. A turbare la serenità e la tranquillità dell’attività è intervenuto proprio il programma di Italia 1. Che, con la complicità proprio di Tina, ha inviato nel B&B un finto super recensionista “Michelin”: Favre. Dopo averlo riconosciuto, la coppia si è messa subito all’opera per strappargli un buon voto su Booking. Ad un certo punto però, mentre era tutto indaffarato a riparare un problemino in bagno, Signori si è accorto di uno strano atteggiamento da parte della moglie. Messaggini, note vocali, lettere “ambigue”: tutto inviato proprio al recensionista. Il quale alla fine è stato scoperto dallo stesso attaccante sul divano del B&B insieme a Tina, entrambi svestiti e in atteggiamenti intimi. “Chiamo la Polizia”, ha urlato a quel punto Signori, incredulo. Il bomber ha poi immortalato la scena e infine rinchiuso in camera l’amante della moglie. Fortunatamente, a salvare il povero Fabre, sono arrivate tempestive le telecamere delle Iene. Signori ha potuto così tirare un sospriro di sollievo, non prima di aver mandato tutti ‘cortesemente’ a quel paese.

  Gascoigne sulla Curva Nord: "La porterei con me all'Isola dei Famosi"

SEGUICI ANCHE SU TWITTER


Focus

LA NOSTRA STORIA Tommaso Berni, un tifoso speciale

Pubblicato

il

In porta si è visto poco ma Tommaso Berni è uno dei giocatori che ha instaurato un ottimo rapporto con la tifoseria della Lazio. Disponibile e sorridente si è sempre impegnato, in campo e fuori, intrattenendo amicizie con molti ragazzi della Curva. Inoltre si è sempre reso disponibile a ogni iniziativa in nome di Gabriele Sandri. Anche per questi motivi i tifosi laziali lo hanno sempre incitato e rispettato. Tommaso Berni nasce a Firenze il 6 marzo 1983, è cresciuto nelle giovanili della Fiorentina e dell’Inter, iniziando la carriera da professionista proprio con i nerazzurri. Nel 2001 si trasferisce in Inghilterra al Wimbledon FC, senza però mai scendere in campo. Nella stagione 2003-04 torna in Italia alla Ternana in Serie B, dove resta per tre anni. Nel 2006 viene acquistato dalla Lazio con la formula del prestito oneroso con diritto di riscatto. Il 31 gennaio 2007 la società biancoceleste lo riscatta per 1,5 milioni di euro. Nell’autunno 2008 viene ceduto in prestito alla Salernitana in Serie B ed al termine della stagione torna di nuovo in biancoceleste. Inizialmente funge da terzo portiere alle spalle di Fernando Muslera e di Albano Bizzarri.  A metà stagione però il portiere argentino si infortuna gravemente alla spalla e Berni diventa il secondo portiere, riuscendo a mantenere la stessa posizione anche la stagione successiva quando viene chiamato a difendere la porta biancoceleste negli incontri di Coppa Italia. Dopo aver trascorso quattro stagioni con la Lazio alla fine della stagione 2010/11 passa alla Sporting Braga in Portogallo. L’anno dopo torna in Italia nelle file della Sampdoria. Nel 2013/14 veste la maglia del Torino. Da luglio 2014 passa all’Inter dove resta fino al 2017. Durante la sua carriera è stato convocato per 48 volte nelle Nazionali giovanili italiane, dove ha disputo in tutto 27 partite.

SEGUICI ANCHE SU TWITTER

Continua a leggere