Seguici sui Social

News

Pedro Neto torna sull’avventura alla Lazio: “Se tornassi indietro…”

Pubblicato

il

il giovane portoghese Pedro Neto
PUBBLICITA

Pedro Neto torna sull’avventura alla Lazio: le parole del giovane attaccante portoghese ai microfoni del quotidiano O Jogo.

Pedro Neto torna sull’avventura alla Lazio. Due anni in riva al Tevere per l’ex Sporting Braga, che si è poi trasferito al Wolverhampton. E in Premier, giocando con continuità, sta riuscendo a mostrare quelle doti apparse in biancoceleste solo a tratti. “Deciderei ancora di andare alla Lazio. Sono stati anni difficili, è vero, ma ora posso mostrare il mio calcio e credo di essere migliorato. In Italia sono cresciuto dal punto di vista fisico e ho imparato a pensare rapidamente. E poi ho avuto il piacere di giocare insieme a Nani, mio idolo da bambino“. Adesso il sogno è quello di ricalcare le orme di un altro portoghese esploso in Inghilterra: “Il calcio inglese è il più incantevole al mondo. Da bambino guardavo Ronaldo giocare nel Manchester United. Era il mio riferimento e pensavo che un giorno mi sarebbe piaciuto approdare anche io in Premier. Sono orgoglioso di essere qui, ho lavorato tanto per riuscirci. La forma fisica di CR7 mi ossessiona: cerco di imitarlo, anche se lui è unico“.

SEGUICI ANCHE SU TWITTER


Pubblicità

News

FIORENTINA LAZIO INZAGHI: “Champions? Il calcio è imprevedibile…”

Pubblicato

il


Fiorentina Lazio Inzaghi deluso per il risultato di questa gara che complica tantissimo la corsa Champions della squadra.

Inzaghi ai microfoni di Dazn: “Partita dura, lo sapevamo. C’è delusione per il primo tempo: l’occasione sprecata da Correa e il loro gol sul quale dovevamo difendere meglio. Non dovevamo assolutamente andare in svantaggio. È mancata velocità nel giro palla, loro hanno difeso bene. Champions? In queste ultime quattro gare ce la metteremo tutta, il calcio è bello perché è imprevedibile. Milinkovic si è rotto il setto nasale. Il secondo tempo non è più stata una partita di calcio, tra cambi e infortuni, abbiamo giocato venti minuti.  Andiamo avanti a testa alta, saremo nelle coppe europee anche l’anno prossimo, ma ci rimane l’amaro in bocca per il primo tempo”.

Continua a leggere

Articoli più letti