Seguici sui Social

News

Hoedt: “Il Bruges mi voleva, ma alla Lazio non si può dire no”

PUBBLICITA

Pubblicato

il

Hoedt visite mediche Roma
PUBBLICITA

Nella giornata di oggi, Wesley Hoedt ha svelato un curioso retroscena di mercato relativo a una trattativa con il Bruges

Hoedt: “Il Bruges si era interessato a me e ci siamo incontrati per discutere della trattativa ma a livello finanziario non era fattibile. Oltretutto ho lasciato un bel ricordo ad Anversa quindi in realtà non ho mai avuto davvero intenzione di trasferirmi al Bruges. Anche l’Anderlecht mi ha cercato e questo mi ha fatto piacere, vuol dire che ho fatto una buona impressione in Belgio. Quando però arriva una società che ti offre di più a livello di campo e di competitività è impossibile dire di no, bisogna provarci. Quel club è stata la Lazio, Inzaghi nel mio ultimo anno prima di andar via fu molto importante per la mia crescita e sono felice di essere tornato“. Così Wesley Hoedt ai microfoni di Gazet van Antwerpe.


News

Lulic chiama Inzaghi: “I big qualche partita potrebbero saltarla…”

Pubblicato

il

Lazio Lulic

Non è piaciuta a nessuno la partita di ieri contro il Bologna. Arriva il mea culpa anche di un senatore biancoceleste: Lulic chiama Inzaghi e invoca cambi di formazione per far rifiatare i giocatori.

Lulic a Sky Sport: “Sicuramente è mancata la reazione anche perché i rigori si possono sbagliare. Oggi siamo andati in difficoltà davanti alla porta e non siamo riusciti a fare gol. Non so se abbiamo digerito la sconfitta con il Bayern ma questa era un’altra partita e se vogliamo rigiocare in Champions il prossimo anno queste cose non devono succedere. Abbiamo preso gol da una rimessa laterale e non può succedere, ma comunque ci sono tante partite ancora in cui possiamo dimostrare che non siamo quelli di stasera. Dopo due sconfitte in pochi giorni qualche domanda dobbiamo farcela, analizzando cosa abbiamo sbagliato per non ripetere questi errori. Il rapporto tra noi è ottimo, anche con i nuovi arrivati. Pereira è un giocatore forte che ha bisogno di tempo, quest’anno non ha giocato molto e mi auguro che riesca a darci una mano perché è bravo. I nuovi se hanno l’occasione danno tutto quando scendono in campo, ma è difficile giocare quando davanti a te hai Milinkovic o Luis Alberto. Penso comunque che ogni tanto anche a loro saltare una partita farebbe bene”.

Continua a leggere