Seguici sui Social

Focus

FOCUS – Attenta Lazio, che così resti fuori anche dall’Europa League

Pubblicato

il

Lazio Inzaghi
PUBBLICITA

FOCUS – Attenta Lazio, che così resti fuori anche dall’Europa League. Ma rimediare è ancora possibile…

Attenta Lazio, che così resti fuori anche dall’Europa League. I biancocelesti non stanno proprio passando quello che si direbbe un buon momento. Si dirà che all’origine di tutti i mali c’è stato il disastro nell’andata degli ottavi di Champions con il Bayern. In realtà, i mali c’erano già prima, figli di lacune ataviche in tutte le zone del campo a cui non si è sopperito. O meglio, vi si è tentato di sopperire, ma con scelte cervellotiche tanto in sede di mercato quanto di tattica, sul campo. La gara con i bavaresi ha solo avuto il merito di far venire fuori quei problemi, che ieri allo Stadium hanno manifestato tutta la loro potenza negativa.

Il risultato è un 1-3 senza appello, che tiene al momento Inzaghi & co fuori dall’Europa. Al 7° posto, a +5 sul Verona (impegnato oggi con il Milan) ma soprattutto a -1 dal Napoli. Un gap che potrebbe aumentare a ben 7 lunghezze, se i partenopei dovessero far proprie le loro due gare in meno: quella di stasera al ‘Maradona’ contro il Bologna e quella, rinviata al 17 marzo per le note vicende Covid, contro la Juventus. Dalla sua la Lazio ha tuttavia il ‘sub judice’ della partita contro il Torino: i biancocelesti potrebbero spuntarla, ma si tratterebbe comunque di un risultato positivo che accorcerebbe ma non annullerebbe il distacco.

E allora? Niente, bisogna rialzarsi, e prima di subito anche. Il tempo, le partite che mancano alla fine del campionato, c’è. E anche il modo. Quale? Giocando da Lazio, che non è certo quella vista ieri, nè con il Bayern e tantomeno con il Bologna. La Lazio è – e lo ha dimostrato – una squadra che quando vuole vincere e scende in campo con quell’idea in mente, ci riesce. E anche bene. E’ vero, le ultime tre apparizioni sono coincise con altrettanti passi falsi importanti. Ma questi si possono riscattare. Come diceva Sylvester Stallone in ‘Rocky Balboa’, “l’importante non è come colpisci, ma come sai resistere ai colpi, come incassi. E se finisci al tappeto, hai la forza di rialzarti. Solo così sei un vincente”. E allora, forza Lazio, fai vedere che sei vincente: rialzati, accendi le ali dell’aquila e con esse vola (e facci volare) sulle vette che ti competono.


Focus

FOCUS Nasce la Superlega. Quale futuro per la Lazio?

Pubblicato

il


I ribelli sfidano il panorama europeo con la Superlega. E’ guerra aperta con la FIFA e l’UEFA

Nella notte del 18 Aprile una notizia ha scosso l’intero mondo del pallone: l’attuale presidente del Real Madrid Florentino Pèrez e Andrea Agnelli presidente della Juventus hanno annunciato la nascita della nuova competizione europea per club, l’anti Champions, la Superlega

COME FUNZIONA E PERCHE’ NON HA NULLA A CHE VEDERE CON LA NBA

Quindici club fondatori fissi più cinque che ogni anno saliranno per meriti sportivi si sfideranno dalla stagione 2022. Tre club sono ancora da scegliere dopo che Bayern Monaco, Borussia Dortmund e Psg hanno declinato l’invito. I 12 già decisi sono : Juventus, Inter, Milan per l’Italia, le tre spagnole Real Madrid, Barcellona, Atletico Madrid e le sei inglesi Manchester United, Manchester City, Chelsea, Arsenal, Tottehnam Hotspur e Liverpool.

Tra le cinque squadre che ogni anno saliranno potrà esserci anche la Lazio. Secondo il regolamento della Superlega ogni anno 5 squadre dei top 5 campionati in base ai risultati nella loro lega nazionale potranno essere invitate al torneo. Nel caos generale è stato fatto molto spesso il paragone con la lega di basket americana, la Nba. Addirittura in molti si sono affrettati a definirla Superlega sul modello Nba, però sbagliando. La prima differenza abissale è che la Nba è a livello nazionale (comprende franchigie degli Usa più il Canada), mentre la Superlega è a livello continentale, il continente Europeo appunto. Se l’unica somiglianza tra i due format è il modello senza retrocessioni, troviamo altre differenze non da poco, tra cui il Draft un sistema di scelta di giovani talenti provenienti quasi esclusivamente dai college. La Nba posa molte delle sue basi proprio dai settori giovanili cosa che il calcio europeo in molti casi non fa, come ad esempio il campionato italiano che è il paradiso dei calciatori over 30. Altro aspetto davvero importante è il tetto salariale che è il caposaldo del basket americano. Si tratta di un sistema per regolamentare l’ammontare complessivo di denaro che ogni franchigia può utilizzare per gli stipendi dei propri giocatori, un modo creato ad hoc dalla Nba per non creare squilibri tecnici ed economici e rendere quindi più equilibrato il campionato. Grazie a esso molte squadre sono passate da lottare per il titolo a finire in neanche zona playoff, ad esempio i Chicago Bulls o l’esatto contrario come i Los Angeles Clippers e i Brooklyn Nets che, nell’ombra dei cugini più famosi Lakers e Knicks, adesso possono dire la loro. Nella Superlega non è stato fatto nessun riferimento ad un tetto salariale, quindi nella competizione finanziata dalla banca JP Morgan i club potranno decidere autonomamente quanto spendere per gli ingaggi dei propri calciatori, arrivando magari a superare le cifre già astronomiche che prendono Messi e Ronaldo nei loro rispettivi club.

RIPERCUSSIONI E PROTESTE ANCHE DAL MONDO LAZIO

Se le idee sul format non sono chiare, sono invece chiarissime le posizioni prese dal mondo esterno. Molti tifosi hanno definito la Superlega come la morte del calcio. Ad esporsi anche personaggi del mondo politico italiano come Enrico Letta Segretario del PD che ha sottolineato “come il calcio sia fatto di favole come quella del Ajax o L’Atalanta” oppure il Leader della Lega Matteo Salvini che ha ricordato la gloria del suo vecchio Milan nelle competizioni Uefa, passando poi per l’ex Presidente del Consiglio Conte al neo Draghi che hanno definito ciò “un danno ai sacri valori dello sport”. Non sono mancate le risposte neanche dal mondo Lazio dove il centrocampista spagnolo Luis Alberto e il portiere Pepe Reina sui social hanno dimostrato dissenso alla competizione, il primo con un storia su Instagram, il secondo con un tweet.

La Superlega quindi non è ancora iniziata, ma è già la competizione più discussa di sempre.

Articolo di Emanuel Susanna

ANCHE ZOFF CONTRARIO ALLA SUPERLEGA

Continua a leggere

Articoli più letti