Murales giallorosso Sergio Leone, laziali furiosi: “Iniziativa finto storica”

Murales giallorosso Sergio Leone, dura denuncia del giornalista e consigliere USPI Fabio Polli

murales giallorosso sergio leone

Murales giallorosso Sergio Leone, dura denuncia del giornalista e consigliere USPI Fabio Polli

Murales giallorosso Sergio Leone, scoppia il caso. Un ritratto gigante del grande regista romano è comparso qualche giorno fa sulla facciata di un palazzo dell’Ater in zona Centocelle. L’iniziativa, nell’ambito del progetto della fondazione Roma Care in collaborazione con lo Street artist Lucamaleonte, sta suscitando in queste ore molte polemiche. Il motivo? Le tinte dell’opera, in linea con i colori della Roma. Un pò come se lo scopo fosse in realtà solo porre l’accento su una presunta fede di Leone nella seconda squadra della città. Una circostanza questa sottolineata ieri anche dall’Assessore all’Urbanistica di Roma Capitale Massimiliano Valeriani. E che ha scatenato immediate le proteste dei laziali, affrettatisi a rivendicare l’appartenenza del regista, confermata anche da esponenti romanisti (Carlo Verdone), alle proprie fila.

MURALES GIALLOROSSO SERGIO LEONE: “SUPERATO IL LIMITE”

Tra i più accesi, il giornalista Fabio Polli, che, in un lungo post sulla sua pagina Facebook, ha attaccato duramente i fautori dell’iniziativa: “Hanno superato il limite“, esordisce. Prendendosela innanzitutto con Lucamaleonte (“ha tutto l’interesse storico ed economico a realizzare le sue opere sui palazzi Ater di Roma“) e poi sottolineando la fede giallorossa di molti dei protagonisti: dallo stesso Valeriani (di cui pubblica una foto allo stadio), fino al premier Mario Draghi. L’iniziativa, prosegue, ha visto tra le sue ‘vittime’ anche Gigi Proietti (“ritratto più come tifoso romanista che come artista“), diventando, dice, “sempre più invadente“. Al punto, spiega Polli, da far sorgere una domanda: ma si tratta di un’utilità pubblica o di uno “scempio mediatico, culturale e urbanistico“?. Ma soprattutto, “è giusto, invece di omaggiare gli artisti, ricordarne la fede sportiva?“.

MURALES GIALLOROSSO SERGIO LEONE: “A ROMA TUTTO E’ POSSIBILE”

A questo proposito, il giornalista si sofferma sugli aspetti urbanistici dell’opera: “Ad oggi non esiste una normativa sull’esecuzione di murales sugli edifici. La sua autorizzazione non sarebbe conforme alle norme vigenti paesaggistiche ed urbanistiche“. E, in quest’ottica, sottolinea la differenza di trattamento tra Ater e cittadini: “Perchè per rifare una facciata un condominio privato deve essere autorizzato e l’Ater invece no?“. Gli scenari che si aprono sono quindi surreali e a tratti grotteschi: “Non essendoci la norma, possono subentrare interpretazioni locali e personali. E tutto può diventare possibile, a Roma come altrove. In nome del dio (romanista) del calcio“.

MURALES GIALLOROSSO SERGIO LEONE: “OPERAZIONE DI MARKETING A BASSO COSTO”

Possibile e che poi resta per anni: un aspetto che più di tutti suscita l’indignazione di Polli. “Forse – scrive – proprio questo desidera chi sta usando la storia popolare di Roma e forse l’ingenuità di qualche politico-tifoso per una “operazione di marketing” a basso costo“. La quale, spiega il giornalista, “con la scusa dell’omaggio culturale mira invece a diffondere in città un “sentiment” giallorosso che diventerà nuova ‘clientela’“. Usando tra l’altro, sottolinea, una “citazione storica discutibile“, quale appunto Leone tifoso della Roma. E a tutto questo, conclude, “la parte di Roma più sana, intellettualmente più onesta, non può sottostare in maniera così supina“.