Aiuti al calcio, Renzi attacca la proposta di Lotito: “Una vergogna assoluta”

Aiuti al calcio in arrivo. Sotto forma di tasse, iva e contributi pagati a rate. E’ questa una delle due ricette che il presidente della Lazio, fresco eletto in Senato, Claudio Lotito ha avanzato per salvare il mondo del pallone. Considerato la terza azienda italiana, anche su di esso si è infatti abbattuta la scure del Covid, che ha impedito a lungo l’accesso agli stadi incidendo notevolmente sui ricavi. In suo soccorso è giunta però la Commissione Bilancio di Palazzo Madama, che ha approvato due emendamenti al ‘Dl Aiuti Quater’ a firma proprio del patron biancoceleste, vicepresidente dell’Assise.

AIUTI AL CALCIO, LE PAROLE DURISSIME DI MATTEO RENZI

I versamenti da parte delle società calcistiche potranno dunque essere diluiti in 60 mesi, di cui i primi 3 da pagare, senza interessi o more, entro il 22 dicembre. Una decisione contro la quale si è scagliato Matteo Renzi: “Trovo scandaloso – scrive sulla sua e-news – che in una manovra che aumenta il costo di benzina e sigarette si ripianino i problemi di bilancio delle squadre di Serie A. Capisco che il calcio porti voti, come pure che tanti editori abbiano una squadra di calcio. Ma stiamo parlando di una vergogna assoluta. Piuttosto diamo quei soldi alle società che fanno sport con i giovani, ai volontari o alla cultura“.

Da non perdere

Iscriviti alla Newsletter

Per le ultime notizie sulla Lazio iscriviti alla newsletter. E' GRATIS

Le altre notizie sulla Lazio

NEWS DI OGGI