mercoledì, Maggio 22, 2024

LAZIO NEWS

Classifica

Ultima Partita

Prossima Partita

LEGGI ANCHE

Lazio, Oddi spavaldo “Negli anni ’70 l’Olanda ci copiò il modulo”

Giancarlo Oddi fa un ritorno nostalgico al glorioso campionato della Lazio del 1974

L’ex difensore della Lazio, Giancarlo Oddi, si immerse nei ricordi del glorioso scudetto vinto nel 1974. Mentre si prepara per le celebrazioni previste prima della partita Lazio-Empoli, ha condiviso alcune riflessioni sulla storica vittoria e sulla squadra che l’ha raggiunta.

Oddi : Un tributo al defunto presidente Lenzini

In un’intervista a TMW Radio, Oddi ha rivelato: “La prima cosa che mi viene in mente sono, purtroppo, i compagni che non sono più con noi. Ricordo che la Lazio andava avanti tra Serie A e B, abbiamo giocato meglio l’anno precedente ma siamo riusciti a vincere lo Scudetto nel 1974, non è una cosa da poco. Avevamo una squadra senza “grandi nomi”, ma che è riuscita a dare il massimo. E poi, abbiamo avuto un allenatore eccezionale, Tommaso Maestrelli, veramente fuori dal comune, capace di comprendere tutto e tutti.”

PUBBLICITA

Il ricordo della leggendaria Lazio del ’74

L’Olanda ci ha copiato, perché giocavamo con due difensori ma il resto era tutto in attacco. Credevamo di essere più forti di loro e eravamo certi di poterli battere in caso di un confronto. Io e Pino Wilson eravamo i difensori in quella squadra. Frustalupi era eccezionale, uno dei migliori anche a livello nazionale. Non capisco perché non sia mai stato convocato in Nazionale.

  Serie B, Palermo avanza alle semifinali dei playoff: battuta la Sampdoria 2-0

Lenzini, un personaggio straordinario

Lenzini era uno spettacolo, si è veramente rovinato a causa della Lazio. Giocava a carte con noi, ma era una persona meravigliosa. L’anno prima, ce ne avevano fatte di tutti i colori e abbiamo sfiorato lo Scudetto.

Ricordo ancora un episodio significativo della stagione. Durante l’ultima parte del campionato, siamo andati a Bologna e ho marcato Novellini, che era instancabile. A un certo punto, dopo un duello acceso con lui, gli ho chiesto perché giocassero così duramente contro di noi. Mi ha detto che stavano giocando per un premio di 750.000 lire a testa. La partita è finita in pareggio e ci sono stati alcuni diverbi nel tunnel. Ho riferito tutto a Maestrelli che lo ha detto in televisione. Il presidente del Bologna, quando è stato intervistato, non sapeva nulla di questo premio.


di Vittorio Chirico


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

LIVE NEWS