ROMA LAZIO Conferenza Inzaghi: “Le imprese si compiono con…”

Simone Inzaghi allenatore della Lazio in conferenza stampa

ROMA LAZIO Conferenza Inzaghi — Alla vigilia del derby della capitale, il tecnico biancoceleste è intervenuto presso la sala stampa di Formello e ha presentato il match

Come si gioca il derby?

“Sappiamo che è una partita a sé nel campionato e che abbiamo avuto pochissimo tempo per prepararla. Può essere stato un male da un certo punto di vista, ma forse anche un bene. La Roma avrà lo stesso tempo nostro, i giocatori non avranno modo di accumulare eccessivo stress”.

Si aspettava una Roma così?

“Siamo appena all’inizio, può capitare un momento così per loro, come è successo a noi dopo le prime due. Vengono da una bella vittoria, verranno per fare una grande partita”.

I punti di vantaggio che segnale sono?

“Dobbiamo continuare in questo percorso. Abbiamo iniziato non nel migliore dei modi, ma ora stiamo sommando certezze. Veniamo da una striscia di vittorie, non dobbiamo fermarci, il campionato corre”.

Quanto vale per le ambizioni?

“A prescindere da tutto è una gara importantissima per noi e i nostri tifosi. Vogliamo continuare così, incontreremo una grande squadra e dovremo dare tutto. La differenza la può fare la gestione dello stress e la fame giusta. Un derby bisogna giocarlo con fame. Dobbiamo vincere”.

Che partita ti aspetti della Roma?

“Abbiamo analizzato le loro ultime due gare, gare in cui hanno giocato diversamente. Siamo pronti a tutti e due i moduli che potrebbero schierare. Possono giocare anche con il 4-3-3”.

Più il timore di una sconfitta o la speranza di fare il risultato?

Vincere sarebbe una grandissima cosa, darebbe seguito a questi risultati e aumenterebbe l’autostima. Per fare i bilanci è presto. I momenti difficili possono capitare, 4 punti di distacco ora non vogliono dire nulla”.

Luiz Felipe e Radu?

Domani dovrei avere tutti a disposizione tranne Lukaku. Ieri Radu ha avuto buone sensazioni, ma andrà ulteriormente monitorato nelle prossime ore. Luiz Felipe mancava dal Napoli, mi aveva dato garanzie e ha fatto 75 minuti buoni. Causa crampi e al fine di evitare spiacevoli inconvenienti l’ho cambiato”.

Il gap si è colmato?

È quello che volgiamo, sulla carta è rimasto ma vogliamo azzerarlo. Abbiamo inserito giocatori importanti che ci permetteranno di adoperare delle rotazioni. Sarà la terza gara in 6 giorni, a Udine abbiamo speso tanto. Quelli utilizzati hanno dato ottime risposte”.

Sull’arbitro?

Rocchi per questa partita è una garanzia. Ha già arbitrato i derby, aiuterà lo spettacolo”.

Lazio favorita?

Nei derby non ci sono favoriti. I pronostici vengono sempre ribaltati. La differenza la fanno la gestione dello stress e la fame”.

Cosa si porta dietro dai derby dell’anno scorso?

Ho stima di Di Fracesco, l’anno scorso ha portato la Roma in semifinale di Champions. Ha avuto la fortuna di essere stato prima giocatore come me”.

Anche per la Lazio è la partita della vita?

“Si tratta di una gara a parte. Sappiamo che i nostri tifosi ci chiedono sempre del derby, sin dal ritiro di Auronzo. L’ultimo è finito 0-0, venivamo dall’eliminazione di Salisburgo e loro dalla gara col Barcellona. Qualcuno è arrivato quest’anno, ma tutti sanno quanto sia importante il derby”.

Cosa ha di diverso questo derby?

I derby sono tutti particolari. Questo è quello con meno tempo per pensarci. Siamo rientrati giovedì mattina, oggi saremo di nuovo in ritiro. Non dobbiamo perdere energie mentali”.

Che pensi della Roma?

La Roma è una squadra organizzata e aggressiva, dovremo fare attenzione. Partite così si decidono sugli episodi, dovremo essere bravi portarli a nostro favore”.

Hai chiesto a Pippo come si batte la Roma?

Il Bologna e Pippo hanno compiuto un’impresa. Abbiamo analizzato la partita. Loro hanno giocato col 4-3-3 e potrebbero rigiocare così. Il Bologna ha aspettato il momento giusto e poi ha colpito”.

Come hai ritrovato la squadra?

“Bisogna parlare dopo l’allenamento di oggi. Devo valutare i ragazzi, specie chi ha giocato tanto a Udine. Ieri ho avuto conferme da chi non ha giocato. Oggi ci sarà un allenamento intenso”.

Correa può essere l’uomo derby?

“Tutti possono essere uomini derby. La mia idea è sempre quella che il singolo non vince il derby, ma è il gruppo che porta alle imprese, e io ho un grande gruppo”.

Quanta voglia di vincerlo? La Lazio non vince troppo con le big…

“Vincere un derby significherebbe tanto per noi, per i tifosi e per la società. Ci darebbe una spinta per le prossime partite. L’anno scorso siamo stati gli unici a vincere con la Juve due volte, abbiamo perso il derby d’andata e pareggiato quello di ritorno. Speriamo che domani i ragazzi riescano a interpretare bene la gara”.

Cosa temi della Roma? Pensi che le due squadre siano alla pari?

La Roma ha fatto dei cambiamenti, sta avendo qualche problema ma mercoledì ha reagito conquistando una bella vittoria. Temo i singoli, ma soprattutto il gruppo e il tecnico. Già l’anno scorso ha saputo dare alla squadra un’ottima organizzazione, conducendola alla semifinale di Champions”.

Un appello ai tifosi della Lazio per domani?

Alla fine i nostri tifosi risponderanno come sempre. Finora ho potuto ringraziarli soltanto. A Empoli siamo arrivati e abbiamo trovato sul piazzare 2000-2500 tifosi ad aspettarci. Tra l’altro in quel frangente non venivamo da tante vittorie consecutive, ma da due sconfitte e dal successo sul Frosinone. In 20 anni che sono qua non hanno mai tradito, nonostante giochiamo in trasferta si faranno sentire anche domani”.

ROMA LAZIO, L’ARBITRO DEL MATCH 

SEGUICI SU FACEBOOK