Seguici sui Social

Focus

Da Shanghai a Leverkusen, il problema della Lazio è la personalità

Pubblicato

in



Clima battagliero in casa Bayer a poco meno di 24 ore dal ritorno del preliminare di Champions. Il messaggio postato su Twitter  (“Non abbiamo mai perso nella storia dei preliminari”) è stato di buon auspicio per la compagine tedesca, che ha rimpolpato la propria striscia positiva e interrotto invece quella della Lazio, anch’essa imbattuta ai playoff Champions con 3 passaggi del turno su 3 apparizioni. Il quarto purtroppo non è arrivato e adesso la strada dei rimpianti si allarga decisamente: perché i biancocelesti ci credevano, speravano di archiviare con un impresa un estate travagliata che invece si è conclusa nella maniera più ovvia. Molte sono le cause di questa situazione, ma forse una più di tutte può aiutare a capire meglio come si sia arrivati al tracollo. Vale a dire la mancanza di personalità, carattere ed esperienza, determinante sia nel fallimento degli obiettivi stagionali (la a Shanghai e il preliminare ieri) sia nella difficoltà di affrontare, anche nella scorsa stagione, impegni importanti. Davvero poco confortante il bilancio dell’ultimo anno, corredato inoltre dalle due sconfitte nel detby e attenuato in parte dalla conquista del terzo posto in quel di Napoli. Anche se nemmeno lì la gestione della gara è stata impeccabilissima. 

Per il resto le ultime finali giocate non hanno regalato sorrisi alla truppa capitolina, rimasta a guardare la alzare al cielo ben due Coppe. Ma se in quella di Coppa Italia ci aveva messo lo zampino anche la sfortuna (vedi doppio palo di Djordjevic), in Supercoppa non c’è stata partita e agli uomini di Allegri è bastato alzare il ritmo per mettere al tappeto una Lazio senza idee e soprattutto impaurita, come quella scesa in campo ieri alla Bay Arena. Paura, sentimento che non dovrebbe far capolino in una squadra giovane come la Lazio, che dovrebbe avere invece dalla sua incoscienza e spensieratezza. E che invece quando il gioco si fa duro trema. Ma perché questo? E qui torniamo al punto di partenza: a questa squadra manca personalità, carattere e nervi saldi. Ecco dunque spiegato l’aumento al 31,25% del saldo delle finali perse negli ultimi 3 mesi.

E non va meglio sul fronte degli scontri diretti con Juve e Roma, dove in 4 gare i biancocelesti hanno rimediato solo un pari (per giunta amaro, all’andata con i giallorossi) a fronte di 3 sconfitte (di cui 2 pesanti con i bianconeri e una amatissima, perché è costata il secondo posto, nel derby di ritorno). Il bottino pieno è riuscito solo con la Fiorentina, mentre Napoli, Milan e Inter hanno tolto punti in almeno un occasione. E, per concludere, nemmeno il mercato ha contribuito a infondere nella rosa biancoceleste quelle virtù utili a non sentire la paura e a salire a 4 per volta gli scalini che portano alle vette più alte.

Focus

LA NOSTRA STORIA Tanti Auguri a Roberto Muzzi

Pubblicato

in



Nasce a Roma il 21 settembre del 1971 Roberto Muzzi. Inizia a giocare nel Morena, poi passa alla Procalcio Italia e infine alla Roma. Nel 1993 viene ceduto in prestito in Serie B al Pisa. L’anno successivo passa al Cagliari, dove gioca fino al 1999 quando si trasferisce all’Udinese.

Nella stagione 2003-2004 Roberto Muzzi arriva alla Lazio. In biancoceleste resta per tre stagioni prima di trasferirsi al Torino in Serie B. Al termine della stagione 2006-2007, a 35 anni, scaduto il contratto sportivo contatta i vertici societari per il rinnovo ma riceve la proposta di entrare a far parte dello staff degli allenatori del settore giovanile granata. Dopo una pausa di riflessione decide di scendere di categoria, fino alla Serie C1, firmando un biennale con il Padova. Nell’agosto del 2009 il Villafranca Veronese, squadra neopromossa in Serie D, aveva avviato una trattativa ma il 5 agosto Muzzi dopo averci pensato ha rifiutato l’offerta deciso ad intraprendere la carriera da allenatore iscrivendosi al corso di Coverciano per conseguire il patentino di 2ª categoria.

Nel 2009 diviene allenatore della squadra Esordienti della Roma. Il 1 luglio 2011 passa alla guida dei giovanissimi provinciali. L’anno successivo passa ai giovanissimi regionali. Il 3 febbraio 2013 diventa vice allenatore della Roma dopo l’esonero di Zdeněk Zeman e la nomina di Aurelio Andreazzoli come nuovo tecnico dei giallorossi. Il 10 giugno lascia i giallorossi insieme ad Andreazzoli, ma il 4 luglio 2014 ritorna nel ruolo di tecnico dei giovanissimi Nazionali. A novembre 2015 viene scelto da Andrea Stramaccioni, suo collega nelle giovanili giallorosse, come suo vice al Panathīnaïkos. In seguito diventa Collaboratore tecnico di mister Andreazzoli all’Empoli nella stagione 2018-2019 e successivamente anche nella sua avventura al Genoa nella stagione 2019-2020.

SEGUICI ANCHE SU GOOGLE EDICOLA, TWITTER E FACEBOOK

Continua a leggere

Articoli più letti

Come disattivare il blocco della pubblicita per Cronache della Campania?