Seguici sui Social

Conferenza stampa

CONFERENZA- Pioli: “Stiamo lavorando bene. Abbiamo qualità e dobbiamo metterle in campo”

Pubblicato

in



Pubblicità

Superata la pausa delle nazionali si torna al campionato. Le due pesanti sconfitte hanno fatto male e due settimane di stop hanno permesso a Pioli di lavorare sulle gambe ma soprattutto sulla testa dei propri ragazzi. Domani alle 18 sarà l’Udinese a far visita alla Lazio, in una partita da vincere, a tutti i costi. Oggi alle 14 ha parlato Pioli in conferenza stampa, queste le sue dichiarazioni:

Da dove e come si riparte?

“Facendo le cose che sappiamo fare, lottando e giocando come sappiamo. Lo spirito dei ragazzi è lo stesso dello scorso anno: vedo un gruppo unito e compatto, che sa che non sta mettendo in campo ciò che può e che sta lavorando bene. Ora dobbiamo pensare solo alla prossima partita senza guardarci indietro. Abbiamo tre obbiettivi da centrare e lavoriamo per questo”.

Cosa manca per tornare ad essere quelli dello scorso anno?

“La solidità mentale. Dobbiamo essere  consapevoli della nostra forza ma consci che in ogni partita ci sarà da soffrire”.

Cosa vuole vedere domani che non è stato fatto nelle scorse uscite?

“Il nostro campionato è agli inizi. Non possiamo continuare a guardarci indietro. Andiamo avanti e lavoriamo per migliorarci sempre. Siamo una buona squadra, l’ho detto ai nostri giocatori. Dobbiamo dimostrarlo a partire da domani”.

Matri come lo ha visto? Il suo arrivo è stato dettato da…

“Matri è un buon attaccante. È arrivato in buone condizioni ma non ottime, si vede che non ha giocato tanto. È un elemento valido ed è arrivato anche per gli infortuni, ma al di là di tutto è venuto perché lo reputo bravo  Matri può giocare prima punta o anche in coppia…”

Come si riporta la gente allo stadio?

“Con le vittorie, sicuramente. Ma anche con lo spirito. Noi dobbiamo essere concentrati e vogliamo tornare ad essere competitivi in tutte le competizioni”.

Milinkovic Savic in nazionale ha fatto benissimo…

“Io sono molto contento che abbia fatto bene in nazionale. Anche se serie A e under 21 sono due categorie diverse. Ci aspettano 20 giorni duri, tutti dovranno essere pronti a dare il proprio contributo. Però sono gia soddisfatto del suo impatto”.

L’Udinese l’anno scorso ha fatto il primo sgambetto alla Lazio. Questa volta conta più il risultato?

“Il risultato è sempre fondamentale. Domani ci aspetta una gara difficile. Dovremo giocare in modo propositivo e molto più veloce rispetto allo scorso anno per trovare degli spazi nella difesa friulana”.

De Vrij e Felipe Anderson sono calati molto, perché ?

“Tutti stanno lavorando e tutti torneranno ad avere un rendimento superiore rispetto a quello avuto nelle ultime partite, ne sono certo”.

 

Dal nostro inviato a Formello

Stefano Gaudino

La riproduzione parziale o totale dell’articolo è possibile previa citazione della fonte.

 

 

 

 

 

 

Continua a leggere
Pubblicità