Simoni a “I Laziali Sono Qua”: “Lazio irriconoscibile rispetto allo scorso anno”

Alla vigilia della sfida tra Lazio e Genoa, sugli 88.100 di Elle Radio nella trasmissione “I Laziali Sono Qua” condotta da Danilo Galdino e Vincenzo Oliva è intervenuto Gigi Simoni. Tecnico per una sola stagione in biancoceleste, l’ex allenatore è rimasto nei cuori dei tifosi biancocelesti, ed ha voluto analizzare il difficile momento che sta attraversando la squadra di Stefano Pioli.

Simoni nella sua carriera ha allenato sia il Napoli, sia il Genoa, ovvero le due formazioni in successione di calendario che la Lazio ha affrontato e affronterà in questo avvio di stagione. Secondo Simoni: “Non sarà facile uscire da questa situazione. La prestazione di Napoli è stata davvero mortificante, e in confronto alla squadra della scorsa stagione, questa sembra composta da estranei. Anderson l’anno scorso mi aveva stregato, a Napoli è sembrato irriconoscibile, e la situazione del brasiliano è così da un po’ di tempo. E’ stata una Lazio senza mordente, senza nerbo, e al netto delle assenze, penso non abbia deluso solo me.

Sulla partita contro il Genoa, Simoni ritiene che: “La Lazio dovrà a cercare a tutti i costi un riscatto. Non è pensabile ripetere la prestazione di Napoli. Al di là dei risultati, lo scorso anno era un piacere vedere la Lazio giocare. Quest’anno non è così, e la ripresa dovrà essere immediata perché il Genoa è una squadra che ha temperamento e voglia di vincere.

Come potrebbe Pioli ricreare l’alchimia dello scorso campionato? Secondo Simoni: “La partita di Napoli va rivista e analizzata, per capire dove intervenire e allestire una reazione. Il malumore dei tifosi è pienamente giustificato: ma al di là del collettivo, la Lazio dovrà ritrovare la condizione di quei quattro-cinque campioni che un anno fa avevano fatto la differenza, e che ora risultano quasi non pervenuti.

Sui valori espressi dal campionato in queste prime giornate, Simoni si sofferma sull’Inter, squadra da lui allenata ai tempi del fenomeno Ronaldo: “E’ una squadra che ha cambiato moltissimo, e dalle prime partite non si poteva forse immaginare un inizio con quattro vittorie consecutive. Mancini ha costruito una rosa sicuramente di suo maggiore gradimento rispetto a quella trovata lo scorso anno, ma in queste prime vittorie l’Inter ha saputo anche interpretare e sfruttare bene i singoli episodi. Il gioco però è ancora decisamente migliorabile – conclude – ma c’è la possibilità di farlo arrivare strada facendo, anche grazie ai giocatori di qualità che hanno in rosa.

Da non perdere

Iscriviti alla Newsletter

Per le ultime notizie sulla Lazio iscriviti alla newsletter. E' GRATIS