Seguici sui Social

News

CONFERENZA- Pioli: “Lazio, chi vuoi essere da grande? Il derby è lontano”

Pubblicato

in



Si ritorna allo stadio Olimpico…e per fortuna verrebbe da dire visto il ruolino di marcia in casa (ed in trasferta) offerto dai biancocelesti. è una partita che vorrà dire tanto per la Lazio di . I rossoneri, che vengono da due vittorie consecutive, vogliono diventare grandi anche in trasferta, la Lazio invece vuole tornare a vincere….Queste le parole di Pioli in .

Volendo fare una battuta si potrebbe dire “menomale che giochiamo in casa?”

La battuta ci può stare, ma niente accade per caso. Credo che le prossime due partite arrivano nel momento giusto. Vogliamo capire chi vogliamo diventare da grandi. Mi aspetto di vedere qualità ed atteggiamento. Dopo Bergamo si è parlato di mancato salto di qualità.

Ma non è che 24 anni di media sono troppi per chiedere esperienza? Abbiamo una squadra si giovane, ma anche con dei giocatori esperti. Tra noi e le grandi squadra manca un piccolo gap, che è poco ma anche tanto…

De Vrij si opera….ha già parlato con la società per un eventuale acquisto?

Innanzitutto mi dispiace molto per De Vrij, gli siamo tutti molto vicini. Oltre ad essere un difensore fondamentale per noi è un ragazzo d’oro. I tempi di recupero saranno lunghi, ma l’importante è che torni come prima. Sicuramente sappiamo che è fondamentale per noi, quindi non ci faremo trovare spiazzati

Manca più cattiveria o esperienza?

Abbiamo fatto tanto, ma continuiamo a sprecare troppe occasioni. La partita di mercoledì era una partita da sfruttare. Non ero deluso per la prestazione, ma incazzato per il risultato…e loro come me. Fa parte della nostra crescita, ma quello che diventeremo lo decideremo noi. Se vogliamo diventare grandi dobbiamo avere un atteggiamento da grandi. Quando si può chiudere la partita va chiusa, quando si deve soffrire si deve resistere….

La Lazio difetta nei momenti importanti…? Candreva spesso sostituito…

Per diventare vincenti dobbiamo avere pazienza. Siamo sulla strada giusta, però ora dobbiamo forzare la situazione se vogliamo vincere qualcosa, ed io sono qui per questo. Ho fatto i cambi a Bergamo per far capire alla squadra che si poteva ancora vincere. Ho messo dentro un campione del mondo, è andata male perché abbiamo perso una brutta palla. Quando si perde per voi le scelte sono state sbagliate…ma a me non interessa. Rifarei le stesse scelte! Candreva è un nazionale, fortissimo. Ma può dare di più!

Questa Lazio ha dei limiti? Tutte le squadre hanno dei limiti, noi come i top Europei. Credo però che abbiamo capito

Farà ragionamenti in vista del derby?

No domani farò la formazione migliore per domani….il derby è vicino ma di mezzo c’è una partita dove dobbiamo ripartire.

Dopo Bergamo lei era arrabbiato, ed i suoi giocatori? I giocatori sono delusi quando si perde, almeno quanto i tifosi. Abbiamo tifosi passionali, ma è sbagliato pensare che siano solo loro a soffrire.

Klose come lo ha visto?

Bene, sta molto bene. Ha sempre detto che gli mancava un po di ritmo gara, ora sta per raggiungere il massimo della sua forma…

Che partita sarà con il Milan?

Il Milan c’è ed è vivo. Ma penso più alla mia squadra che agli avversari, qualunque essi siano.

E una squadra in ripresa, ma soffre il pressing….

Il pressing è una delle nostre chiavi tattiche. Non si può andare a mille per 95′ ma scegliendo il momento in cui farlo, potremo essere pericolosi

Davvero i giocatori della Lazio hanno appeso la foto di Szczęsny che esulta al 2-1 dell’Atalanta?

Conosciamo e sappiamo tutto, saremo pronti a dare il massimo quando arriverà il momento….

 

News

LAZIO Escalante – Conferenza di presentazione: “Voglio farmi valere”

Pubblicato

in

Lazio Escalante


LAZIO Escalante – Questo pomeriggio, il classe ’93 argentino è stato presentato in a Formello

LAZIO Escalante: “Mi fa piacere far parte di questo gruppo, per me è un sogno. Sono pronto per iniziare questa stagione. Mi piace giocare davanti alla difesa, questo mi rende felice. Sto cercando di fare le cose semplici in attesa di avere una chance. Domani esordiremo in campionato. Idoli? In Argentina si vede molto calcio, mi ricordo di Almeyda, Scaloni, Crespo, Veron. Stare qui è una grande soddisfazione, ora aspetto un’opportunità per giocare. Quando ho saputo che i biancocelesti mi volevano, ho detto al mio agente che volevo trasferirmi a Roma. Sono veramente felice della scelta fatta. Il calcio italiano è diverso rispetto alla Liga. Penso di essere cambiato rispetto all’esperienza di Catania, sono maturato e mi affido al mister. Sarà difficile superare la concorrenza di giocatori come Luis Alberto, Leiva e Milinkovic, ma mi allenerò al meglio per ritagliarmi il mio spazio”.

Continua a leggere

Articoli più letti