Jacobelli: “Le assenze di Biglia e Parolo non ci volevano. Nazionali? Manca l’organizzazione…”

Ai microfoni di CITTACELESTE FM, in onda su Elleradio 88.100  è intervenuto il direttore di corrieredellosport.it e tuttosport.com Xavier Jacobelli per parlare del fenomeno degli infortuni in Nazionale e per analizzare le protagoniste di questo campionato così particolare…in primis la Lazio:

Bisogna assolutamente fare qualcosa, serve una maggiore organizzazione e non spezzettare il calendario delle Nazionali: c’è un indennizzo assicurativo, ma c’è una disomogenità dei calendari. Gli infortuni ci sono sempre, ma quello che manca è l’organizzazione. Ora la Fifa e Uefa hanno altri problemi a cui pensare. La Lazio ha poco risalto in questo momento, visto l’exploit della Fiorentina, ma la squdra di Pioli è terza in classifica, ed è una delle protagoniste di questo torneo. E’ ancora presto capire dove intervenire sul mercato, ma solo a Natale si potranno portare dei correttivi. Bisogna recuperare degli infoutnati: tornano Klose e forse de Vrij, sicuramente con il Torino, ma le perdite di Biglia e Parolo proprio non ci volevano. Scudetto? E’ un campionato anomalo, la Juventus è partita male, l’Inter è un cantiere aperto. Il Napoli si segnala per la sua grande competitività: nelle ultime 6 uscite 18 gol fatti e appena uno subito. La Roma, nonostante abbia 14 punti, potrà essere protagonista. Tutto può ancora succedere. Sui diritti tv, c’è in ballo 1 miliardo di euro a stagione, non viene suddivisa con gli stessi criteri di Premier e Bundesliga. Alle piccole viene garantito un paracadute. Questa inchiesta deve chiarire il giusto criterio di ripartizione dei diritti Tv, il ticketing e gli abbonamenti allo stadio sono in netto calo ed è un dato su cui riflettere”.

Da non perdere

Iscriviti alla Newsletter

Per le ultime notizie sulla Lazio iscriviti alla newsletter. E' GRATIS