Prossima Partita

Classifica

LEGGI ANCHE

Da Raiola a Calenda, da Donnarumma a Keita. Club in ostaggio dei procuratori

Sullo stesso argomento

E’ di poco fa la notizia che Donnarumma non rinnoverà il contratto in scadenza con il Milan. Un nuovo eclatante caso in cui i club sono ostaggio delle vergognose pretese avanzate dai procuratori

RAIOLA DONNARUMMA COME CALENDA KEITA

PUBBLICITA

18 anni e rifiutare un ingaggio di 4.5 milioni l’anno. A questo patetico punto di non ritorno è arrivato il calcio moderno. Un ragazzino sconosciuto fino ad un anno e mezzo fa che non ha riconoscenza verso il club che lo ha reso un calciatore vero. 18 anni e pretendere, quando hai ancora tutto da dimostrare in campo. Dopo aver baciato la maglia, Donnarumma si è preso gioco dei suoi tifosi. E alla Lazio qualcosa di simile sta accadendo con Keita. Un altro calciatore che fa le bizze e fa di tutto per andare via. Sia chiaro: ogni calciatore deve pensare alla propiria carriera e scegliere ciò che è meglio per lui. Nessuno lo mette in dubbio. Ma il teatrino dei procuratori è altamente patetico.

RAIOLA E CALENDA, GIOCHI DI POTERE

Che Raiola fosse un mago nelle trattative era risaèuto da parecchi anni. Come è risaputa la sua speculazione nei rinnovi contrattuali. Dopotutto c’è da pensare alle commissioni da prendere. Si è arrivati al punto in cui un calciatore va dove decide il suo procuratore. Senza possibilità di scelta. I club sono in totale balia di questi personaggi che fanno disinnamorare i tifosi. E’ lontano anni luce quell’anno in cui i tifosi laziali bloccarono il passaggio di Signori al Parma, scendendo in piazza. Quello era un calcio pieno di passione, dove i soldi non contavano quanto ora. Ad oggi il Dio denaro rende poco riflessivi e niente romantici. Eppure, per citarne uno, Buffon scese in B con la Juventus. Ma oggi, a 18 anni si pretendono 7 milioni.

Ridatemi il calcio di una volta, ridatemi la passione per il pallone.

SEGUITECI SULLA NOSTRA NUOVA PAGINA FACEBOOK


whatsapp canale
facebook canale

LIVE NEWS