Seguici sui Social

Primo Piano

Signori cuore laziale: “Amore fortissimo coi tifosi”. Poi svela un simpatico aneddoto su Mazzone e sui consigli a Neymar

Avatar

Pubblicato

il

Giuseppe Signori ex bomber della Lazio
PUBBLICITA

Oggi ricorre il 50° compleanno di un idolo del popolo , Beppe. Signori cuore laziale ha raccontato la sua esperienza in biancoceleste dal suo arrivo fino al suo .

Signori cuore laziale si è raccontato alla dello Sport: “A Roma ho vissuto un amore fortissimo Scesero in 5mila in piazza per evitare la mia cessione al Parma. E pensare che all’inizio avevo paura, dovevo sostituire Ruben Sosa che fece 40 gol in 4 anni. Invece ne segnai 49 nella metà del . Alla Lazio capii le parole di Zeman: ero un bomber”. Sui motivi del suo addio da Roma:In una partita di Coppa Uefa del 1997, Eriksson mi fece scaldare per 45 minuti, poi non mi mandò neanche in campo. Ero il capitano e sognavo di superare il record di Piola, non meritavo quel trattamento. Quella volta girai con la macchina fino alle sei del mattino con le lacrime agli occhi”.

GLI “INSULTI” DI MAZZONE E I CONSIGLI A NEYMAR

Il destino volle che quando Signori andò via la Lazio iniziò a vincere: “Sono capocannoniere della Coppa Italia 97/98, quel trofeo lo considero mio. Dopo lo Scudetto del 2000 il presidente Cragnotti organizzò un’amichevole col Bologna per coinvolgermi. Non me ne sono mai andato”. Poi gli anni a Bologna: Mazzone era l’uomo giusto per ripartire dopo il trauma alla Lazio. Segnai la prima marcatura dopo una lunga astinenza proprio contro la sua Roma. Mi disse: “Mortacci tua, mi hai fatto esultare al goal di un laziale contro la Roma.

Peculiarità di Beppe gol era calciare i rigori da fermo: “L’idea mi venne osservando un trofeo di freccette. Lì è necessaria solo la forza e la precisione. Un anno fa mi chiamò il Barcellona per dare consigli a Neymar che da quel momento ha siglato tutti i penalty”. Su un suo possibile ritorno al calcio:Sono radiato dal 2011 per lo scandalo scommesse, ho preso l’ergastolo . Dopo 7 anni il processo penale non è ancora iniziato. Mi auguro di uscirne innocente, posso dare ancora qualcosa al calcio e ai giovani. Se sono innocente? Sicuro non sono il capo dei capi”.

SIGNORI E IL SOGNO DI ANDARE SOTTO LA CURVA NORD

Signori ha parlato anche ai microfoni di Radiosei: Rifiutare la cessione al Parma fu la scelta più giusta, sono stato ripagato dall’affetto dei tifosi della Lazio. Li ringrazio, mi hanno sempre dimostrato grande amore, ho cercato di ricompensarli con tanti gol. Ancora oggi quando ripenso alla gente in piazza per evitare la mia cessione mi emoziono, se ripenso a quel tifoso incatenato mi vengono le lacrime agli occhi. Spero un giorno di poterli salutare da vicino, andando sotto la Curva all’Olimpico.  Il gol più bello è stato quello in Lazio-Inter, scelgo questo per potenza, forza e precisione quello. Ma anche quello contro il Torino spalla a spalla con Bruno e quello sotto la traversa con la Juventus non sono stati male.

Mi sono trovato bene con tanti compagni di squadra, ovviamente con Rambo, con Casiraghi, con Boksic. Sono stato tre volte capocannoniere, questo anche perché avevo intesa con i miei compagni di reparto. Hanno chiamato in tanti per farmi gli auguri, tanti che hanno giocato insieme a me. Questi 50 anni li festeggio con la speranza di poter un giorno lavorare con i giovani. Quando ero ragazzino mi scartarono, penso di poter dare tanto in questo senso”

SEGUICI SU GOOGLE EDICOLA

LUKAKU NERVOSO>>>LEGGI IL MOTIVO


Pubblicità

Primo Piano

L’Italia batte la Turchia ed Immobile cita Lino Banfi

Un inizio straripante per gli azzurri di Mancini dove ha brillato anche la stella biancoceleste Immobile. Lo stesso Immobile cita Lino Banfi dopo il gol, scopriamo il perché

Avatar

Pubblicato

il


Un inizio straripante per gli azzurri di Mancini dove ha brillato anche la stella biancoceleste . Lo stesso Immobile cita Lino Banfi dopo il gol, scopriamo il perché

L’Italia se la canta e se la suona, 3-0 senza storia alla Turchia. A segno vanno un di Demiral su tiro-cross di Berardi, Insigne su assist di Ciro e lo stesso Immobile con un tap-in sottoporta.

immobile
Immobile

Dopo il gol Immobile cita Lino Banfi e ai microfoni della Rai a partita spiega il perché. 0;Ci è arrivato un messaggio da Lino Banfi che ci chiedeva di gridare porca puttena”. Gol e promessa mantenuta da Immobile che inoltre si è dichiarato entusiasta della prestazione azzurra e ha voluto dichiarare il gol al pubblico presente allo .

Banfi
Lino Banfi

DEFINITO LO STAFF DI SARRI

Continua a leggere

Primo Piano

Il laziale perdona, (a) Calenda no

Fanno discutere le frasi del candidato Sindaco Calenda. In passato sbeffeggiava il popolo laziale, ora a caccia di voti sembra aver cambiato idea

Avatar

Pubblicato

il


Fanno discutere le frasi del candidato Sindaco Calenda. In passato sbeffeggiava il popolo laziale, ora a caccia di voti sembra aver cambiato idea

Carlo Calenda candidato Sindaco per Roma con la lista Azione, in questi giorni è tornato a far parlare di se. Non su questione politiche, ma bensì sulla sua fede calcistica. Calenda noto della Roma, in passato si è lasciato andare a dichiarazioni poco piacevoli verso il popolo biancoceleste.

calenda
Calenda

LE DICHIARAZIONI

Le “offese” di Calenda svariano dal “Sei un cazzaro, sei laziale, mi ricordi al più pesante “I laziali non votano, non capiscono la scheda elettorale“. Lo tra le 2 tifoserie è una cosa sana, ma quando toccano tasti delicati il problema sorge. Soprattutto quando lo stesso Calenda per acciuffare qualche voto in più magicamente cambia sponda ed elogia la ed il suo nuovo tecnico . L’incoerenza nella politica la fa da padrona.

frasi
frasi
Frasi

FODEN COME GAZZA

Continua a leggere

Primo Piano

SARRI LAZIO Annuncio ufficiale arrivato con un…emoticon

Sarri Lazio Annuncio ufficiale diramato in maniera originale (ma non troppo)

Avatar

Pubblicato

il


Il club ha scelto un modo davvero originale per dare Sarri Lazio annuncio .

SARRI LAZIO ANNUNCIO UFFICIALE – Ora possiamo dirlo: il 2enne toscano è il nuovo allenatore dei capitolini. Il lieto fine, atteso ormai da tanti (troppi) giorni, si è finalmente materializzato. Lo ha fatto questa notte, con uno scambio di documenti firmati e controfirmati dalle parti. Il tutto è avvenuto sull’asse tra Roma e Milano, dove l’ex mister della Juve si trovava per impegni personali. Ed è stato seguito minuto per minuto da media e tifosi, ansiosi al limite dello spasmodico di ricevere la bella notizia.

darla, in maniera criptica (ma non troppo), la stessa Lazio. Sul suo profilo ufficiale Twitter è infatti comparsa l’emoticon di una sigaretta. Una figurina molto in voga in questi giorni tra i tifosi per descrivere Sarri, accanito fumatore. Sarà forse per questo che il club biancoceleste ne ha fatto uso per dare la sospirata comunicazione. O perlomeno per anticiparla: a breve dovrebbe infatti essere diramata anche la nota ufficiale. Intanto una cosa è certa: Lotito ha partorito (anzi, ‘parto-tito’). Benvenuto nel mondo biancoceleste, piccolo grande Maurizio Sarri.

INTANTO DA IMMOBILE INDIZIO SOCIAL SUL MERCATO

Continua a leggere

Articoli più letti