Seguici sui Social

Primo Piano

PUBBLICITA

Lazio Caicedo parla di se: “Voglio portare la Lazio in Champions”

Avatar

Pubblicato

il

Caicedo 1 scaled

Lazio Caicedo si racconta al canale tematico Lazio Style Channel con un video molto approfondito

Lazio Caicedo nelle ultime partite sta giocando da titolare riuscendo a far vedere che su di lui ci si può puntare. Sempre messo in ombra di Ciro Immobile, nelle ultime giornate si sta facendo valere. Suo il gol che ha portato alla Lazio un punto contro l’Atalanta

“L’esperienza al Manchester City mi è servita, molto formativa, grazie a loro sono diventato un calciatore, ma è al Levante che ho trascorso la mia esperienza calcistica più bella. Ho segnato molti gol e ho aiutato la squadra a salvarsi. In quel periodo ho anche conosciuto mia moglie. Sono stati mesi felici. Mi fa piacere tornare in città quando posso”.

Basilea: “Quando arrivò l’offerta da parte del Basilea ero ancora molto giovane, però a oggi credo che aver accettato sia stata la scelta giusta, perché mi ha proiettato nel calcio europeo. Il Basilea è un ottimo club, crede molto nei giovani e mi ha permesso di crescere. Il fatto che la squadra disputasse delle competizioni di grande livello mi ha fatto crescere mentalmente. Mi sono adattato bene e presto al calcio svizzero e a quello europeo. Nel primo anno non ho giocato molto, anche per via del mancato transfer. Ma quando il transfer è arrivato ero davvero pronto, era come se avessi giocato da sempre con la squadra”.

GLI INIZI

“Non è stato facile per me decidere di fare del calcio un mestiere. In famiglia non avevamo molti soldi e ho dovuto fare molti sacrifici. Avevo un buon piede sinistro, ho cominciato a giocare come mezza punta, indossando la maglia numero 10. Poi gradualmente mi sono specializzato come punta centrale. La mia caratteristica peculiare è quella di cercare sempre di giocare il pallone col compagno. Cerco sempre l’appoggio della squadra e spero che questo mio modo di intendere il ruolo possa ben sposarsi con le esigenze della Lazio”

Levante: “Quello allo Sporting non fu un periodo molto proficuo, quindi quando arrivai al Malaga ce l’ho messa tutta per recuperare. Lì ho sperimentato la mia combattività, dovevamo salvarci ed evitare di non retrocedere. Al Levante ho trascorso la mia esperienza calcistica più bella. Ho segnato molti gol e ho aiutato la squadra a salvarsi. In quel periodo ho anche conosciuto mia moglie. Sono stati mesi felici. Mi fa piacere tornare in città quando posso”.

Cosa gli piace fare: “Mi piace passare il tempo libero con la mia famiglia, sono tutto per me. Giochiamo spesso e quando sono a casa mi concentro solo su di loro. Mia moglie è un’imprenditrice di moda, sta cercando di crescere ed è molto impegnata. Quando possiamo cerchiamo di stare insieme il più possibile”.

Tra calcio e lingua: “Fortunatamente quello che ti lascia il calcio è un mix culturale che ti rende un uomo migliore. Ho imparato molte lingue: l’inglese, il tedesco, un po’ di russo, un accenno di arabo e l’italiano. Per questo posso ritenermi un uomo fortunato, che ha potuto collezionare molte esperienze interessanti. In Svizzera già ascoltavo molto l’italiano, era la lingua che usava il mister per comunicare con me, dato che è molto simile allo spagnolo”.

L’APPRODO IN BIANCOCELESTE

La Lazio è una grande squadra, molto conosciuta in Europa. Quando mi si è palesata l’opportunità quasi non ci credevo. Rappresenta un punto d’arrivo molto importante per un giocatore che vuole consacrare la sua carriera.Abbiamo una rosa forte e siamo in lizza per la Champions, vogliamo competere su tutti i fronti e desidero conquistarmi la stima per rimanere qui a lungo. Spero di continuare a segnare gol decisivi, nonostante la Lazio abbia un organico fantastico e tante soluzioni di gioco. Voglio dare il massimo e contribuire con reti come quella con la Sampdoria o il Nizza. L’esultanza a Genova? Sì era una fotografia, ma è sembrato uno scatto fatto alla loro curva. Non volevo essere offensivo con i loro tifosi”.

Inzaghi: “Diversi tecnici sono stati fondamentali per me ma oggi ho la fortuna di lavorare con Inzaghi che è un grande motivatore e una persona eccezionale che non trascura nessun dettaglio. Ha grande personalità e riesce a trasmetterla al gruppo, una qualità che gli garantirà un ottimo futuro da allenatore”.

SUPERCOPPA

Alla mia prima partita vincere un trofeo così importante è stata un’emozione indescrivibile. Ora il prossimo passo è restare protagonisti in campionato. L’emozione della Supercoppa l’ho vissuta dalla panchina, ma mi sono sentito comunque parte di un grande gruppo. Ho un paio di soprannomi: Felipao e la Pantera che è quello più diffuso. Ma un giorno, con l’Ecuador, segnai una doppietta importante in piena campagna elettorale e Rafael Correa (presidente del Paese fino al 2017, ndr) disse che il vero presidente ero io. Ricordo questo episodio con orgoglio. In Nazionale ho avuto una carriera piena di soddisfazioni che sfortunatamente non si è conclusa con la qualificazione a Russia 2018″.

Ritiro dalla Nazionale: “Mi sono ritirato perché non mi sentivo più al massimo ed era giusto lasciare ai giovani e a gente con più motivazioni. Comunque ho sempre dato tutto e sono stato il secondo marcatore delle qualificazioni. Porterò un bel ricordo, ora è il momento di pensare alla Lazio. L’Ecuador mi ha dato tanto. Ho a cuore soprattutto un gol con l’Argentina nel successo per 2-0 a Buenos Aires, fu fantastico”.

SEGUICI SU FACEBOOK

LEGGI LE PAROLE DI STOIAN

 


Primo Piano

Chi è Romano Floriani Mussolini, il giovane dal cognome difficile convocato per Verona Lazio

Romano Floriani Mussolini, chi è il giovane convocato per Verona Lazio

Avatar

Pubblicato

il

6276436 1905 romano floriani mussolini lazio convocazione sarri
<

Romano Floriani Mussolini, chi è il giovane convocato per Verona Lazio

Romano Floriani Mussolini, il giovane talento della Lazio dal cognome difficile. Nasce a Roma il 27 Gennaio 2003 e passa dalle giovanili della Roma a quelle della Lazio, nel mezzo una esperienza in prestito alla Vigor Perconti. Floriani è un giocatore molto duttile e nella primavera del club ha ricoperto 3 ruoli : terzino destro, difensore centrale e centrocampista destro. Alto 1 metro e 88 cm è legato alla Lazio fino al 2024. Porta dietro le spalle un cognome difficile, ma che non lo lega alla storia passata. Figlio dell’ex parlamentare europea Alessandra Mussolini e Mauro Floriani è pronto al debutto con i grandi.

floriani mussolini

MALAGO’ CONTRO BERNABE’

Continua a leggere

Primo Piano

Bernabè si difende dalle accuse, la lettera del falconiere

Bernabè si difende dalle accuse, l’ex falconiere della Lazio scrive una lettera

Avatar

Pubblicato

il

methode times prod web bin 9e28144a 31d4 11ec 820f e2be9b2cb5fd
<

Bernabè si difende dalle accuse, l’ex falconiere della Lazio scrive una lettera

Bernabè si difende dalle accuse. L’ormai ex falconiere della Lazio dopo esser stato licenziato per un saluto romano dopo Lazio Inter ha scritto una lettera poi pubblicata dal portale Adnkronos : “Sono dispiaciuto per quello che è successo, in Spagna il gesto fascista si fa con il braccio teso in una linea retta. In Italia a quanto pare è anche così, dandosi una pacca sul petto. Io sono una persona assolutamente di destra, del partito Vox in Spagna come pure tanti amici calciatori, ma non di idea fascista, non è proprio nella mia mentalità. Sono un uomo che ha girato il mondo, che fa business in tutto il mondo e che ha rapporti con persone di tutte le razze. È stato un gesto dettato dall’impulso festeggiando il finale di una partita. Un saluto militare, mai fascista. Tuttavia va bene, queste cose fanno parte della vita, ci sono momenti brutti e belli. E questo per me è un momento brutto“.

lazio bernabè

CALENDARIO LAZIO : LA RABBIA DI SARRI

Continua a leggere

Primo Piano

Tamponi Lazio, la rabbia della Figc

Tamponi Lazio, la rabbia della Figc : “Pena incongrua”, faremo ricorso

Avatar

Pubblicato

il

Gabriele Gravina 1
<

Tamponi Lazio, la rabbia della Figc : “Pena incongrua”, faremo ricorso

Tamponi Lazio, la condanna punisce Lotito, ma secondo la Figc la pena è incongrua : “C’è sconcerto per l’irrogazione di sanzioni incongrue e prive di afflittività a fronte di violazioni gravi dei protocolli anti-Covid consumate in uno dei periodi più difficili di pandemia nel nostro Paese“. Ma non è tutto, la Figc starebbe pensando ad un possibile ricorso al collegio di garanzia.

Gravina

IL GESTACCIO DI KOLAROV : MULTATO

Continua a leggere

Articoli più letti