Seguici sui Social

News

MEMORIAL MIRKO FERSINI – Un triangolare per ricordare un figlio biancoceleste

PUBBLICITA

Pubblicato

il

Ritratto di Mirko Fersini ex giocatore della Lazio
PUBBLICITA

Una giornata di sport e divertimento per ricordare Mirko Fersini e Maurizio Melli. È andato in scena quest’oggi presso il Centro Sportivo Maurizio Melli la prima edizione del Memorial Mirko Fersini.

Al triangolare per il memorial Mirko Fersini hanno partecipato le selezioni Under 14 della Prima Squadra della Capitale, del Savio e dell’Urbetevere. I biancocelesti di mister Marco Alboni, in particolare, hanno dato il via alle danze sfidando, alle ore 15:00, i pari età del Savio. La Lazio ha raggiunto il successo per 2-0 della Lazio e nella seconda gara di giornata è stata l’Urbetevere a superare il Savio per 3-1. Nella gara decisiva della competizione, la formazione biancoceleste allenata da Marco Alboni ha sfidato proprio l’Urbetevere. La selezione Under 14 della Prima Squadra della Capitale si è portata in vantaggio al 6’, ma poco dopo è stata la formazione ospite a pareggiare i conti con Mencanelli. L’Urbetevere conclude la rimonta nella seconda frazione con Legnanto che, al 47’, porta definitivamente in vantaggio la propria compagine.

LE PAROLE DEI PROTAGONISTI: CRISTINA MEZZAROMA

A margine dell’evento, Cristina Mezzaroma, moglie del Presidente Claudio Lotito, è intervenuta all’attenzione dei presenti: “Quando mi hanno chiamata per partecipare a questo evento non ho avuto dubbi. So bene la storia di Mirko Fersini, sono madre anche io ed i figli sono la cosa più preziosa al mondo. Non conoscerò mai il dolore che ha provato la madre di Mirko, ma posso provare a capire il vuoto che ha provocato la prematura scomparsa di un figlio ed il silenzio dei giorni che sono seguiti. Quando noi ricordiamo ed evochiamo il suo nome, Mirko è qui con noi. Credo in tal senso che oggi abbia giocato insieme ai suoi compagni. La Lazio non è astratta, è fatta di persone, strette ed unite da valori fondamentali come la lealtà, il sacrificio e l’impegno. La cultura della memoria è uno dei nostri valori. La Lazio non lascia mai indietro i propri figli, li ricorda e pensa che questi siano pietre miliari che ancora oggi sono presenti nell’attività quotidiana del Club. Come in una famiglia, si condividono gioie e dolori e si sta vicino ai ragazzi che sono appartenuti a questo nucleo. Ringrazio tutti coloro che hanno partecipato a questo evento”.

ENRICO LOTITO

Anche Enrico Lotito, figlio del Presidente della S.S. Lazio, ha preso la parola: “Voglio ringraziare la famiglia di Mirko, perché ci ha ospitati all’interno di un’atmosfera emozionante, piena di sport e di lazialità. Ho conosciuto Mirko Fersini ed ho giocato insieme a lui: era un ragazzo solare, era un tifoso in campo che ha sempre dato tutto per la nostra maglia. Era una persona per bene, con la testa sulle spalle e che amava tifare la sua squadra del cuore, la Lazio. Oggi probabilmente, Mirko sarebbe stato in prima squadra insieme ai suoi compagni”.

SEGUICI SU TWITTER>>>CLICCA QUI

FERGUSON STA MEGLIO>>>CLICCA QUI


Focus

LA NOSTRA STORIA Super Dino Zoff: il mito compie gli anni

Pubblicato

il

Dino Zoff ex allenatore di calcio

Il 28 febbraio 1942 nasce a Mariano del Friuli (GO) uno dei più grandi personaggi del mondo del calcio: Dino Zoff.

Inizia a giocare a pallone nella squadra del suo paese, la Marianese. Nel 1960 passa nella squadra riserve dell’Udinese, maglia con la quale esordisce in Serie A. L’anno successivo in Serie B diventa titolare inamovibile. Nel 1963 passa al Mantova per 30 milioni di lire restandovi per quattro stagioni. Nel 1967 Dino Zoff viene ceduto al Napoli per 120 milioni di lire più la vendita del cartellino di Claudio Bandoni. Con i partenopei gioca per cinque stagioni. Difende, ininterrottamente, la porta campana dalla gara di debutto in casa il 24 settembre 1967 alla sconfitta esterna subita contro l’Inter il 12 marzo 1972.

Nel 1972 viene ceduto alla Juventus. Con la squadra torinese resta fino al definitivo ritiro avvenuto nel 1983. A trenta anni diventa il numero uno dei bianconeri e, fino alla fine della stagione 1982-1983, è sempre presente in campionato. Alla sua esperienza con la società torinese sono legate tutte le vittorie con squadre di club ottenute sia da giocatore che da allenatore. In undici stagioni vinse per sei volte il titolo di Campione d’Italia, due Coppe Italia e una Coppa UEFA. Al termine della stagione 1982-1983, dopo la finale di Coppa dei Campioni persa ad Atene contro l’Amburgo, si ritira.

LA NAZIONALE

Con la maglia azzurra Dino Zoff conta in tutto 112 presenze. Ha vinto i Giochi del Mediterraneo nel 1963, il Campionato Europeo in Italia nel 1968 e il Campionato del Mondo in Spagna nel 1982. Figura nella Hall of Fame del Calcio italiano (2012), nella Walk of Fame dello Sport italiano nella categoria ‘Leggende’ nel 2015 e nelle ‘Leggende del calcio’ del Golden Foot nel 2004. È stato nominato nel 1992 Commendatore Onore al Merito della Repubblica Italiana e nel 2000 Grande Ufficiale Ordine al Merito della Repubblica Italiana. Nel 2003 l’Università di Cassino gli ha conferito la Laurea Honoris Causa in Scienze Motorie e Sportive. Nel 2014 ha pubblicato il libro “Dura un attimo, la gloria”.

  LAZIO TORINO A rischio rinvio: il possibile scenario

LA CARRIERA DA ALLENATORE

Dopo avere appeso gli scarpini al chiodo allena la Nazionale Olimpica. Nel 1988 va ad allenare la Juventus. Sulla panchina bianconera vi resta per due stagioni vincendo, nel secondo anno, la Coppa Italia e la Coppa UEFA. Vince a livello personale il premio Guerin d’Oro nella stagione 1989/90 e il Seminatore I.N.A. nel 1990. Il riassetto societario attuato dai vertici della società bianconera alla fine della stagione portò alla mancata conferma di Zoff in panchina nonostante le due coppe vinte.

L’ARRIVO ALLA LAZIO

Viene assunto dal presidente Gianmarco Calleri e diventa l’allenatore della Lazio. Le sue prime parole furono: “E’ per me un grande onore allenare la Lazio”. Rimane sulla panchina biancoceleste per quattro stagioni riuscendo a riportare la squadra in Coppa Uefa. Nel 1994 la Lazio ingaggia come allenatore Zdenek Zeman. Il patron, nel frattempo divenuto Sergio Cragnotti, offre allora al precedente tecnico la carica di Presidente della Lazio. Nel 1996/97 però la società esonera Zeman e richiama Dino in veste di allenatore. Vince il premio Guerin d’Oro come presidente nel 1996/97 e la stagione successiva. Nel 1997/98 la società assume Sven Goran Eriksson e Zoff torna a fare il presidente.

Ricopre tale carica fino a dopo i Mondiali in Francia del 1998, quando diventa Commissario Tecnico della Nazionale Italiana. Nel Campionato europeo del 2000 perde, a causa di un golden gol di Trezeguet, la finale contro la Francia e a seguito delle critiche del Presidente del Consiglio Berlusconi si dimette dall’incarico e torna alla Lazio come Vice Presidente. Nel 2001, per l’ennesima volta, quando Eriksson diventa CT dell’Inghilterra, la società lo richiama in panchina. Confermato per la stagione successiva viene esonerato alla terza giornata e sostituito da Alberto Zaccheroni. Nel gennaio 2005 viene ingaggiato dalla Fiorentina, che conduce alla salvezza. Al termine della stagione si ritira definitivamente dal mondo del calcio.

SEGUICI ANCHE SU TWITTER

Continua a leggere