Seguici sui Social

Articolo copertina

ESCLUSIVA Zavaglia: “Acerbi vale de Vrij. Sul vivaio Lensen inesperto”

Pubblicato

il

Acerbi con la maglia della Lazio
PUBBLICITA

Questa settimana Laziochannel ha raggiunto Franco Zavaglia, agente di lungo corso e grande scopritore di talenti, sia in Italia che in Brasile

Zavaglia, dopo due stagioni, quest’anno la Lazio a cosa può ambire e che programmi potrebbe fare per il prossimo futuro?

La Lazio dovrebbe quantomeno confermare la posizione dell’anno scorso e se possibile migliorarla. Questo potrebbe essere l’obiettivo, anche in luce del fatto che lo scorso anno è stata penalizzata in più occasioni e avrebbe dovuto avere qualche punto in più. Hanno pesato molto i punti persi per strada per colpe spesso non sue e, se ne avesse ottenuti almeno la metà, la qualificazione alla Champions sarebbe stata cosa fatta. La partita con l’Inter non sarebbe stata neanche determinante…

Pensa che l’ossatura della squadra verrà mantenuta o ci sarà qualche stravolgimento?

Tare lavora sempre molto sotto traccia e fa bene. Penso che i tifosi ne debbano avere piena fiducia. Difficilmente sbaglia i calciatori da acquistare. Ad oggi l’ossatura è mantenuta e salvo la cessione di De Vrij, sostituito secondo me molto bene da Acerbi, cambierà poco. Anzi, forse la Lazio ha acquistato in esperienza: non dimentichiamo che l’olandese non sempre è stato continuo.

Qualche nuovo talento che sta seguendo attualmente?

L’utlimo talento che secondo me farà strada è Rodrigo, acquistato dal Real Madrid e proveniente dal Santos. Un attaccante del 2001, molto molto importante, che in Brasile giocava già in prima squadra. Vediamo come risponderà nella Liga. In Brasile, in ogni caso, si è sempre dato molto spazio alle nuove leve.

E in Italia, quale società secondo lei si sta muovendo bene sul settore giovanile?

Diciamo che le società che lavorano con più solidità in questo senso sono l’Atalanta, la Juventus, l’Empoli. Anche Lazio e Roma sono molto attente. Forse dalla sponda biancoceleste è stata pagata un po’ l’inesperienza di Lensen, che non ha dato un’impronta giusta col materiale che aveva.

In Italia, comunque, i calciatori ci sono e ci saranno sempre: bisogna solo essere bravi a valorizzarli.

In particolare, del settore giovanile laziale?

Alla Lazio, ci sono dei buoni prodotti del vivaio. Forse qualcuno si è un po’ perso, perché le attese erano alte. Un giovane con buone prospettive penso sia Alessandro Rossi, che ha delle grandi qualità. L’ultima stagione l’ha vissuta a Salerno, che però credo non sia la piazza adatta per poter far maturare dei ragazzi dalla Primavera. Il salto dalle giovanili alla B, in una piazza anche abbastanza calda, può disorientare. Guardiamo l’esempio di Strakosha, ora titolare nella Lazio, mentre in serie B non era nemmeno sicuro del posto. Con i giovani non importa tanto quando farli esordire, quanto piuttosto dove e in che modo. Forse aiuterebbe farlo sempre nelle serie minori, ma anche dove ci sono meno pressioni.

Diego Di Giuseppe

La riproduzione dell’articolo è consentita solo previa citazione della fonte Laziochannel.it


Pubblicità

Articolo copertina

ROMA LAZIO PAGELLE – Un 2-0 senza appello: incubo Acerbi

Pubblicato

il


Roma Lazio pagelle: partita incolore della squadra di Inzaghi che si spegne dopo un primo tempo più che dignitoso. Acerbi il peggiore dei suoi.

Partita inspiegabile dei biancocelesti che hanno mollato dalla gara di Firenze. Erano già in vacanza: squadra che camminava e con zero grinta. L’Europa League è stata raggiunta ma c’è molto da rivedere: il mercato estivo non è stato all’altezza. Fares e Muriqi non hanno inciso e questo pesa parecchio visto che sono stati spesi complessivamente 30 milioni di euro. Roma Lazio pagelle: subito i voti ai ragazzi di Inzaghi.

ROMA LAZIO PAGELLE – SI PARTE DALLA DIFESA

Reina 5,5 – Due tiri, due gol. Sul primo non poteva fare nulla, sul secondo poteva avere qualche accortezza in più ma Pedro è stato lasciato troppo libero di calciare.

Marusic 5,5 – Poteva coprire meglio su El Shaarawy e Dzeko in occasione del primo gol della Roma e dare più assistenza ad Acerbi e invece così non è stato. Al 73′ Fares 5,5 – Entra a partita finita: nessuna azione degna di nota sia in positivo che negativo.

Visualizza immagine di origine

                                                                Roma Lazio pagelle: Acerbi il peggiore dei suoi stasera

Acerbi 4,5 – Un incubo la partita di stasera: non ha mai preso Dzeko libero di svariare in area. Il cartellino rosso nel finale è la pietra tombale della sua gara. Svagato come a Firenze.

Radu 6 – Il migliore del suo reparto, non molla mai di un centimetro. Al 73′ Caicedo 5,5 – La fascite plantare non gli permette di fare molto: i compagni non l’hanno neppure aiutato.

Lazzari 6 – Non ripete la prestazione del derby d’andata ma è suo il salvataggio nel secondo tempo di un tiro pericoloso di Cristante che poteva essere gol.

CENTROCAMPO

Milinkovic 6 – Il migliore dei suoi oggi a centrocampo: peccato per il gol mangiato nel primo tempo a tu per tu con Fuzato cercando un pallonetto che non ci stava. Al 84′ Akpa Akpro s.v.

Leiva 5,5 – Nel primo tempo impeccabile, nel secondo la squadra si sfilaccia e anche lui ne risente con gli spazi più larghi.

Luis Alberto 5 – Sulla sua coscienza due gol mangiati nel primo tempo che dovevano portare la Lazio in vantaggio. Mancata la cattiveria.

Lulic 6 – Buona la copertura sulla sua fascia di competenza e la ripartenza. Esce nella ripresa con il fiato un po’ corto. Al 58′ Luis Felipe 5,5 – Soffre anche lui Dzeko, stasera è stato difficile per tutti prendergli le misure.

ATTACCO

Muriqi 5 – Altra partita incolore per il pirata che non è riuscito a sfruttare gli spazi lasciategli da Ciro Immobile. Al 58′ Pereira 5,5 – Entra con tanti minuti a disposizione per ribaltare la partita ma non incide granché.

Immobile 5 – Stasera Ciro non è stato il solito Ciro: partita sottotono per lui. L’unica giocata degna di nota un colpo di tacco con gran parata del portiere della Roma ma con il laziale in fuorigioco. Non è riuscito ancora a superare il record di Piola nei derby. 

LA PAGELLA DEL MISTER

All.: Simone Inzaghi 5,5 – Ci riprova con Muriqi ma è un nuovo disastro: la sua squadra ha mancato di carattere e personalità. Atteggiamento troppo molle in un derby per provare a vincere la partita. La squadra poteva affondare il colpo soprattutto nel primo tempo contro un avversario inferiore invece ha fatto fare bella figura agli avversari che non aspettavano altro. D’altronde questa era l’unica partita che potevano sfruttare per l’unica gioia stagionale e non doveva accadere.

SOCIETA’ DOVE SEI?

Le colpe non sono però sono tattiche: la società deve rifondare la squadra con un mercato diverso. Basta scommesse, c’è bisogno della sostanza vera!

LA LAZIO CERCA I TERRENI DI TOR DI VALLE PER LO STADIO 

Continua a leggere

Articoli più letti