Seguici sui Social

English EN French FR German DE Italian IT Russian RU Spanish ES

Non solo Lazio

ACCADDE OGGI – 1 settembre 1960: la scomparsa di Mario Riva

Pubblicato

in



Il primo settembre del 1960 a Verona moriva a 47 anni, Mario Riva, attore comico e conduttore de “Il Musichiere”, trasmissione cult dei primi anni della Rai. “Il Musichiere” è stato per anni l’avvenimento senza rivali del sabato sera in tv e non solo. Un programma, compresa la sigla di chiusura “Domenica è sempre domenica”, ritagliato su misura per l’aria scanzonata del conduttore, capace di ospitare ospiti nazionali e internazionali di grandissimo livello: da Totò a Gary Cooper, tra i tanti. Il duetto canoro tra Coppi e Bartali, nemici sulle due ruote ma amici nella vita, divenne anche grazie alla bravura di Riva un classico della televisione italiana.

Al momento della sua morte Riva – appena quarantasettenne – era impegnato in un’edizione speciale del suo programma all’Arena di Verona quando si verificò quello che in un primo momento sembrò un banale incidente (una caduta nella buca del palcoscenico) ma che invece si rivelò fatale mettendo fine a una storia professionale fatta di una lunghissima gavetta e di un successo conquistato tardi ma rimasto nella storia della tv.

Mario Riva nacque a Roma nel 1913 (il suo vero nome era Mariuccio Bonavolontà). Giovanissimo negli anni ’40 esordì con spettacoli per i soldati italiani, nel dopoguerra era passato all’avanspettacolo e successivamente, per tutti gli anni ’50, alla rivista e alla commedia musicale. Durante la sua carriera aveva collaborato con molti personaggi destinati a diventare la storia dello spettacolo italiano: tra gli autori di rivista, Michele Galdieri, con il quale prese parte a una lunga stagione di spettacoli al Teatro Valle di Roma al fianco di Paola Borboni, Anna Magnani, Totò. Poi con la Compagnia di Peppino De Filippo, a fianco di Beniamino e Pupella Maggio. Nel 1948 al teatro Colle Oppio di Roma Riva aveva incontrato Riccardo Billi, con il quale costituì una delle prime coppie comiche dell’epoca dando il via a un modello che ha avuto in seguito grande successo: Totò e Peppino, Tognazzi e Vianello, Franco e Ciccio, Ric e Gian, Cochi e Renato, fino ai nostri giorni Greggio e Iachetti. Billi e Riva, sotto la guida di Garinei e Giovannini, conobbero una fortunatissima stagione di commedia musicale con titoli di grande richiamo: “La bisarca” nel 1950, “Alta tensione” nel 1951, “I fanatici” nel 1952, “Caccia al tesoro” nel 1953, “Siamo tutti dottori” nel 1954, “La granduchessa e i camerieri” nel 1955, “Gli italiani sono fatti così” nel 1956. Insieme a loro Wanda Osiris, Gino Bramieri, il quartetto Cetra, due giovanissimi talenti come Nino Manfredi e Paolo Ferrari; il tutto accompagnato dalle musiche delle orchestre di Armando Trovajoli e Lelio Luttazzi. Al cinema Riva ebbe al suo attivo oltre 40 film girati con Totò, Peppino De Filippo, Alberto Sordi, Walter Chiari e Aldo Fabrizi. Tra le pellicole: “Accadde al commissariato” (1954), “Accadde al penitenziario” (1955), “Arrivano i dollari!” (1956), “Ladro lui, ladra lei” (1957), “Toto Peppino e le fanatiche” (1958), “Il Vigile” (1960).

Ma fu soprattutto “Il Musichiere” a dargli successo: la prima trasmissione andò in onda nel dicembre 1957 e l’ultima, 90 puntate dopo, nel 1960 con la morte dell’artista. Al sabato sera i cinema, al posto del film in cartellone, trasmettevano il programma di Riva.

Mario Riva ebbe la capacità di capire subito l’enorme potenziale di comunicazione della tv. Proprio per questo fece perno su una conduzione popolare con l’uso ravvicinato della telecamera per dialogare direttamente con il telespettatore, sull’invenzione di una casalinga immaginaria “la signora Clotilde”, sul rivolgersi direttamente ai politici per situazioni di bisogno e anche sulla noncuranza per una spiccata cadenza romana (lui di provata fede calcistica laziale). E fu la strada giusta visto che venne ripagato dal pubblico che lo sentiva vicino e amico: basti pensare che ai suoi funerali parteciparono 250.000 persone.

Non solo Lazio

Diletta Leotta, la verità sul legame tra lei e Ibrahimovic

Pubblicato

in

Diletta Leotta Ibrahimovic


Ecco le dichiarazioni della giornalista sportiva sul suo presunto flirt con il giocatore del Milan

Parla chiaro la giornalista sportiva più amata dal pubblico maschile sulle voci che la volevano coinvolta sentimentalmente con l’attaccante del Milan. In un’intervista che uscirà domani sul noto settimanale Chi, che la vede protagonista anche in copertina, la Leotta chiarisce finalmente la situazione. “Stare con un uomo impegnato è una cosa inaccettabile per i miei principi, con tutta la scelta che c’è nel mondo devi avere la lucidità di non metterti in situazioni sbagliate”.

La situazione sentimentale di Diletta Leotta

Adesso sono single. Sono sempre stata fidanzata, dovevo trovare il coraggio di ritagliarmi uno spazio per conoscermi nel profondo e fare scelte importanti, per riuscire a stare da sola sul divano a vedere un film senza dover rendere conto a nessuno”. Diletta commenta anche la fine del suo rapporto con Daniele Scardina: “Non rinnego niente, fra di noi c’è stato un amore profondo”.

Le scelte professionali : il passaggio a Dazn

Nell’ultima parte dell’intervista rilasciata a Chi la conduttrice di Dazn ricorda gli inizi professionali nell’ambiente del giornalismo sportivo come un periodo non semplice. “All’inizio non è stato facile, una collega mi aveva anche detto ‘ti hanno presa solo per le tette’, ma non ho certo lasciato Sky per questa ragione… Ho scelto di andare a Dazn perché era una nuova sfida e perché sentivo che il mercato della tv satellitare stava cambiando”.

Continua a leggere

Articoli più letti

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità Copyright © 2020 Laziochannel.it TESTATA GIORNALISTICA NAZIONALE