Seguici sui Social

Focus

Nasceva oggi la prima squadra di calcio italiana: il Genoa Cricket and Football Club

PUBBLICITA

Pubblicato

il

Genoa stemma
PUBBLICITA

Il Genoa Cricket and Football Club, o più semplicemente Genoa, è una società di calcio del capoluogo ligure. Tra le italiane è quella con il più antico documento scritto attestante la data di fondazione. Nel corso della sua storia ha vinto nove scudetti, tra cui il primo nel 1898. Anno in cui il torneo si svolgeva in una giornata, l’ultimo dei quali si svolse nella stagione 1923-1924. Tra i tornei vinti, anche l’edizione della Coppa Italia nella stagione 1936-37. Dal 1898 al 1929, nella fase dei campionati nazionali antecedenti l’introduzione del cosiddetto girone unico, è la squadra che ha ottenuto il maggior numero di punti complessivi.

I PRIMI ANNI

Gli eventi che caratterizzarono i primi anni di attività dei pionieri del calcio del Genoa e delle altre prime società calcistiche sono documentati nel Museo della Storia del Genoa. Negli anni ’10 la sezione di pallanuoto vinse per quattro volte il campionato italiano (nel 1912, 1913, 1914 e 1919).

I FONDATORI

Tutto ebbe inizio al termine dell’estate del 1893. Era il 7 settembre quando nelle sale del consolato britannico, in pieno centro cittadino, si era dato convegno un folto gruppo di inglesi. Charles De Grave Sells, S. Green, George Blake, W. Rilley, George Dormer Fawcus, H.M. Sandys, E. De Thierry, Johnathan Summerhill sr., Johnathan Summerhill jr., e soprattutto, Charles Alfred Payton, baronetto dell’Impero Britannico e Console Generale di S.M. la Regina Vittoria d’Inghilterra a Genova. 

LA NASCITA DEL GENOA

  Lazio Inzaghi ha parlato con la squadra per spronarla: "Nessuna sconfitta ci divide"

Scopo della riunione l’ufficializzazione di un circolo che da oltre un anno svolgeva attività sportive. Nacque così il Genoa Cricket and Athletic Club. La società non si prefiggeva di praticare il gioco del football ma di essere un gruppo sportivo per la pratica di diversi sport di squadra e individuali. Soprattutto di tradizione anglosassone. Cricket (sport ritenuto di origini nobili), waterpolo (la moderna pallanuoto) e football (ritenuto più popolano). La città di Genova con l’apertura del Canale di Suez era diventata un importante porto commerciale attirando compagnie straniere. Gli inglesi erano numerosi e amavano praticare qui le loro tradizioni sportive gareggiando spesso con gli equipaggi connazionali di navi che facevano scalo. Resosi conto del notevole interesse locale capirono che anche in Italia il calcio poteva avere la stessa notorietà che registrava già da tempo in Inghilterra.

IL DOCUMENTO

Le prime cariche videro presidente Charles De Grave Sells, vice Summerhill senior e patrono Sir Charles Alfred Payton. Il terreno di gioco era quello usato fino ad allora, la Piazza d’Armi del Campasso. Campo messo a disposizione già dal 1890 da due industriali scozzesi, Wilson e McLaren, a Sampierdarena. Le partite si giocavano il sabato. Il documento ufficiale di costituzione dopo essere passato fra tante mani arrivò a Gianni Brera. Alla morte del noto giornalista e tifoso genoano l’originale è stato riconsegnato dalla sua famiglia al Genoa. Attualmente è esposto nel Museo assieme ad altri documenti ufficiali come cimeli, magliette e il pallone originale della finale del primo campionato.

LASCIA UN LIKE ALLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK

DIVENTA UN NOSTRO FOLLOWER SU TWITTER


Continua a leggere
Pubblicità

Focus

LA NOSTRA STORIA – Aron Winter, un lanciere al servizio della Lazio

Pubblicato

il

l'olandese Aron Winter

Ex calciatore della Lazio nato in Suriname ma naturalizzato olandese. Aron Mohamed Winter nasce a Paramaribo il 1° marzo del 1967. Centrocampista, inizia a giocare fra i dilettanti nel SV Lelystad. Nel 1986 passa all’Ajax. Con la formazione olandese vince per due volte la Coppa d’Olanda, un campionato nazionale, una Coppa delle Coppe e una Coppa UEFA.

Nel 1992, per 5 miliardi di lire, passa alla Lazio. Diventa un elemento importante della squadra biancoceleste guidata prima da Zoff e poi da Zeman. Il tecnico boemo lo schiera nel ruolo di laterale sinistro. Si mette in grande mostra per ordine e geometria unite ad un incessante mobilità. Forte tiratore dalla media distanza segna reti fondamentali per prestigiose vittorie biancocelesti. Gioca con la Lazio per quattro stagioni lasciando un ottimo ricordo tra i sostenitori laziali per serietà e rendimento. Winter ha contribuito alla crescita della squadra che a cavallo del 2000 vinse di tutto in Italia e in Europa.

Nel 1996 passa all’Inter dove resta per tre stagioni, vincendo la Coppa UEFA nel 1998. L’anno successivo fa ritorno in Olanda per giocare nell’Ajax e nello Sparta Rotterdam. Con la Nazionale Olandese ha preso parte a tre edizioni dei Mondiali e a quattro degli Europei, vincendoli nel 1988 in Germania. Dopo aver appeso gli scarpini al chiodo diventa allenatore della squadra giovanile dei lancieri e poi della prima squadra. Nel gennaio 2011 viene assunto come allenatore del Toronto FC, per poi venire esonerato nel 2012. Nel 2014 è alla guida della selezione Under 19 olandese. Dal 2016 è tornato ad allenare la formazione A-1 dei lancieri. A luglio 2017 entra nello staff della prima squadra come vice allenatore.

  Lazio Inzaghi ha parlato con la squadra per spronarla: "Nessuna sconfitta ci divide"

SEGUICI SU GOOGLE EDICOLA

DIVENTA NOSTRO FOLLOWER ANCHE SU TWITTER

LASCIA UN LIKE ALLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK

Continua a leggere