Ledesma guarda alla Lazio: “Se la può giocare. Milinkovic e Badelj…”

Anche dal Pro Piacenza, l’ex biancoceleste Cristian Ledesma guarda alla Lazio. Sentite cosa dice…

Ledesma guarda alla Lazio. L’ex biancoceleste, fresco di approdo al Pro Piacenza, non dimentica il suo passato. Queste le sue parole ai microfoni di ‘Radiosei’: “Sono un po’ stanco ma è normale, tutto qui sta procedendo molto bene. C’è tanto entusiasmo e la voglia di avermi qui al Pro Piacenza è stata tanta. Sono felice e adesso inizia la parte più bella. I compagni sono molto contenti ed alcuni non ci credevano che sarei venuto a giocare qui. Sono felice di questa nuova avventura”.

L’INIZIO DI STAGIONE BIANCOCELESTE

Ho visto le partite della Lazio, la squadra è cresciuta a livello di qualità dell’organico.Tutto andrà dimostrato sul campo. Bisogna salutare e ringraziare chi è andato via, come Felipe Anderson, che alla Lazio ha dato tanto ma soprattutto bisogna essere contenti dei nuovi arrivi. Diversi giocatori hanno fatto un grandissimo campionato l’anno scorso, quest’anno però è quello della conferma. Milinkovic ha fatto un’ottima stagione ed ha preso parte al Mondiale e potrebbe pagare qualcosa. Mentalmente dovrà essere forte per confermarsi e migliorare quanto fatto lo scorso anno. Sergej dovrà essere forte mentalmente per cercare di migliorare e crescere, se uno ha una mentalità vincente è in questi momenti che la devi tirare fuori. La pressione ovviamente aumenta ed è tutta legata all’aspetto mentale, perché le persone si aspettano di più da te”.

INZAGHI

Non credo sia un timore l’obiettivo Champions, per un tecnico così può essere solamente uno stimolo in più. Per questo chiede maggiore personalità ai giocatori e nello stesso tempo chiede pazienza. Si devono riconfermare quelli della scorsa annata e devono venire fuori i nuovi arrivati”.

OBIETTIVI

Io dopo le prime dieci giornate credevo che la Lazio potesse lottare per il terzo/quarto posto lo scorso anno. Il Napoli per questa stagione ha preso un grande allenatore, il Milan e l’Inter si sono rinforzate ma devono dimostrare tutto sul campo. La Lazio però se la può giocare”.

CORREA-BADELJ

Sono contento, soprattutto di Badelj, che per me è un giocatore intelligente. Per Correa ci vorrà del tempo, viene da un calcio differente l’argentino. Non è come Luis Alberto che ha avuto un passato dall’Inghilterra, dove il gioco è dinamico. Per Badelj sono felicissimo, si tratta di un elemento intelligente ed interessante. La coppia Badelj-Leiva mi piacerebbe vederla dal vivo, lì davanti uno può scatenarsi. Pure la coppia Ledesma-Matuzalem però non era male (ride, ndr)”.

IMMOBILE

Non credo che la perdita della titolarità in Nazionale possa incidere su Immobile, non credo possa soffrire questa cosa. Si tratta di un calciatore maturo”.

LUIZ FELIPE

La scelta di dove giocherà e per quale Nazionale giocherà spetterà a lui, si tratta di una questione di cuore”.

LEGGI ANCHE LE ULTIME SUL RINNOVO DI LUIS ALBERTO

SEGUICI ANCHE SU LA CRONACA DI ROMA