Felipe Anderson tra passato e futuro: “Alla Lazio sono cresciuto, ma adesso…”

In una lunga intervista a Correio Braziliense l’ex biancoceleste Felipe Anderson ha parlato dei suoi trascorsi alla Lazio e la sua vita attuale al West Ham. Tra aneddoti e sogno Selecao queste le parole di Felipe Anderson tra passato e futuro.

Felipe Anderson tra passato e futuro: “Questa è la mia miglior stagione in carriera, insieme a quella con la Lazio nel 2015. Quell’anno però nella prima parte di campionato avevo avuto alcuni problemi fisici che mi impedirono di dare il massimo. Per fortuna sparirono nella seconda parte di stagione e andò tutto bene. Il fattore fisico è molto importante. Differenze con l’Inghilterra? In Inghilterra si gioca un calcio più rapido, c’è un gioco più dinamico che esalta le mie caratteristiche. In Italia c’è invece più tattica e si lavora molto anche sulla difesa. Grazie alla Lazio e alla Serie A sono cresciuto molto“.

L’INFORTUNIO DELLO SCORSO ANNO

“Quello avuto lo scorso anno è stato un problema muscolare serio, che mi ha tenuto fuori per molti mesi. Grazie al magnifico lavoro del dottor Paulo Lobo e ai medici della Lazio però sono potuto rientrare a fine 2017 e aiutare la squadra nella seconda parte della stagione. Paulo lo avevamo conosciuto io e mia sorella, Juliana Gomes, a Brasilia”.

LA PREMIER LEAGUE

Il mio passaggio al West Ham è successo all’improvviso. E’ vero, il mio nome era già stato associato ad alcune squadre ma non pensavo che sarebbero poi arrivate le offerte giuste. Sono molto felice, gioco in un campionato meraviglioso che ho sempre sognato. Gli stadi sono meravigliosi e sempre pieni, c’è un ambiente fantastico. Sono felicissimo di essere qui”.

QUELL’INTERESSE DEL MAN UTD NEL 2015…

“Sarei potuto andare ai Red Devils nell’estate 2015? Non ho mai parlato con nessuno, ho sempre pensato solo al campo. Se non sono andato allo United è stato perché il club non ha trovato l’accordo con la Lazio“.

SOGNO SELECAO E LE DIFFERENZE TRA ROMA E LONDRA

“Sto facendo il mio lavoro in modo tranquillo e positivo. E’ il sogno di tutti giocare nella Seleção, se continuerò così sono sicuro che la chiamata arriverà di conseguenza. Mi piacciono entrambe. Vivere a Roma è stato meraviglioso, ho ancora tanti amici lì. Con Londra invece è stato amore a prima vista, è un luogo incantevole. In passato ero venuto qualche giorno in vacanza e quando dovevo andare via mi promettevo che un giorno ci avrei vissuto.

INTANTO IMMOBILE RICORDA ASTORI NEL GIORNO DEL SUO COMPLEANNO>>>LEGGI QUI