LAZIO SASSUOLO Conferenza di Inzaghi: “Un punto con Spal e Sassuolo è poco, le prossime partite…”

LAZIO SASSUOLO Conferenza di Inzaghi al termine della sfida dell’Olimpico. Un 2-2 agguantato in extremis per i biancocelesti, che sprecano l’ennesima occasione di prendersi il quarto posto.

LAZIO SASSUOLO Conferenza di Inzaghi

Perchè Milinkovic in panchina?

“Ho cambiato 3-4 giocatori, ma non si è vista l’assenza. Ho visto una grande squadra che avrebbe meritato più di quanto ha raccolto. Parlano i numeri. Adesso non dobbiamo mollare, la squadra ci ha creduto nonostante si stesse profilando una beffa. Dobbiamo guardare i gol presi, ma da allenatore sono soddisfatto per come siamo stati in campo”.

Lulic ha risolto la gara ma sembra stanco…

“E’ un combattente, non molla mai. Quando deciderò di farlo riposare, c’è Durmisi che mi sta soddisfacendo. Avevo pensato anche a lui, ma poi ho optato per altri cambi. Cambi che, ripeto, non ho notato. Tutte le situazioni del primo tempo avrebbero dovuto farci fare il primo gol”.

Manovra poco fluida? Alla fine era rigore?

“Non ho visto se c’era un rigore. I ragazzi mi hanno detto che hanno chiesto e che la Var aveva controllato, ma non c’era rigore. La squadra mi è piaciuta, sono molto rammaricato. Una squadra temibile come il Sassuolo ha fatto poco e niente. Analizziamo i gol subiti, ma sono soddisfatto”.

Credi nella Champions?

“Vincendo nel recupero saremmo quarti in classifica. Abbiamo fiducia, dobbiamo crederci. Dobbiamo analizzare i gol presi perchè ci sono state leggerezze. La prestazione però c’è stata. Dopo il gol di Berardi siamo riusciti a pareggiare e per poco non l’abbiamo anche ribaltata nel recupero”.

Alla Lazio sembra sempre mancare quel passo in più…

“Fare un punto tra Ferrara e Sassuolo è poco. Dobbiamo fare di più, ma sono rammaricato per il risultato, non per la prestazione. La squadra ha fatto ciò che gli avevo chiesto. E’ stata una partita stregata”.

Mancano punti con le piccole adesso

“Un punto in queste due partite è poco. Analizziamo quello che è successo. A Ferrara si poteva muovere qualche critica, oggi è diverso, sono soddisfatto della prestazione. Le prossime partite ci diranno dove saremo. Le prossime tre saranno decisive per il nostro cammino”.

LEGGI ANCHE LE PAROLE DI ACERBI>>>CLICCA QUI