LA NOSTRA STORIA Enzo Enrico Serafini

LA NOSTRA STORIA Enzo Enrico Serafini nasce a Laranjal Paulista, in Brasile, il primo agosto 1904.

Serafini si trasferisce a San Paolo nel 1914. Inizia a giocare nei campi vicino Rua Barra Funda, località dove vive. Nel 1923 viene notato da osservatori della Palestra Italia che lo portano a giocare nelle giovanili. Esordisce in prima squadra come mezzo-sinistro. Vince il Campionato Paulista nel 1926 e nel 1927.

Debutta in nazionale nell’incontro contro la Scozia vinto per 5-0. Con la Selecao gioca cinque partite senza subire sconfitte. Nell’estate del 1931 acquistato dalla Lazio su richiesta del tecnico Amílcar arriva in Italia sulla nave Duilio con altri otto giocatori brasiliani. Gioca a Roma dal 1931 al 1935.

Viene preso in simpatia da Bruno e Vittorio Mussolini, i figli del duce, che attendono la fine delle partite per palleggiare con lui. Mussolini saputo dell’attenzione riservata ai suoi ragazzi lo convoca nel suo ufficio di Palazzo Venezia. Dopo aver appreso delle sue origini italiane e averlo rimproverato per la scarsa conoscenza della nostra lingua, lo invita a partecipare a uno dei successivi pranzi di famiglia che si svolgono i mercoledì.

A seguito di un grave infortunio fa ritorno in Brasile. Una volta recuperato gioca per otto mesi nella Palestra Italia e poi per il Portuguesa- Quindi diventa funzionario alla Ford. Nel 1945 inizia a lavorare per una azienda produttrice di materassi nel ruolo di supervisore della sezione dei telai metallici. Malato di diabete muore il 9 marzo 1980.

LASCIA UN ‘LIKE’ ALLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK

DIVENTA UN NOSTRO FOLLOWER ANCHE SU TWITTER