Seguici sui Social

News

Adekanye, l’ag: “L’infortunio non è grave. Lo Scudetto si può ancora vincere”

Pubblicato

il

PUBBLICITA

Adekanye, l’agente aggiorna sulle condizioni del suo assistito. Poi si sofferma sulla prossima ‘fase 2’ della stagione della Lazio.

Adekanye, l’agente: “Il problema che ha avuto non è grave, credo che la prossima settimana sarà di nuovo a disposizione. – le parole a ‘llsn’ – Questa per lui è un’occasione per mostrare ciò che sa fare, visto che finora ancora non ci è riuscito. E’ forte e ha tanta voglia e fame. Spero che il minutaggio che gli verrà concesso gli basti per aiutare la Lazio e diventare un idolo dei tifosi“.

Lo stop causato dal Covid 19 è stato un vero e proprio fulmine a ciel sereno: “Non ci voleva, neanche per la Lazio. Secondo me, senza interruzione, avrebbe vinto sicuramente lo Scudetto. Da quanto so però, la squadra è molto motivata e ha ripreso ad allenarsi con grande entusiasmo. Tutti, compreso Bobby, vogliono provare a vincere il campionato“. Un sogno ancora possibile secondo Minguella: “La Lazio può ancora vincere, ma non si può sbagliare quasi nulla. Per questo ogni giocatore dovrà farsi trovare pronto. Anche Adekanye, che con la sua rapidità e tecnica può essere molto utile per rompere gli equilibri quando la stanchezza per le gare ravvicinate si farà sentire”.

Sul rapporto con la città e la squadra: “Nel gruppo tutti gli vogliono bene, si è inserito davvero rapidamente. Anche con i tifosi il rapporto è molto buono. A Roma si trova benissimo, anche se, come ogni professionista, vorrebbe giocare di più. La Lazio è una grandissima squadra, ma Bobby è un ottimo elemento e può diventare molto importante per essa. Il futuro? Parlarne adesso non ha senso, vedremo a fine stagione. Ripeto, la Lazio è un grande club e Adekanye un giocatore di talento che deve crescere bene e con calma“.


Pubblicità

News

Zaniolo, quando vincere il derby è l’unico modo per festeggiare

Pubblicato

il

Zaniolo

Zaniolo, al termine del 2-0 firmato Mkhitaryan-Pedro, si è lasciato andare ad uno dei suoi sfottò social contro i biancocelesti.

Ma Zaniolo forse non si è reso conto che, al di là del risultato finale, anche per la Roma c’era ben poco da essere felici. Lo 0-2 rimediato a casa Inter aveva infatti decretato che, il prossimo anno, i giallorossi (guidati dal neo eletto ottavo re di Roma Mourinho) saranno costretti a ripartire dall’anonimato della Conference League. In più c’è il primato cittadino, rimasto saldo nelle mani dei biancocelesti. I quali, c’è da sottolinearlo, hanno indubbiamente favorito il risultato avverso. Possono recriminare giusto per qualche occasione nel primo tempo, concessa dagli uomini di Fonseca troppo timorosi e sprecata malamente. Ma in generale – soprattutto dopo lo svantaggio – hanno dato l’impressione di essersi accontentati dell’Europa League centrata tre giorni prima col Parma. Un obiettivo minimo, alla luce delle aspettative (ben più alte) di inizio stagione. Alle quali, se avessero tenuto fede fino in fondo, probabilmente ora staremmo parlando di un risultato diverso. A Zaniolo & co cosa resta dunque? A parte il già citato approdo nell’Europa ‘minore delle minori’, c’è la ‘rivalsa’ per la brutta sconfitta dell’andata. Ben poco come consolazione, ma al talentino di quegli altri tanto basta. La sua felicità si è manifestata in tutto il suo fulgore sia, sugli spalti, da dove l’infortunio al ginocchio lo ha costretto a seguire la partita, che fuori. In una ‘storia’ pubblicata sul suo profilo Instagram, compare infatti una foto di una sua apparizione nella stracittadina e accanto la didascalia ‘Ciao belli’ e due pere (i due gol segnati). D’altronde, se la vittoria è di poco conto, il modo di festeggiarla non può non essere simile.

è morta “Mamma Enza” la mamma di tutti i Laziali

Continua a leggere

Articoli più letti