Seguici sui Social

Articolo copertina

LAZIO Lazzari: “Con l’Atalanta risultato pesante, ma con l’Inter possiamo rifarci”

PUBBLICITA

Pubblicato

il

Manuel Lazzari
PUBBLICITA

L’esterno della Lazio Lazzari, dopo la delusione contro l’Atalanta, si proietta a passo di carica verso la sfida di domani contro l’Inter.

LAZIO Lazzari ai microfoni di Dazn. Partendo dal confronto con il collega di reparto nerazzurro Hakimi: “Siamo veloci entrambi. In Serie A ci sono tanti esterni rapidi, è complicato dire chi lo è di più. Lui fa 36 km/h e io 35,5, ma solo perchè io avevo il vento contro (ride ndr). A parte scherzi, lui è veramente un grande giocatore e domenica ce ne renderemo conto dal vivo“.

Ritorno poi sul ko con l’Atalanta: “Abbiamo fatto una grande partita, ma loro sono stati più cinici. Cinque tiri, quattro gol. Un risultato davvero pesante, ma domenica in casa con l’Inter possiamo rifarci. Affronteremo una squadra tosta, che quest’anno si è rinforzata ancora di più. Ma noi siamo la Lazio, sappiamo di avere una grande rosa e possiamo dire la nostra. Anche perchè in una gara secca non c’è mai una favorita. Dobbiamo ripetere la partita dell’anno scorso, dove il controllo della palla era nelle nostre mani. Proprio del possesso noi facciamo la nostra forza e metteremo la stessa intensità. Loro invece sono forti fisicamente, soprattutto con Lukaku“.

Su Immobile: “Da quando gli ho fatto l’assist per il centesimo gol, mi massacra sempre nello spogliatoio. E fa bene, perchè faccio poco per quello che potrei. Infatti quella volta non stava festeggiando il centesimo gol, ma il mio assist (ride ndr). Davies? Mi ha impressionato. E’ molto giovane, ma gioca da anni in Champions League. Farà una carriera pazzesca“.

  Capello sugli arbitraggi della Champions: "Inizio ad avere dei dubbi dopo il rigore e l'espulsione di questi giorni"

Lazzari riavvolge poi il nastro della propria carriera: “Quando ero nel settore giovanile del Vicenza, mi arrivò una lettera in cui mi dicevano che non mi avrebbero confermato. Sono dunque dovuto ripartire da zero: ho fatto tutta la trafila della Serie D. Ho fatto tutte le categorie e vedere dove sono arrivato adesso è incredibile. A guardare indietro mi viene la pelle d’oca. Ho fatto anche uno stage di due-tre mesi per lavorare in fabbrica: se non avessi fatto il calciatore, sarei finito lì, in una fabbrica di macchine utensili. Man mano che andavo avanti con gli step, riuscivo ad adattarmi velocemente. L’arrivo alla Lazio non è stato semplice: la pressione della piazza è differente, quindi devi essere anche forte mentalmente“.

Capitolo Nazionale: “Mentre ero in ritiro con la Spal a Torino, mi arrivarono due-tre messaggi sul telefono. C’era scritto ‘complimenti’, ma io non capivo. Quando poi ho visto le convocazioni del ct Mancini, avevo gli occhi lucidi. Ho chiamato la mia ragazza, poi i miei genitori e mia sorella. Parolacce? Forse qualcuna mi sarà scappata“.


Articolo copertina

LAZIO TORINO I tamponi granata negativi non scacciano il rischio rinvio

Pubblicato

il

LAZIO TORINO I tamponi granata negativi non scacciano il rischio rinvio: le ultime.

Lazio Torino, i tamponi granata negativi non scacciano il rischio rinvio. I test sono stati svolti ieri pomeriggio e gli ultimi risultati sono arrivati questa mattina. Un tocco di sereno sul cielo dei piemontesi, dopo quasi una settimana di nubi positive. Per il ritorno alla normalità occorrerà però atttendere il giro di domani. Il bilancio attuale parla di 10 positivi, 8 nella squadra e 2 nello staff. Un numero che sale a quota 16, contando anche i familiari dei contagiati. A preoccupare la Asl è soprattutto il fatto che l’intero gruppo sia positivo alla variante inglese del Covid. Per il momento gli allenamenti in casa granata sono consentiti solo in forma individuale: in caso di tutte negatività anche nei tamponi di domani, si tornerà a lavorare anche in gruppo. La trasferta di martedì contro la Lazio resta dunque a rischio: a tal proposito, l’ultima parola spetterà all’Asl locale, al momento ancora piuttosto perplessa. Da chiarire soprattutto come sarà effettuato il viaggio: il rischio è che possa contribuire a diffondere l’infezione anche tra persone esterne al gruppo squadra.

Continua a leggere