Seguici sui Social

Articolo copertina

MILAN LAZIO LE PAGELLE – Difesa colabrodo: i calci piazzati ci condannano

Pubblicato

il

Lazio Luiz Felipe Patric
PUBBLICITA

Milan Lazio le pagelle: suicidio dei biancocelesti che dominano nel gioco i rossoneri ma gli errori difensivi individuali la condannano.

LAZIO (3-5-2):

Reina 6,5 – Non può nulla sui 3 gol del Milan: i compagni di reparto lo condannano con errori individuali non commentabili. Salva il 2-2 nel finale sul tiro di Rebic ma non può nulla sul colpo di testa di Hernandez.

Patric 6 – Si disimpegna bene ma la difesa balla: lui e gli altri compagni soffrono tantissimo tutte le squadre che attaccano la Lazio. All’88’ Hoedt s.v.

Luiz Felipe 6 – Partita senza infamia e senza lode: l’intera fase difensiva della Lazio non va quest’anno. I compagni di reparto non lo aiutano.

Radu 5 – Insicuro e con il fiato corto avrebbe bisogno di rifiatare ma in difesa siamo troppo corti per dargli un turno di riposo.

Lazzari 5 – Non azzecca un cross nemmeno per sbaglio, Theo Hernandez dalla sua parte è una spina nel fianco. Questo giocatore è lontano parente di quello dello scorso anno.

Milinkovic 6,5 – Fatica tantissimo nei ribaltamenti di fronte, il fiato è corto a causa della stazza e delle tante partite ravvicinate. Si inventa però un cioccolatino per Immobile che insacca alla sinistra di Donnarumma. Una giocata da far strabuzzare gli occhi. Al 73′ Akpa Akpro 5,5 – Entra bene, combattivo e dinamico poi la solita ammonizione gli toglie la spinta decisiva.

Escalante 6 – A suo agio al posto di Leiva si destreggia bene sulla mediana recuperando tantissimi palloni soprattutto quando la Lazio prende in mano la partita. Si becca il giallo per chiudere una ripartenza e Inzaghi lo toglie per non rischiare altre grane. Al 45′ Cataldi 5 – Ci si aspettava un impatto sulla partita diverso: invece non ne azzecca una e regala contropiedi pericolosi agli avversari.

Luis Alberto 7 – Partita perfetta dello spagnolo che si carica la squadra sulle spalle. Quando finisce la benzina cala tutta la Lazio. Purtroppo si fa anticipare nel finale sul gol di testa di Hernandez.

Marusic 5,5 – La sua partita è macchiata dal gol iniziale che regala a Rebic: si fa anticipare marcando a un metro l’attaccante del Milan.

Correa 5 – Una palla sanguinosa persa a centrocampo al 16′ spalanca il contropiede del Milan che guadagna il rigore per il 2-0 parziale. Il ragazzo risente del fastidio al polpaccio e si vede e per questo è costretto ad abbandonare il campo nel primo tempo. Al 30′ Muriqi 4,5 – Questo giocatore ancora non l’abbiamo capito: ha sui piedi la palla per segnare a inizio secondo tempo che sbuccia malamente. Poi una serie di errori tecnici banali che non si possono accettare da un giocatore pagato 18 milioni di euro.

Immobile 7 – Sbaglia il rigore poi si inventa un gol magistrale che regala il 2-2 alla Lazio. Anche in una serata dove non brilla particolarmente timbra sempre il cartellino. Al 73′ Pereira s.v.

All.: Inzaghi 5 – La scelta di Muriqi non ha convinto: perché Caicedo viene lasciato in panchina? Una volta uscito Immobile la squadra ha perso di pericolosità. I cambi del mister ci lasciano un po’ interdetti. La difesa va registrata: nel 2021 ci aspettiamo molto di più.


Pubblicità

Articolo copertina

Lazio – Tra campo e realtà: un condottiero e il suo esercito

Pubblicato

il

Lazio Immobile Inzaghi

Lazio – La vittoria in extremis sul Parma ha confermato il carattere dei biancocelesti, portando però alla luce diverse lacune

Nella serata di ieri, all’Olimpico, la Lazio si è imposta per 1-0 sul Parma grazie alla 150esima rete in biancoceleste di Ciro Immobile. La gara contro i gialloblu, però, ha portato alla luce le diverse lacune che, da qualche anno a questa parte, caratterizzano le stagioni della squadra.

Insomma, un esercito che sa quello che deve fare, guidato da un condottiero con idee valide e concrete, che si destreggia sul campo con coraggio e sprezzo del pericolo. Un esercito, però, che nel momento decisivo, quello che può valere la vittoria della guerra, si scioglie.

Il quarto posto dista al momento 6 punti, virtualmente 3 in caso di successo nel recupero contro il Torino, successo che però, al netto del massimo dei punti da totalizzare da qui alla fine, potrebbe non bastare.

La concorrenza è spietata e la Serie A sta gradualmente tornando (seppure la cima sia ancora lontana) ai livelli di qualità che negli anni l’hanno resa il campionato più affascinante e competitivo al mondo. La Lazio negli anni ha dimostrato di sapersi tirare fuori dai guai nei momenti difficili, come testimoniato dalla straordinaria rimonta realizzata quest’anno in ottica Champions. 

LA PAURA DEL SALTO

Quando però la situazione inizia a entrare nel circuito del “sotto controllo”, qualcosa inizia a mancare. La paura di vincere, di compiere il salto decisivo, di realizzare il fatto che si stia compiendo un’impresa talvolta possono condizionare la lucidità da trasferire sul campo.

A questi fattori, probabilmente, può essere riconducibile il k.o. contro la Fiorentina, al netto di una grande prestazione dei viola, motivati nell’ottica della salvezza. Le sconfitte fanno parte del gioco ma è doveroso che la mentalità la faccia da padrona, rivelandosi più forte di ogni pensiero negativo e di qualsiasi aspetto sia avulso dall’obiettivo.

La partita di ieri ha mostrato voglia di fare e di mettersi in gioco, ma anche fragilità, rassegnazione e paura di non essere all’altezza. Concetti, questi, che non possono far parte di una società gloriosa, di una squadra che negli ultimi anni si è eretta a vera anti Juve nell’ambito dei trofei vinti.

La realtà vede la squadra di Simone Inzaghi come una compagine capace di giocarsela con tutti a viso aperto e, in questo senso, il campo asseconda spesso tale concetto. Campo e realtà, però, non sempre vanno di pari passo: se da un lato c’è una squadra che sa quello che deve fare, dall’altro si evince una condizione che sa di incompiuto, di irrealizzato.

Il classico “ci siamo andati vicini ma…” è un concetto estremamente arcaico con alcuni punti trasferibili nell’attualità, nel caso della Lazio mai così attuale. 

SIMONE INZAGHI

Il tecnico piacentino è il condottiero dell’esercito biancoceleste, un condottiero che veste pienamente i panni del leader, uno di quelli che sarebbe disposto a sacrificarsi in ogni momento per il bene dei suoi uomini.

I passi falsi della Lazio, probabilmente, possono ricondursi in parte a scelte sbagliate dell’allenatore, ma il coraggio, la dedizione e la meticolosità sono valori che non possono passare inosservati.

La sensazione, senza addentrarsi in dinamiche di mercato, è che alla squadra manchi sempre quel qualcosa in più per entrare definitivamente nel circuito delle grandi: circuito del quale, a livello di blasone e di storia, la Lazio fa decisamente parte.

Urge unità di intenti, urge consapevolezza dei propri mezzi e urge un progetto chiaro. I biancocelesti rappresentano un tassello importante del calcio italiano, un tassello senza il quale il puzzle resta incompiuto. Sta proprio al club, però, concretizzare il peso di questo tassello per renderlo pienamente all’altezza e a misura di quello che, al giorno d’oggi, viene definito top level.

 

Continua a leggere

Articoli più letti