Seguici sui Social

Articolo copertina

INTER LAZIO LE PAGELLE – La Lazio gioca, gli altri segnano con la nostra difesa accomodante…

PUBBLICITA

Pubblicato

il

Hoedt visite mediche Roma
PUBBLICITA

Inter Lazio le pagelle: stasera c’è poco da salvare in casa biancoceleste. In difesa tutti insufficienti e anche Inzaghi ci ha messo del suo.

LAZIO (3-5-2):

Reina 6 – Incolpevole sui tre gol presi: i compagni di reparto più che aiutarlo l’hanno condannato.

Patric 5,5 – Tutta la difesa oggi ha ballato, lui compreso: sempre in difficoltà nelle ripartenze dell’Inter ma uno dei meno peggio.

Hoedt 5 – Questo ragazzo entra nelle partite più importanti e, sfortuna o casualità, rientra negli episodi chiave della gara. Oggi il rigore lo condanna: l’intervento da dietro su Lautaro Martinez è troppo scomposto. Al 45′ Parolo 5,5 – Fa quel che può in una posizione non sua. Lukaku lo sovrasta atleticamente sul terzo gol ma non è colpa sua…

Acerbi 5,5 – Anche lui finisce nel tritatutto oggi. Si butta in avanti oggi lasciando voragini dietro e gli spazi larghi lo sfavoriscono nei confronti degli attaccanti nerazzurri.

Lazzari 5,5 – Pochi spunti sulla fascia per lui e un rimpallo sanguinoso che regala il secondo gol a Lukaku. Oggi non era proprio giornata…

Milinkovic 6 – L’ultimo a mollare: dalla sua punizione rinascono le speranze per la Lazio ma oggi è girato tutto storto.

Lucas Leiva 6 – Dà il fritto e fa quello che gli riesce meglio: comandare il possesso palla della squadra. Esce a inizio ripresa con Inzaghi che prova a far cambiare passo al centrocampo. Al 45′ Escalante 6 – Ha il merito di entrare e trovare la deviazione vincente che riapre la partita ma solo per pochi minuti. La Lazio stasera ha tradito anche lui.

  LAZIO TORINO I tamponi granata negativi non scacciano il rischio rinvio

Luis Alberto 5,5 – Non ripete la stessa prestazione di San Siro contro il Milan: lo spagnolo è apparso sottotono e privo dei suoi consueti lampi. Al 77′ Pereira s.v.

Marusic 6 – Meglio del suo alter ego Lazzari, si propone ma manca la precisione nei cross. Poi se i nostri attaccanti hanno le polveri bagnate non si può fare di più…

Correa 5,5 – Pochi squilli e poche luci a San Siro per lui: nessuna giocata da ricordare per lui. Al 69′ Caicedo s.v.

Immobile 5 – Ciruzzo non era in serata: si sbatte per tutto il campo ma le maglie strette dell’Inter lo stritolano. Perde anche una palla sanguinosa che regala il contropiede a Lukaku per il terzo gol dell’Inter. Al 69′ Muriqi s.v.

All. Simone Inzaghi 5 – Caro mister scelte che stasera fatichiamo a comprendere. Ancora Hoedt dal 1′ minuto con Acerbi spostato in una posizione a lui non congeniale. E poi ci siamo consegnati al contropiede dell’Inter: la squadra di Conte ha giocato al gatto col topo lasciandoci un possesso palla sterile. C’è molto da rivedere: stasera davvero molto ingenui e poco cattivi. Una riprova? Persi tutti i duelli e le seconde palle…


Articolo copertina

LAZIO TORINO I tamponi granata negativi non scacciano il rischio rinvio

Pubblicato

il

LAZIO TORINO I tamponi granata negativi non scacciano il rischio rinvio: le ultime.

Lazio Torino, i tamponi granata negativi non scacciano il rischio rinvio. I test sono stati svolti ieri pomeriggio e gli ultimi risultati sono arrivati questa mattina. Un tocco di sereno sul cielo dei piemontesi, dopo quasi una settimana di nubi positive. Per il ritorno alla normalità occorrerà però atttendere il giro di domani. Il bilancio attuale parla di 10 positivi, 8 nella squadra e 2 nello staff. Un numero che sale a quota 16, contando anche i familiari dei contagiati. A preoccupare la Asl è soprattutto il fatto che l’intero gruppo sia positivo alla variante inglese del Covid. Per il momento gli allenamenti in casa granata sono consentiti solo in forma individuale: in caso di tutte negatività anche nei tamponi di domani, si tornerà a lavorare anche in gruppo. La trasferta di martedì contro la Lazio resta dunque a rischio: a tal proposito, l’ultima parola spetterà all’Asl locale, al momento ancora piuttosto perplessa. Da chiarire soprattutto come sarà effettuato il viaggio: il rischio è che possa contribuire a diffondere l’infezione anche tra persone esterne al gruppo squadra.

Continua a leggere