Seguici sui Social

Primo Piano

PUBBLICITA

MILAN LAZIO PAGELLE – Nessuna idea di gioco e nessuna reazione: 0 tiri in porta!

Milan Lazio pagelle: partita subito da archiviare per la squadra di mister Sarri che sbanda a San Siro.

Avatar

Pubblicato

il

Immobile 2 1

Milan Lazio pagelle: partita totalmente insufficiente dei ragazzi di Sarri. Non si salva nulla stasera: nessuna manovra di gioco e condizione fisica pessima.

LAZIO (4-3-3)

Reina 6 – Incolpevole sui due gol subiti, non poteva fare nulla con gli attaccanti del Milan che hanno bucato la porta da due passi.

Marusic 5 – Soffre maledettamente su quella fascia sia Theo Hernandez che Leao che fanno quello che vogliono. Non riesce mai a prendere le misure. Al 64′ Lazzari 5,5 – Non in condizione, cerca di entrare come può ma la sostanza della partita su quella fascia non cambia.

Luiz Felipe 5 – Ma perché invece di attaccare il portatore di palla che si avvicina alla porta rincula? Tutto quello che un difensore non dovrebbe fare…

Acerbi 5 – Il meno peggio dei suoi ma tutta la difesa oggi è andata in barca non protetta a sufficienza dal nostro centrocampo. Sbaglia sul secondo gol: non segue il taglio di Ibrahimovic sul secondo gol.

Hysaj 5,5 – Nessun azione degna di nota in attacco e poca copertura dietro: si becca anche un cartellino giallo ingenuo per aver fermato Tonali con un’azione non pericolosa a centrocampo.

Milinkovic-Savic 4,5 – Stritolato nella morsa costruita da Pioli a centrocampo non riesce a trovare spazi. Nullo. Al 74′ Basic 6 – Cerca di mettersi in mostra con un tiro dalla distanza negli ultimi minuti quando però la partita è ampiamente compromessa e non per colpa sua.

Leiva 5,5 – Ha corso come un matto, nessuno l’ha aiutato e si trovava continuamente in mezzo  a Tonali e Kessiè. Nonostante questo ci ha messo sempre la gamba.

Luis Alberto 4,5 – Indolente al limite dell’irritante non ne combina una giusta. Surclassato dalla condizione fisica dei centrocampisti del Milan che lo marcano a uomo.

Pedro 6- L’unica nota positiva tra i biancocelesti: la sua personalità è indiscussa, l’ultimo a mollare ma stasera era come vedere una cattedrale nel deserto. Al 87′ Raul Moro s.v.

Immobile 5 – I rifornimenti dei compagni oggi sono stati nulli ma anche lui non ha brillato. Non ha mai dato la sensazione di tenere palla e far salire la sua squadra che oggi ha sofferto molto. Al 84′ Muriqi s.v.

Felipe Anderson 5 – Totalmente avulso dalla manovra offensiva, non offre la sua migliore prestazione. Non è mai riuscito a puntare l’uomo. Al 64′ Zaccagni 5,5 – Entrato nella partita peggiore per la Lazio anche lui non si salva e non offre gli strappi giusti.

All. Sarri 5 – Oggi non si è visto nulla della sua idea di gioco: c’è ancora molto da fare soprattutto contro una squadra solida e ormai collaudata. La fase difensiva ha fatto acqua da tutte le parti e la Lazio ha subito, ancora una volta, due gol in contropiede per di più in trasferta.

GASSMAN SNOBBA LA LAZIO: SARRI E LA SQUADRA NON SONO ALL’ALTEZZA 


Primo Piano

Chi è Romano Floriani Mussolini, il giovane dal cognome difficile convocato per Verona Lazio

Romano Floriani Mussolini, chi è il giovane convocato per Verona Lazio

Avatar

Pubblicato

il

6276436 1905 romano floriani mussolini lazio convocazione sarri
<

Romano Floriani Mussolini, chi è il giovane convocato per Verona Lazio

Romano Floriani Mussolini, il giovane talento della Lazio dal cognome difficile. Nasce a Roma il 27 Gennaio 2003 e passa dalle giovanili della Roma a quelle della Lazio, nel mezzo una esperienza in prestito alla Vigor Perconti. Floriani è un giocatore molto duttile e nella primavera del club ha ricoperto 3 ruoli : terzino destro, difensore centrale e centrocampista destro. Alto 1 metro e 88 cm è legato alla Lazio fino al 2024. Porta dietro le spalle un cognome difficile, ma che non lo lega alla storia passata. Figlio dell’ex parlamentare europea Alessandra Mussolini e Mauro Floriani è pronto al debutto con i grandi.

floriani mussolini

MALAGO’ CONTRO BERNABE’

Continua a leggere

Primo Piano

Bernabè si difende dalle accuse, la lettera del falconiere

Bernabè si difende dalle accuse, l’ex falconiere della Lazio scrive una lettera

Avatar

Pubblicato

il

methode times prod web bin 9e28144a 31d4 11ec 820f e2be9b2cb5fd
<

Bernabè si difende dalle accuse, l’ex falconiere della Lazio scrive una lettera

Bernabè si difende dalle accuse. L’ormai ex falconiere della Lazio dopo esser stato licenziato per un saluto romano dopo Lazio Inter ha scritto una lettera poi pubblicata dal portale Adnkronos : “Sono dispiaciuto per quello che è successo, in Spagna il gesto fascista si fa con il braccio teso in una linea retta. In Italia a quanto pare è anche così, dandosi una pacca sul petto. Io sono una persona assolutamente di destra, del partito Vox in Spagna come pure tanti amici calciatori, ma non di idea fascista, non è proprio nella mia mentalità. Sono un uomo che ha girato il mondo, che fa business in tutto il mondo e che ha rapporti con persone di tutte le razze. È stato un gesto dettato dall’impulso festeggiando il finale di una partita. Un saluto militare, mai fascista. Tuttavia va bene, queste cose fanno parte della vita, ci sono momenti brutti e belli. E questo per me è un momento brutto“.

lazio bernabè

CALENDARIO LAZIO : LA RABBIA DI SARRI

Continua a leggere

Primo Piano

Tamponi Lazio, la rabbia della Figc

Tamponi Lazio, la rabbia della Figc : “Pena incongrua”, faremo ricorso

Avatar

Pubblicato

il

Gabriele Gravina 1
<

Tamponi Lazio, la rabbia della Figc : “Pena incongrua”, faremo ricorso

Tamponi Lazio, la condanna punisce Lotito, ma secondo la Figc la pena è incongrua : “C’è sconcerto per l’irrogazione di sanzioni incongrue e prive di afflittività a fronte di violazioni gravi dei protocolli anti-Covid consumate in uno dei periodi più difficili di pandemia nel nostro Paese“. Ma non è tutto, la Figc starebbe pensando ad un possibile ricorso al collegio di garanzia.

Gravina

IL GESTACCIO DI KOLAROV : MULTATO

Continua a leggere

Articoli più letti