Seguici sui Social

Arabic AR Chinese (Simplified) ZH-CN English EN Italian IT Russian RU Spanish ES

Focus

LAZIOSOCIAL – Dalla gioia di Morrison alla spinta di Mauri per il derby

Pubblicato

in



La vittoria di ieri a Trondheim contro il Rosenborg (seconda vittoria stagionale in trasferta dopo la gara con l’Hellas in campionato) non permette ancora di dire che la Lazio è uscita dal momento delicato che stava vivendo, ma sicuramente è una vittoria importante che da un impronta decisiva al girone (alla Lazio basta un solo punto nelle prossime 2 partite per qualificarsi ai sedicesimi di EL) e permette di acquisire nuove e preziose energie mentali che possono rilevarsi molto utili per affrontare al meglio il derby di domenica con la Roma. E’ normale quindi che nel DAY AFTER si respiri una bella dose di gioia (oltre che di concentrazione), e così puntuali come sempre, dagli account Instagram, Twitter e Facebook i calciatori biancocelesti hanno condiviso molti commenti inerenti la bella vittoria di ieri e al tempo stesso hanno cercato di darsi la carica in vista dell’importantissima sfida con i cugini giallorossi. Il primo a esternare la sua gioia è Ravel , ieri, nella vittoria 2-0 sul campo del Rosenborg, il trequartista inglese  ha giocato 76 minuti, partendo finalmente dal 1° minuto: “Stasera grande vittoria, meritata dopo una grande prestazione da parte della squadra. Grazie a tutti i tifosi che ci hanno seguito qui e che ci sono stati dietro tutta la notte“. A ruota hanno fatto seguito tutti gli altri giocatori biancocelesti Onazi, Hoedt, Kishna e infine Stefano e Federico :

“Bella vittoria per preparare il derby di domenica, daje ragazzi!“. Questo il messaggio lanciato da Stefano Mauri che ieri sera ha dato il cambio proprio a Ravel Morrison contro il Rosenborg. L’ex capitano della Lazio si è complimentato con i propri compagni, caricandoli l’importantissima la sfida contro i giallorossi.

Messaggio del tutto simile quello mandato da Marchetti“Ben fatto ragazzi…e ora…#derby!”, così il portierone biancoceleste ha suonato la carica in vista della stracittadina.

Anche Djordjevic dopo aver espresso la sua giogia per la doppietta al debutto europeo cerca di dare la carica per la delicata sfida di domenica, sa che….”il 2 è d’obbligo

Anche Kishna e Hoedt aspettano con forte emozione la sfida di domenica mentre esultano per la vittoria di ieri: “Good victory yesterday, we focus on sunday now” scrive Ricardo su Instagram. Buona vittoria! Adesso ci prepariamo per domenica” tuona in un perfetto italiano il gigante olandese.

Una grande vittoria che ci carica per il derby..e domenica il “2” è d’obbligo! ⚽️⚽️ #rosenborglazio #uel #sslazio Una foto pubblicata da Filip Djordjevic (@djordjevic9) in data:

Good victory yesterday, we focus on sunday now ⚪️

Una foto pubblicata da Ricardo Kishna (@ricardo88kishna) in data:

Buona vittoria! Adesso ci prepariamo per domenica! ⚪️

Posted by Wesley Hoedt on Giovedì 5 novembre 2015

Focus

LA NOSTRA STORIA Gabriel ‘Gaby’ Mudingayi

Pubblicato

in

Gaby Mudingayi ex centrocampista di Lazio e Inter


Il 1º ottobre 1981 nasce a Kinshasa Gabriel ‘Gaby’ Mudingayi. Centrocampista belga, di origine congolese, attualmente svincolato. Predilige giocare a protezione della linea difensiva.

Mudingayi inizia la sua carriera con l’Union Saint-Gilloise. Nel 2000 si trasferisce al Gent. Arriva al Torino in Serie B nel gennaio 2004. Raggiunge la promozione in A con i granata ma, in seguito al fallimento dei piemontesi, approda alla Lazio durante il mercato estivo del 2005. In biancoceleste è inizialmente chiuso da Dabo, Liverani e Firmani, anche se via via guadagna più continuità, fino al grave infortunio. Ripresosi, si rivela essere ancora un giocatore determinante nella squadra di Delio Rossi. A luglio del 2008 lascia la Lazio e passa al Bologna per 6 milioni di euro, firmando un quadriennale da 500.000 euro l’anno. Nel luglio del 2012 passa all’Inter con la formula del prestito oneroso di 750.000 euro con diritto di riscatto fissato a 750.000 euro, firmando un contratto biennale fino al 30 giugno 2014 da 1,1 milioni a stagione.

Nella stagione 2013-2014 l’Inter esercita il diritto di riscatto dal Bologna. A fine stagione però resta svincolato. A ottobre viene ingaggiato con un contratto annuale dall’Elche. L’accordo però salta perché la LFP blocca il mercato degli spagnoli. A febbraio 2015 l’Elche comunica la risoluzione del contratto a causa dei gravi problemi economici che affliggono il club. Sempre a febbraio torna in Italia per giocare quattro mesi al Cesena. Dopo essere rimasto svincolato più di un anno, ed essersi allenato per oltre un mese con il Pisa, a ottobre 2016 firma con la squadra toscana. A gennaio 2017, dopo sole due partite, rescinde il contratto con i toscani. Capitolo Nazionale: disputa quattro partite valide per le qualificazioni agli Europei U-21 2004. Esordisce in Nazionale maggiore nel 2003.

SEGUICI ANCHE SU GOOGLE EDICOLA, TWITTER E FACEBOOK

LACRONACADIROMA.IT – SEGUI ANCHE LA NOSTRA PAGINA FACEBOOK

Continua a leggere

Articoli più letti

Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità
Copyright ©2015-2020 | TESTATA GIORNALISTICA NAZIONALE Reg. N°152/2015 - ROMA
Il sito e i suoi contenuti sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons eccetto dove specificato diversamente.