CALCIOMERCATO LAZIO Sugli esterni Inzaghi ha in mente due nomi

CALCIOMERCATO LAZIO Sugli esterni Inzaghi ha in mente due nomi: ecco di chi si tratta.

CALCIOMERCATO Sugli esterni Inzaghi ha in mente due nomi. Nei prossimi giorni il tecnico e la sua Lazio si uniranno in un nuovo matrimonio. La fumata bianca è arrivata ieri, dopo che per tutta la settimana si erano rincorse incessantemente le voci su un presunto addio. Niente da fare: il mister e la sua squadra del cuore sono ora pronti per progettare un nuovo futuro (e un nuovo ciclo vincente) insieme. E si partirà inevitabilmente da quel mercato su cui Simoncino ha battuto di più i pugni in cerca di garanzie. Attenzione primaria andrà alle fasce, da rinforzare dopo i travagli dell’ultima stagione. Tenendo ovviamente come punto fermo il caro vecchio 3-5-2. A essere rimpolpato sarà soprattutto il pacchetto sulla sinistra, complici le mancate garanzie offerte da Durmisi e Lukaku. Servirà un ricambio adeguato per Lulic, che ormai viaggia su un età che non gli permette più di fare gli straordinari.

Tra i nomi ‘suggeriti’ da Inzaghi c’è quello di Mohamed Fares: quest’ultimo si è rilanciato dopo una buona stagione (3 gol in 35 partite) nelle file della Spal. Gli emiliani devono riscattarlo dal Verona (per 3 milioni), dopodichè potrebbero ascoltare eventuali proposte. I ferraresi però sono destinati a perdere, sulla destra, anche Lazzari (anche qui con i biancocelesti che guardano interessati le mosse di Atalanta e Torino). Servirà dunque un’offerta consistente per spingerli a privarsi anche di un altro esterno titolare, pilastro dell’undici di Semplici. Di lui Inzaghi apprezza soprattutto la prestanza fisica sulla fascia. Non si esclude dunque che il franco-algerino possa diventare un nome caldo

In alternativa, il gradimento del tecnico va anche su Ansaldi del Torino. Impiegabile sia sulla destra che a sinistra, quest’ultimo è però notevolmente predisposto agli infortuni: non è un caso se, dal suo arrivo in Italia, non sia mai riuscito a timbrare più di 25 cartellini di presenza in stagione. Ciò, unito all’età non più giovanissima (compirà 33 anni a settembre) lo rende difficile come obiettivo. Ma, come si sa, le vie del mercato sono infinite: mai dire mai quindi.

SEGUICI ANCHE SU TWITTER