Seguici sui Social

Articolo copertina

CLUJ LAZIO LE PAGELLE – Inzaghi ora basta fare lo scienziato!

Pubblicato

il

Il tecnico della Lazio Simone Inzaghi
PUBBLICITA



Cluj Lazio le pagelle: ecco i voti della nostra redazione alla debacle dei biancocelesti. L’Europa League comincia malissimo.

Strakosha 4,5 – Spiazzato sul rigore degli avversari, combina un pastrocchio sul secondo gol dei rumeni: si trova nella terra di nessuno a centro area e lascia la porta sguarnita. I suoi compagni di difesa fanno il resto.

Vavro 5,5 – La sua prestazione è sulla stessa lunghezza d’onda del suo compagno di reparto Acerbi: insicuro e spaesato nelle chiusure difensive.

Acerbi 5,5 – Serata non delle migliori per il grande Ace: anche lui finisce nel vortice negativo che sta colpendo la Lazio. Come è possibile quel buco centrale sul secondo gol del Cluj con una difesa a 3?

Bastos 6 – Un gol, un errore macroscopico in fase difensiva graziato dall’attaccante del Cluj e un salvataggio con il piedone: tutto questo è Quissanga Bastos, croce e delizia della difesa laziale. Al 81′ Adekanye s.v.

Lazzari 5,5 – Prova a saltare l’uomo ma viene raddoppiato prima e triplicato poi: gli avversari lo temono e lo hanno studiato. L’azione della Lazio dalla sua parte non trova sfogo. Non riesce a segnare un gol da posizione favorevole: peccato

Milinkovic 5,5 – Anche lui crolla sotto i colpi del Cluj che opera la rimonta: da lui ci si aspetta che prenda in mano la squadra. Nemmeno la fascia di capitano è bastata stasera…

Leiva 5,5 – Il brasiliano non ha lo smalto dei tempi migliori: causa il rigore e arranca a centrocampo. Se la difesa soffre è anche perché manca protezione a centrocampo.

Berisha 6 – Una sufficienza di incoraggiamento per un ragazzo che in maglia biancoceleste deve dimostrare ancora il suo reale potenziale. Non ha ancora i 90′ nelle gambe e Inzaghi lo richiama in panchina nella ripresa. Al 67′ Cataldi 5,5 – Prende il giallo dopo 120 secondi dall’entrata in campo per un intervento rude a gamba tesa. Tenta il tiro nel recupero quando la Lazio tenta a tutti i costi il pareggio ma trova le gambe del portiere avversario.

Jony 6,5 – Tanti cross per lui, in questo inizio di campionato non se ne erano mai visti tanti. Suo l’angolo da cui scaturisce il gol di Bastos. Lulic 79′ s.v.

Correa 5 – L’argentino stasera è sceso in campo? Non si è mai visto, sulla falsariga della partita con la Spal. E’ rimasto con la testa alla Nazionale.

Caicedo 5 – Solo sponde irritanti per il panterone stasera: mai incisivo sottoporta. C’è da dire che anche i compagni che lo supportavano non hanno aiutato.

Inzaghi 3 – Sbaglia ancora le scelte di formazione: lascia a casa tutti i titolari senza una ragione. Che senso ha fare turnover il 19 settembre quando le squadre devono ancora entrare in forma? La sua squadra è fragile e senza idee: urge un cambio di rotta. Tornare a fare le cose semplici senza inutili manie di protagonismo.

SEGUICI SU TWITTER

LAZIOCHANNEL CONSIGLIA AUTOCARROZZERIA TORRENOVA


Continua a leggere
Pubblicità

Articolo copertina

PAGELLE ATALANTA LAZIO 3-2 Hoedt da horror, Muriqi gran gol

Pubblicato

il

Hoedt visite mediche Roma

Quarto di finale di Coppa Italia. Pagelle Atalanta Lazio 3-2, biancocelesti eliminati

Pagelle Atalanta Lazio

REINA 7.5 – Para il rigore al 65′ a Zapata, è l’ultimo ad abdicare e anche sul primo gol aveva precedentemente fatto il miracolo sul primo tiro. Alza la saracinesca più volte, ma viene tradito dai suoi difensori. Pepe, un gran portiere.

PATRIC 4.5 – Una prestazione irritante durata fortunatamente solo 45 minuti. In un minuto riesce a sbagliare un passaggio e per recuperare commette un fallo killer che gli costa l’ammonizione. Black out e momenti di follia incomprensibili. Dal 45′ PAROLO 6 – Con lui in campo sarebbe stato molto meglio.

HOEDT 3 – PrestazIone da horror con errori eclatanti non degni di un professionista di un top club. Oggi non è praticamente mai sceso in campo. Sbaglia sul 2-2 atalantino facendosi saltare come un birillo da Muriel. Si fa anticipare al limite dell’area dando il via al 3-2 avversario. Procura il rigore con un fallo evitabilissimo su Zapata che, fortunatamente, spara in bocca a Reina dagli 11 metri. Serata da incubo per l’olandese. Dal 70′ IMMOBILE 6 – Gioca più da rifinitore mettendo spioventi in mezzo per Muriqi.

ACERBI 7 – Un gol al 34′ da attaccante vero. Anticipo e discesa in attacco, dribbling ad eludere il difensore e gol di destro. Fantastico. Suo anche l’assist per il gol di Muriqi. In difesa è l’unico a non “ballare”. All’88 sfiora il 3-3 con un colpo di testa ma Gollini gli dice di no.

MARUSIC 6 – Partita ordinata per il montenegrino che giocando alto non concede spazi alle ali atalantine.

AKPA AKPRO 6.5 – Il migliore a centrocampo in casa Lazio. Gioca a tutto campo facendo pressing, legna e inserendosi negli spazi offensivi. Peccato non abbia avuto sostegno dai suoi compagni di reparto.

ESCALANTE 6 – Partita difficile per il mediano che deve far fronte alla fisicità e alla velocità degli avversari. Con la difesa in netta difficoltà, avrebbe dovuto essere più di aiuto al pacchetto arretrato. Dal 62′ CORREA 5 – Non riesce ad entrare in partita, troppo mollo e poco concentrato. Lontanissimo dalla miglior condizione.

MILINKOVIC 5 – Questa sera non ha preso per mano la squadra come fatto in campionato contro il Sassuolo. E’ mancato nei fraseggi e, soprattutto, negli inserimenti. Opaco.

FARES 5 – Neanche in questa occasione è riuscito ad ingranare e a dimostrare il suo valore. Ammonito, lascia il campo all’intervallo. Dal 45′ LAZZARI 6 – Ha il merito di far espellere Palomino al 53′. Peccato che la superiorità numerica non ha giovato alla squadra.

PEREIRA 5.5 – Ci si apsettava molto di più dal brasiliano. Dopo la vivace prova contro il Parma, questa sera il fantasista non è ha trovato i tempi giusti e le verticalizzazioni per i compagni. Occasione sprecata. Dall’80’ LULIC s.v.

MURIQI 6.5 – Un gran bel gol per il kosovaro. Uno stacco imperioso al 17esimo degno del miglior Bobo Vieri. Bella prestazione, anche se è stato servito poco dai compagni. Molto mobile sul fronte d’attacco dimostrando di non essere solo una riete d’area di rigore. Bravo.

ALL. INZAGHI 5.5 – Giusto turnover per questo match. Tradito da Hoedt che ne ha combinate di tutti i colori e dal solito black out nonostante la superiorità numerica. Giusti i cambi ma questa volta non sono serviti. Occasione gettata al vento, ma bisogna lavorare molto sulla mentalità e dare una registrata alla difesa.

Marco Corsini

Continua a leggere
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Novcom Agenzia

Articoli più letti