Seguici sui Social

News

Il presidente dell’Inter Zhang attacca Dal Pino: “Sei un pagliaccio”

Pubblicato

in

Il presidente dell'Inter Zhang


Il presidente dell’Inter Zhang contrario e infuriato per la decisione di giocare Juventus Inter lunedì 9 marzo

Il presidente dell’Inter Zhang ha lasciato una story sul proprio profilo per esprimere il suo pensiero su quanto sta succedendo e sul presidente della Lega di Serie A Paolo Dal Pino. Juventus Inter, inizialmente si sarebbe dovuta giocare a porte chiuse a causa del Coronavirus Perché nella Regione piemontese si erano verificati i primi sintomi del virus. Perciò per evitare il contagio, nelle Regioni delicate, si era arrivati a un’unica soluzione: le porte chiuse. Però, sabato mattina è arrivata la strana decisione di rinviare queste partite, con molte squadre infuriate per l’accaduto, visto l’ufficialità dei giorni precedenti.

Pubblicità

Ora però, durante il consiglio straordinario di ieri, il presidente della Lega insieme ai presidenti dei club, avevano raggiunto l’accordo di slittare la prossim giornata di Serie A alla settimana successiva, permettendo così alle partite non disputate nella scorsa domenica di venire recuperare senza falsare il campionato. Questo però, non è piaciuto al presidente dell’Inter che optava per giocare con le porte chiuse allo Juventus Stadium. Così è arrivata la sua sfuriata:

“Cambiare le date e mettere sempre la salute pubblica al secondo posto. Probabilmente sei il più grande e peggiore pagliaccio che ho mai visto. 24 ore, 48 ore, sette giorni, e cos’altro? Cosa farai ora? E ora parli di valori sportivi e competizione leale? E se non proteggiamo i nostri atleti e allenatori e gli chiediamo di giocare 24 ore al giorno per una settimana senza mai fermarci? Sì, sto parlando di te. Il nostro presidente di lega Paolo Dal Pino. Vergognati. È ora che ti alzi in piedi e ti prendi le tue responsabilità. Questo è quello che facciamo nel 2020. Tutti nel mondo, non importa se interisti o juventini, fate attenzione! Questa è la cosa più importante per voi, per le vostre famiglie e per la nostra società!”.

Continua a leggere
Pubblicità