Seguici sui Social

Articolo copertina

Lazio Inzaghi: “Giocatori? Fisicamente li ho visti in difficoltà”

Pubblicato

in



Lazio Inzaghi torna a parlare dei suoi calciatori e del periodo vissuto, nella speranza che la Serie A a breve, ufficilizzi il ritorno in campo

Pubblicità

Lazio Inzaghi parla a Che Tempo che Fa della situazione attuale: “Non vediamo l’ora di ripartire, ci aspettiamo questa cosa, anche per tutte le persone che lavorano in questo ambito. Le condizioni ci sono tutte, anche tra noi allenatori, ci siamo chiamati e vogliamo tornare in campo, ovviamente con la dovuta sicurezza. Questo lo stiamo già facendo dall’inizio degli allenamenti. Tralasciando la classifica, noi stavamo facendo qualcosa di straordinario. Poi siamo a conoscenza che nel calcio si può passare in un attimo dalle stelle alle stalle. La Germania è ripartita, sarebbe molto importante che accadesse anche qui. Tutti lavoriamo in sicurezza, siamo monitorati, manteniamo le distanze. Abbiamo tantissima voglia, siamo già molto avanti”. 

POSITIVITà

“Per fortuna non è ancora accaduto che un giocatore risultasse positivo, comunque attendiamo il protocollo. Se mai dovesse succedere, il positivo si isolerebbe, nel frattempo, continuerebbe gli allenamenti, nella speranza poi, che la settimana dopo, possa giocare. Mio fratello ovviamente spera di poter ripartire, in Serie B la situazione è diversa, ancora non hanno permesso neanche gli allenamenti individuali. Però i numeri  dei contagiati stanno diminuendo, un’ottima cosa. Ho sentito molti allenatori e anche loro come me, non vedono l’ora di poter ricominciare”.

CALCIATORI

“Al rientro erano molto motivati e contenti, però lì ho anche visto un pochino in difficoltà, perché noi e alcune squadre, ci siamo fermate prima degli altri, erano 62 giorni che non si allenavano e la difficoltà che hanno trovato, era prevedibile. Al massimo stavano fermi 3 settimane e mezzo durante le vacanze, ora di più, non erano preparati. Questo però, è un problema per tutti”.

Extracalcio – Reina loda il corteo della destra e il rapper lo insulta

“Il calcio è la più importante delle cose non importanti”

Continua a leggere
Pubblicità