Seguici sui Social

Focus

LA NOSTRA STORIA – Nello Governato, il “Professore”

Pubblicato

in

Lazio


Il 14 settembre 1938 nasce a Torino Nello Governato. Prodotto del vivaio della società granata, dove giocò sia come centrocampista che come attaccante. Nel 1957/58 passa al Como dove rimane per ben quattro stagioni e dove si fa apprezzare per le ottime qualità di regista.

L’ARRIVO ALLA LAZIO

La Lazio lo acquistò nel suo primo campionato di Serie B nel 1961/62 ma il giocatore risentì del clima di incertezza societario. Inoltre il ruolo che ricopriva, quello di centravanti, non era adatto alle sue caratteristiche. Con l’arrivo di Juan Carlos Lorenzo trovò la sua posizione ideale in campo: regista abile nel distribuire palloni precisi ai suoi compagni, diventando uno degli artefici della promozione nella massima serie. Le sue attitudini gli originarono il soprannome di “Professore” che i tifosi laziali gli diedero. Nelle due stagioni successive Governato divenne uno dei pezzi pregiati della Lazio. Durante il periodo trascorso in maglia biancoceleste ha vinto un Campionato di Serie B e una Coppa delle Alpi.

IL PASSAGGIO ALL’INTER E IL RITORNO ALLA LAZIO

La società romana per motivi economici cedette il calciatore all’Internazionale di Moratti nel campionato 1966/67, dove però non riuscì ad affermarsi e nel novembre 1966 venne ceduto al L.R. Vicenza. Avvilito e demoralizzato accettò felicissimo di ritornare a Roma per contribuire alla risalita in Serie A di una Lazio di nuovo retrocessa e dove giocò per altri quattro campionati, due in Serie B e due in A. Nella stagione 1971-72 venne ceduto al Savona in serie C, dove rimase fino al 1973 quando terminò la carriera da calciatore.

GIORNALISTA E DIRIGENTE

Uomo di vasta cultura, acuto conoscitore del mondo del calcio,   Governato è rimasto nel mondo del calcio anche una volta smesso di giocare. Per diversi anni scrisse di calcio per Tuttosport. Nel 1983 divenne Direttore Sportivo della Lazio dove restò per due anni prima di passare al Bologna. Ebbe anche altre esperienze come dirigente con la Juventus, la Fiorentina e con l’arrivo di Sergio Cragnotti, quando rientrò di nuovo alla Lazio in veste di Amministratore Delegato e Direttore Generale.

I SUOI LIBRI

Nel 2003, con l’uscita di Cragnotti dalla Lazio, cessò anche il rapporto tra la società biancoceleste e Governato. In seguito si indirizzò nella scrittura e pubblicazione di libri e romanzi ambientati nel mondo del calcio. Ha scritto diversi libri: nel 1976 Un caso da gol – romanzo verità” insieme a Gianpaolo Ormezzano, Gioco sporco” nel 2004, La partita dell’addio” nel 2007, Il sindaco pescatore” nel 2011 insieme a Dario Vassallo. Ultimamente è stato relatore in diversi dibattiti organizzati dal Partito Radicale nell’ambito delle discussioni sulle libertà civili.

SEGUICI ANCHE SU GOOGLE EDICOLA, TWITTER E FACEBOOK

Focus

LA NOSTRA STORIA Tanti Auguri a Roberto Muzzi

Pubblicato

in



Nasce a Roma il 21 settembre del 1971 Roberto Muzzi. Inizia a giocare nel Morena, poi passa alla Procalcio Italia e infine alla Roma. Nel 1993 viene ceduto in prestito in Serie B al Pisa. L’anno successivo passa al Cagliari, dove gioca fino al 1999 quando si trasferisce all’Udinese.

Nella stagione 2003-2004 Roberto Muzzi arriva alla Lazio. In biancoceleste resta per tre stagioni prima di trasferirsi al Torino in Serie B. Al termine della stagione 2006-2007, a 35 anni, scaduto il contratto sportivo contatta i vertici societari per il rinnovo ma riceve la proposta di entrare a far parte dello staff degli allenatori del settore giovanile granata. Dopo una pausa di riflessione decide di scendere di categoria, fino alla Serie C1, firmando un biennale con il Padova. Nell’agosto del 2009 il Villafranca Veronese, squadra neopromossa in Serie D, aveva avviato una trattativa ma il 5 agosto Muzzi dopo averci pensato ha rifiutato l’offerta deciso ad intraprendere la carriera da allenatore iscrivendosi al corso di Coverciano per conseguire il patentino di 2ª categoria.

Nel 2009 diviene allenatore della squadra Esordienti della Roma. Il 1 luglio 2011 passa alla guida dei giovanissimi provinciali. L’anno successivo passa ai giovanissimi regionali. Il 3 febbraio 2013 diventa vice allenatore della Roma dopo l’esonero di Zdeněk Zeman e la nomina di Aurelio Andreazzoli come nuovo tecnico dei giallorossi. Il 10 giugno lascia i giallorossi insieme ad Andreazzoli, ma il 4 luglio 2014 ritorna nel ruolo di tecnico dei giovanissimi Nazionali. A novembre 2015 viene scelto da Andrea Stramaccioni, suo collega nelle giovanili giallorosse, come suo vice al Panathīnaïkos. In seguito diventa Collaboratore tecnico di mister Andreazzoli all’Empoli nella stagione 2018-2019 e successivamente anche nella sua avventura al Genoa nella stagione 2019-2020.

SEGUICI ANCHE SU GOOGLE EDICOLA, TWITTER E FACEBOOK

Continua a leggere

Articoli più letti

Come disattivare il blocco della pubblicita per Cronache della Campania?