Seguici sui Social

News

La Lazio ha infranto il protocollo? No, tutto regolare: tutte le spiegazioni

PUBBLICITA

Pubblicato

il

Lazio
PUBBLICITA

La Lazio ha infranto il protocollo? No, ha effettuato tutti i test nella norma senza infrangere nessuna regola, non rischia nessuna penalizzazione

La Lazio ha infranto il protocollo? Su diversi giornali sembrerebbe proprio di sì, invece la differenza di tamponi dalla Uefa alla Lega rende di fatto indisponibili alcuni giocatori a causa delle diverse valutazioni dei valori. Questa mattina, su molti giornali, si legge di una penalizzazione della Lazio, espulsione dalla Serie A, punti in meno o tanti altri provvedimenti per aver “infranto le regole”, ma, così non è stato. Tutto è nato dopo che, la Lazio ha diramato la lista dei convocati, all’appello mancavano: Immobile, Strakosha e Leiva, 3 calciatori che nella scorsa settimana contro il Brugge sono rimasti a casa e in isolamento per via del tampone effettuato dalla Uefa e risultato positivo.

INDAGINE FIGC

Però poi, due giorni dopo, a seguito del tampone effettuato per il campionato della Serie A, sono risultati tutti e tre negativi e in questo modo, sono potuti scendere in campo contro il Torino. Tutto normale se non fosse che, nella giornata di ieri la Lazio ha diramato un nuovo comunicato per rendere nota la positività di alcuni calciatori, questo, ha fatto insospettire la Figc che ha deciso di aprire un’inchiesta per capire se la Lazio abbia infranto il protocollo facendo giocare i tre calciatori contro il Torino infrangendo il protocollo.

  LA NOSTRA STORIA Gigi Casiraghi, tanto forte quanto sfortunato

COSì NON è STATO

Tutto questo, viene da pensare, che sia un accanimento contro la Lazio. Già in settimana, diversi ispettori, sono andati a Formello per valutare se si siano rispettate o meno le regole, parlando anche, con il presidente Lotito. Per la Uefa, dai tamponi di ieri, questi tre calciatori sono risultati debolmente positivi, utilizzano un laboratorio che effettua solo tamponi molecolari e quindi la soglia di positività è molto più bassa. Qui si riscontra la presenza del coronavirus SARS-CoV-2, se il valore CT risulta basso e più la carica virale è bassa.

TAMPONE ITALIA

In Italia però, la questione è diversa. Vengono effettuati test rapidi e antigenici, dopo appena 40 minuti, si ha l’esito dell’esame e hanno misurazioni diverse rispetto a quelle della Uefa. Inoltre, questo tipo di test, viene effettuato da tutta la Serie A 48 ore prima della gara. Nel caso in cui risultasse un debolmente positivo, si andrebbe a effettuare il tampone molecolare. La Lazio in questo non ha sbagliato nulla, ha effettuato il test molecolare per i calciatori citati e al laboratorio, sono risultati negativi, l’Asl tra l’altro, ha analizzato questi esami. Sono state rispettate tutte le norme e i protocolli, la Lazio al netto, non può rischiare nulla a meno che, non si creda a qualche imbroglio o macchinazione che abbia portato la società a schierare dei giocatori “positivi e malati” rischiando così non solo la penalizzazione ma anche la saluti di centinaia di persone.

LAZIO Milinkovic: “Abbiamo studiato lo Zenit e cercheremo di vincere”

 

 


Focus

LA NOSTRA STORIA Il difensore biancoceleste Nicolò Armini

Pubblicato

il

LA NOSTRA STORIA Nicolò Armini nasce a Marino (RM) il 7 marzo 2001. Nel 2015/16 gioca con gli Under 15. Nel finale di stagione è aggregato alla formazione Under 17 per alcune partite di campionato e il Torneo di Arco. Nella stagione 2016/17 gioca stabilmente negli Allievi.

Più volte convocato nella Nazionale Under 16 Nicolò Armini realizza la sua prima rete in maglia azzurra nella gara Italia-Polonia 3-1 nell’ottobre del 2016. Ad agosto 2017 è convocato dalla Nazionale Under 17, di cui è ora capitano. In occasione della gara Zulte Waregem-Lazio del 7 dicembre 2017, sesta giornata della fase a gironi dell’Europa League, è convocato da Simone Inzaghi in prima squadra. Nella stagione 2018/19 è in organico nella Primavera. Il 29 novembre 2018 fa il suo esordio in prima squadra subentrando all’85’ di Apollon Limassol-Lazio 2-0 valido per la quinta giornata della fase a gironi di Europa League. Esordisce in serie A in Lazio-Bologna 3-3 del 20 maggio 2019. Ha un fratello di nome Yuri, nato nel 2005, che gioca con l’Under 14 della Lazio.

SEGUICI SU TWITTER

Continua a leggere