Bruno Giordano tuona contro la società e critica Strakosha

Bruno Giordano ex bomber della Lazio

L’ex bomber biancoceleste Bruno Giordano è tornato sul problema della coperta corta che ieri ha condizionato la Lazio nella finale contro la Juventus.

Queste le parole di Giordano a  Radiosei: “Il problema non è l’uscita di Parolo ma che non abbiamo alternative perché i giocatori che abbiamo in panchina non sono all’altezza dei titolari. Se a noi si fa male Parolo non sappiamo chi far giocare. Alla Juve si fa male Khedira e hanno Sturaro, Rincon e Lemina. Se Inzaghi avesse avuto un sostituto all’altezza Parolo non avrebbe giocato. Siamo stati costretti a rispolverare Luis Alberto dopo 10 mesi in cui non l’abbiamo mai visto. Per questo spingo sempre sul discorso del mercato”.

Giordano ha criticato anche l’approccio alla gara: “La Lazio ha fatto la stessa partita dell’andata di campionato, abbiamo alzato i ritmi nei primi 20′, poi siamo calati ed è emersa la qualità della Juve. Voglio sottolineare la straordinaria coreografia della Curva Nord, forse per questo i giocatori si sono galvanizzati e si sono sbilanciati all’inizio. Dovevamo essere più equilibrati. Il gol di Dani Alves è colpa sia di Wallace che di Lulic. Nel secondo gol abbiamo sbagliato completamente le marcature su calcio d’angolo. Inoltre, tenere fuori Felipe Anderson – che è il più forte che abbiamo in rosa – per il modulo è inconcepibile”. Non si salva da critiche neanche Strakosha: “Non mi convince nelle respinte, è troppo plateale. Sinceramente non mi piace. Io avevo un portiere così ad Ascoli con cui litigavo sempre. Non è il portiere dei miei sogni. Sta facendo grandi cose ma voglio portieri meno spettacolari e più pratici, tipo Peruzzi”. 

Sugli aspetti positivi: “Si è rivisto il grande pubblico, la coreografia della curva Nord è stata stupenda. Demeriti della Lazio? Più che altro è emersa la forza della Juve, che non ci dimentichiamo è tra le due delle squadre più forti d’Europa. Biglia come in ogni big match è scomparso. Mi sono piaciuti Bastos e Milinkovic come tigna. Sopperiscono alla mancanza di personalità della squadra”.

SEGUICI SULLA NOSTRA NUOVA PAGINA FB

LEGGI LE PAROLE DI SCONCERTI SU INZAGHI>>>CLICCA QUI

Inline
Inline