Lazio, il valzer delle punte: tra Balotelli e Borini spunta Matri

L’infortunio di Miro Klose contro il Bayer Leverkusen ha aperto una porta che era rimasta socchiusa in casa Lazio per tutta la sessione estiva di calciomercato. Quella dell’arrivo di una punta che funga da alternativa a Klose e Djordjevic. Keita ha fatto esplodere l’Olimpico nell’andata dei play off di Champions League, e Pioli l’ha definitivamente promosso a punta centrale. Nonostante questo, il tecnico emiliano ha espressamente richiesto in conferenza stampa un’alternativa a Klose.

REDS PASSION – E’ ancora calda la pista che porta a Mario Balotelli, in cerca di una squadra per rilanciare la sua carriera. I rapporti tra il presidente Lotito e Mino Raiola sono al momento molto buoni, come conferma l’affare Kishna. Tuttavia, sono molti gli ostacoli da superare: in primis l’ingaggio, impossibile da sostenere per le casse biancocelesti se il Liverpool non volesse collaborare. Non solo Balotelli, i Reds decideranno anche il destino di un altro obiettivo biancoceleste, quel Fabio Borini per il quale il club capitolino sarebbe disposto a mettere sul piatto 4 milioni di sterline. Gli inglesi ne chiedono, però, almeno 8. Anche in questo caso la distanza economica è notevole, ma Borini gode del gradimento di mister Pioli, che lo ritiene particolarmente adatto al suo progetto tecnico.

IDEA MATRI – Si arriva così all’ultima ipotesi, avanzata subito dopo il k.o. di Klose in Champions League: Alessandro Matri. Il giustiziere dei biancocelesti nella finalissima di Coppa Italia, è al momento ai margini nella rosa del Milan, chiuso dalla coppia Bacca – Luiz Adriano sulla quale la società rossonera ha investito tantissimo. La Lazio lo vorrebbe in prestito, ma c’è da convincere il tecnico rossonero Sinisa Mihajlovic, che non vuole privarsi di una valida alternativa in attacco.

Quello della punta centrale rischia di diventare dunque un vero e proprio rebus in casa Lazio in questi ultimi giorni di mercato. Di sicuro contro il Bologna all’esordio in campionato e nella decisiva sfida di ritorno contro il Bayer Leverkusen, ci sarà Keita a guidare il fronte offensivo biancoceleste. Ma molto probabilmente un attaccante arriverà alla corte di Pioli. Chissà che il d.s. Tare non cali un asso nella manica, come spesso ha abituato i tifosi biancocelesti. Un colpo a sorpresa che esuli dal tris Balotelli-Borini-Matri di cui si è tanto parlato e si continua a parlare in questi giorni.

Fabio Belli