Seguici sui Social

News

Di Canio: “Quando indosso la maglia della Lazio del ’74 mi sento imbattibile”

Pubblicato

in



Storie di derby, quel del 6 gennaio 2005 è divenuto leggenda ricordato come quello del ritorno di Paolo Di Canio. Ne hanno parlato due protagonisti di quella sera, l’ex bandiera biancoceleste e Fabio Liverani “Ricordo quando, durante l’allenamento, non riuscivo a trovare i due gemelli Filippini – ricorda durante la trasmissione House of Football su Fox Sport condotta proprio da Di Canio – dopo un po’, notai che Paolo li aveva sequestrati cercando di insegnare loro lo spirito del . Continuava a ripetere loro di menare bene ma menare piano, senza farsi cacciare dall’arbitro. Erano talmente presi della sue parole che non si erano accorti della contraddizione”.

L’ansia di quel giorno era tanta: “Eravamo al tavolo per la colazione, era la mattina del derby – ricorda Paolo – io ero seduto a capotavola, sbattendo le mani sul tavolo, rompendo tutti i grissini per l’emozione. Solo dopo pochi minuti mi resi conto del rumore che stavo facendo: alzai lo sguardo notando la faccia di Liverani dall’altra parte del tavolo, che mi fece capire che dovevo smettere”.  

Storie di derby e di uno giocato a distanza di anni: “L’altro giorno ho partecipato ad una partita di ‘FootGolf’, si trattava di un derby Roma-Lazio ed io ho giocato con la maglia storica dello scudetto del ’74. Con quella maglia non si può mai perdere perché è stata indossata da combattenti veri, quelli del ’74. Era un ‘uno contro uno’ ed ho battuto il campione regionale della Roma. Mi dispiace per lui ma, come ho detto, con quella maglia non si può mai perdere”.

Continua a leggere
Pubblicità

News

Riapertura stadi – Il viceministro Sileri: “Casi in aumento. I tifosi…”

Pubblicato

in



Nella giornata di oggi, il viceministro della Salute Pierpaolo Sileri è tornato a parlare della riapertura degli stadi 

Riapertura stadi – Sileri è intervenuto in merito, nel corso di un evento a Bologna per la nascita dell’Irccs Sant’Orsola: “Non è tutto bianco o nero, bisogna contestualizzare. I casi sono in aumento ma la situazione è sotto controllo. Fa male vedere gli stadi vuoti, e adottando le misure di sicurezza ritengo auspicabile un ritorno dei tifosi. Non vedo perché non si possano riaprire gli stadi, con un numero naturalmente ridotto di spettatori e con regole ben definite”.

Continua a leggere

Articoli più letti

Come disattivare il blocco della pubblicita per Cronache della Campania?