ACCADDE OGGI – Quella punizione di Mihajlovic allo Stamford Bridge

PUBBLICITA

LAZIO NEWS

Correva l’anno 2000, mese marzo, giorno 22. Era la notte di Champions League per la Lazio di Eriksson. Quella Lazio che a maggio si cucì lo scudetto sul petto al termine di una rimonta storica. Ma quella notte a Londra si andò a scrivere una pagina memorabile per i colori biancocelesti. La Lazio salì a Londra, direzione Stamford Bridge, tana del Chelsea. I Blues allenati da Vialli sono primi nel girone, mentre la Lazio è seconda e deve vincere per qualificarsi, visto che il Feyenoord, con una vittoria scavalcherebbe gli uomini di Eriksson. Una Lazio che dovette rinunciare a Nesta, con Mancini in panchina e con un 4-5-1 pronto a puntare al contropiede. Simone Inzaghi punta coadiuvato da Veron e Nedved. Eppure la malasorte era dietro l’angolo. Nonostante una buona Lazio, Poyet castiga Maarchegiani dai 30 metri siglando l’1-0. Ma nella ripresa cambia tutto con l’ingresso di Boksic e il 4-4-2. Prima è Inzaghi a regalare l’1-1 mettendo in rete un tiro cross di Nedved. Poi al minuto 66′ Mihajlovic inventa una parabola clamorosa su punizione per il definitivo 1-2. Punizione perfetta da posizione angolatissima, un gol che rimarrà impresso nella mente dei tifosi della Lazio per l’eternità. E la Lazio divenne la prima squadra italiana a vincere allo Stamford Bridge.

PUBBLICITA


facebook
PUBBLICITA

LIVE NEWS