Seguici sui Social

News

NORCIA – DAY 2: termina la seduta pomeridiana. Onazi decide la sfida sfida in famiglia

Pubblicato

in



Pubblicità

AGGIORNAMENTO ORE 19:00 –  Termina anche l’allenamento pomeridiano. Il diesse Tare, in panchina, ha osservato da vicino l’operato di Inzaghi. Il mister sta facendo lavorare sodo i suoi ragazzi, la doppia seduta è prevista anche per la giornata di domani. Basta e Milinkovic-Savic, intanto, continuano ad allenarsi a parte. Potrebbero tornare in gruppo nei prossimi giorni. Solo palestra per gli infortunati Konko, Radu e Kishna. Dopo la sessione di lavoro odierna, il neo mister biancocelste ha organizzato una sfida in famiglia per applicare in campo i movimenti tattici spiegati durante la seduta di questa mattina. E per mettere un pochino più di “pressione” ha minacciato che “Chi perde mette a posto la porta a fine partita“. Risultato finale? Vincono gli azzurri 2-1, con gol decisivo di Onazi in chiusura.

AGGIORNAMENTO ORE 17:55 – Dopo Morrison, anche il ds Igli Tare ha da poco raggiunto la squadra a Norcia, in tempo per ammirare gli striscioni affissi fuori dall’hotel da parte dei tifosi. Insieme al direttore sportivo, è arrivato nella cittadina umbra anche il responsabile della comunicazione della Lazio: Stefano De Martino. Unico assente della società biancoceleste è il presidente Lotito.

AGGIORNAMENTO ORE 17:30 – E  finalmente arriva anche Morrison. Dopo più di 2 settimane d’assenza (tra permessi e infortuni) l’inglese ha finalmente raggiunto nel primo pomeriggio la cittadina umbra e si è subito unito alla squadra ha volto un lavoro atletico differenziato insieme al preparatore Fonte. L’ex West Ham non è mai riuscito a sbocciare con Pioli, chissà se con mister Inzaghi riuscirà a trovare più spazio e a perdere quella nostalgia che sta condizionando il suo soggiorno italiano…La società crede molto in lui e vorrebbe puntarci anche l’anno prossimo ma…tutto dipende da lui. Se saprà comportarsi da professionista fin dalla seconda parte della seduta odierna, la speranza di smentire gli scettici crescerà vertiginosamente…

Secondo giorno di allenamento nel ritiro di Norcia per i biancocelesti del nuovo tecnico Simone Inzaghi. La squadra si è ritrovata sul campo ancora coperto da teloni di buona mattina per svolgere la prima delle due sessioni in programma per la giornata di oggi. Gruppo diviso in due parti: lavoro in palestra per la fase atletica e successivamente sul campo per la tattica. Nella prima parte esercitazioni dieci contro zero per sviluppare la fase offensiva, con la squadra continuamente sollecitata dal neo mister piacentino e, dopo un breve intermezzo con i tiri dalla media distanza, lavoro per il controllo della linea arretrata. Chiusura infine con la partitella in parità numerica.

CERTEZZA MODULO E LULIC TERZINO – Dalle prima sedute tattiche del ritiro di Norcia una cosa appare certa: la conferma del 4-3-3. Nella sua esperienza nel settore giovanile Simone Inzaghi ha sempre adottato questo modulo e sembra orientato a confermarlo anche nella sua prima esperienza nel calcio dei “grandi”. Entrambi i gruppi sono stati schierati dunque con un 4-3-3: nel primo gruppo hanno trovato posto Patric, Bisevac, Gentiletti e Lulic in difesa; Cataldi, Biglia e Germoni a centrocampo; Djordjevic, Klose e Keita davanti. Secondo gruppo formato da Mattia, Mauricio Hoedt, Braafheid; Onazi, Murgia, Parolo; Felipe Anderson, Matri e Candreva. L’esterno romano è regolarmente in campo nonostante il colpo alla caviglia subito ieri. Molteplici i richiami di Inzaghi, soprattutto nei confronti della difesa che sollecita ad un giro palla rapido.

TORNA GENTILETTI E BALLOTTAGGIO IN AVANTI – Dalle indicazioni ottenute da questi primi scampoli di prove tattiche sembra dover essere rispolverato Santiago Gentiletti al centro della difesa. Il centrale argentino non scende in campo da quasi 4 mesi, ma sembra aver recuperato dal sovraccarico muscolare ed è in vantaggio su Mauricio per la sostituzione dello squalificato Hoedt. In avanti si continua con i soliti ballottaggi che hanno caratterizzato anche l’era Pioli: Keita spera di convincere il mister, ma Candreva e Felipe Anderson sembrano ancora in vantaggio, così come Klose lo è su Djordjevic e Matri per il ruolo di punta centrale. Le prossime sedute daranno indicazioni più chiare a riguardo.

INFERMERIA ANCORA PIENA – Non si vedono gli infortunati: Milinkovic-Savic e Basta non entrano in campo per svolgere l’allenamento con la squadra, al pari di Radu e Konko. Per i primi due si spera in un recupero in vista della trasferta di Palermo, impossibile invece vedere in campo domenica il francese ed il romeno. A riposo anche il portiere albanese Berisha.

Appuntamento alle ore 17, quando la squadra scenderà nuovamente in campo per la seconda seduta giornaliera. Attesi in ritiro anche Tare e De Martino.

 

Continua a leggere
Pubblicità