Seguici sui Social

Primo Piano

PUBBLICITA

TROFEI Zazzaroni, 15 pari? No, 16-15 e ti spiego il perchè

Avatar

Pubblicato

il

Ivan Zazzaroni

A pagina 20 del Corriere dello Sport di oggi, l’editoriale di Zazzaroni pro Coppa delle Fiere. Ecco come smontare l’errato ragionamento del direttore

Sta tenendo banco in questi giorni la questione trofei nella Capitale. Chi ne ha vinti di più tra Lazio e Roma? Il giorno dopo la grande vittoria in Coppa Italia da parte della Prima Squadra della Capitale, l’aggiornamento del palmares in quel di Formello recitava 15 trofei. In quel di Trigoria la bacheca è ferma da tempo immemore a quota 14. Eppure c’è chi nega tutto ciò. Il direttore del Corriere dello Sport, Ivan Zazzaroni, da giorni afferma che il bilancio dei trofei è in perfetta parità: 15 a 15 con l’aggancio della Lazio alla Roma (che era in vantaggio!). Motivo? La famigerata Coppa delle Fiere vinta dai giallorossi nel 1961.

COPPA DELLE FIERE – STORIA E ORGANIZZAZIONE

Il suddetto trofeo nel dopoguerra nacque con motivazioni politiche e con la voglia di far affrontare club di città in cui si svolgevano Fiere, da qui il nome, per cercare di rilanciare l’economia delle città colpite dalla seconda guerra mondiale. Non era un torneo a cui ci si doveva qualificare, bensì un torneo ad inviti. Prima edizione nel 1955, ultima edizione nel 1961. La Uefa non ha mai riconosciuto tale trofeo, perchè non da lei organizzata e perchè prevedeva la partecipazione di squadre amatoriali, miste e semiprofessionistiche.

IL RAGIONAMENTO DI ZAZZARONI PER IL 15 PARI

  1. Nel suo lungo e dettagliato editoriale, spiega che la Coppa delle Fiere va inclusa nel palmares, nonostante il veto dell’UEFA. I motivi sono i seguenti: riporta la spiegazione di Massimo Perrone: “Il fatto che l’Uefa non consideri la Coppa delle Fiere conta davvero poco. Perchè l’UEFA è talmente partigiana nei suoi ‘comportamenti’ da ritenere veri e segnalabili solo i trofei che organizza”.
  2. Partecipavano squadre vere tra quelle piazzate meglio nelle varie classifiche.
  3. La competizione viene menzionata dal miglior sito mondiale di statistiche sul calcio rsssf.com

COME SMONTIAMO IL RAGIONAMENTO DI ZAZZARONI E FACCIO VALERE LA COPPA DELLE ALPI. 16-15 LAZIO

61463310 494159231122128 7919456369931976704 n.jpg? nc cat=110& nc eui2=AeE H8ioUKZbySjU2EQJAAoW7PhF3dRleIvDAbd C 5TAi6udSjp2zK1z3kZBmeJco0vh brOE0KKNFoiyOUNdUEgtPwBGutt7xlj234hF5rQ& nc ht=scontent mxp1 1
La Coppa delle Alpi vinta nel 1971 dalla Lazio

Risposta al Punto 1 – Seguendo il ragionamento di Perrone, secondo il quale valgono ANCHE i trofei non riconosciuti dalla UEFA, possiamo aggiungere al nostro albo d’oro il seguente trofeo: la Coppa delle Alpi del 1971. La Lazio trionfò in questa competizione, a questo punto equiparata alla Coppa delle Fiere (entrambe non riconosciute, tanto “conta davvero poco” cit.). E se vogliamo fare i puntigliosi, la Coppa delle Alpi è RICONOSCIUTA dalla FIGC, di conseguenza ha un valore più alto del trofeo dei cugini.

Risposta al Punto 2 – “Partecipavano le squadre meglio classificate”. La Coppa si disputò nella stagione 1960-1961, di conseguenza presero le migliori classificate dei campionati stagione 1959-1960. Di seguito la classifica del campionato italiano di quella stagione. ROMA IN NONA POSIZIONE! MEGLIO CLASSIFICATA? Qualcosa non torna…

60946178 333318580681642 5880354538019356672 n.png? nc cat=100& nc eui2=AeFPrV5sU1MEtATiKHYnXQXaVedq w8O8LBMRHLjqLBZcueHkVq4KhrjNblvfKf 2nGdo2ZdBW6hEFbSKJQD DrNs0YU5 s17y04blQyy7DPA& nc ht=scontent mxp1 1
Classifica campionato italiano stagione 1959-1960

Risposta al Punto 3 – Anche la Coppa delle Alpi viene menzionata dal sito di statistiche rsssf.com

In conclusione, comunque venga letta questa sfida tra trofei, in un modo o nell’altro, tra riconoscimenti o meno, la LAZIO ne avrà sempre uno in più. 15-14 o 16-15… Scegliete voi.

Marco Corsini


Primo Piano

Bernabè si difende dalle accuse, la lettera del falconiere

Bernabè si difende dalle accuse, l’ex falconiere della Lazio scrive una lettera

Avatar

Pubblicato

il

methode times prod web bin 9e28144a 31d4 11ec 820f e2be9b2cb5fd
<

Bernabè si difende dalle accuse, l’ex falconiere della Lazio scrive una lettera

Bernabè si difende dalle accuse. L’ormai ex falconiere della Lazio dopo esser stato licenziato per un saluto romano dopo Lazio Inter ha scritto una lettera poi pubblicata dal portale Adnkronos : “Sono dispiaciuto per quello che è successo, in Spagna il gesto fascista si fa con il braccio teso in una linea retta. In Italia a quanto pare è anche così, dandosi una pacca sul petto. Io sono una persona assolutamente di destra, del partito Vox in Spagna come pure tanti amici calciatori, ma non di idea fascista, non è proprio nella mia mentalità. Sono un uomo che ha girato il mondo, che fa business in tutto il mondo e che ha rapporti con persone di tutte le razze. È stato un gesto dettato dall’impulso festeggiando il finale di una partita. Un saluto militare, mai fascista. Tuttavia va bene, queste cose fanno parte della vita, ci sono momenti brutti e belli. E questo per me è un momento brutto“.

lazio bernabè

CALENDARIO LAZIO : LA RABBIA DI SARRI

Continua a leggere

Primo Piano

Tamponi Lazio, la rabbia della Figc

Tamponi Lazio, la rabbia della Figc : “Pena incongrua”, faremo ricorso

Avatar

Pubblicato

il

Gabriele Gravina 1
<

Tamponi Lazio, la rabbia della Figc : “Pena incongrua”, faremo ricorso

Tamponi Lazio, la condanna punisce Lotito, ma secondo la Figc la pena è incongrua : “C’è sconcerto per l’irrogazione di sanzioni incongrue e prive di afflittività a fronte di violazioni gravi dei protocolli anti-Covid consumate in uno dei periodi più difficili di pandemia nel nostro Paese“. Ma non è tutto, la Figc starebbe pensando ad un possibile ricorso al collegio di garanzia.

Gravina

IL GESTACCIO DI KOLAROV : MULTATO

Continua a leggere

Primo Piano

Espulsione Luiz Felipe, adesso è emergenza difesa

Espulsione Luiz Felipe, l’unica dolente del match ed adesso è emergenza difesa

Avatar

Pubblicato

il

luiz felipe lacrime lazio inter 159qwdcfg99121ijju0f5q2vfy
<

Espulsione Luiz Felipe, l’unica dolente del match ed adesso è emergenza difesa

Espulsione Luiz Felipe. Il rosso diretto al difensore brasiliano è l’unica nota dolente del match. Espulsione arrivata a fine partita in modo confusionario con il centrale che è poi scoppiato in lacrime. In lacrime anche noi dopo che nessun giocatore dell’Inter ha subito il cartellino rosso aggredendo Felipe Anderson dopo il gol, ma questa è un’altra storia. Adesso il problema sorge spontaneo, senza Acerbi e ora anche Luiz Felipe chi difenderà ? Per Sarri è una vera e propria emergenza difesa.

Luiz Felipe

LA CHIAVE DEL MATCH : I CAMBI DI SARRI

Continua a leggere

Articoli più letti